I 13 film indiani e stranieri più trascurati dal 2015

1. 'Respirare' (dir. Mélanie Laurent)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/BREATHtrailer.mp4
Il secondo lungometraggio dell'attrice trasformata in regista, Mélanie Laurent, è 'Mean Girls' per il pubblico d'essai. Basato sul romanzo omonimo di Anne-Sophie Brasme, il film di Laurent si concentra su una coppia di studentesse francesi non corrispondenti che diventano amiche veloci nel tipo di modo consumante e ossessivo che dovrebbe sembrare familiare a molti spettatori. Mentre la sua relazione con la selvaggia Sarah (Lou de Laage) inizia a erodersi, Charlie (Josephine Japy) inizia a sgretolarsi in modi straordinariamente inquietanti. Laurent inchioda la natura delle amicizie femminili, dalla passione e l'eccitazione della nuova parentela e identità alla profonda tristezza quando le cose vanno male. I tocchi psicologici di Laurent spingono il film in un territorio inaspettato. Ciò che inizia come un'amicizia veloce e un'intima sorellanza si trasforma lentamente in una battaglia psicologica per la superiorità, e Laurent eccelle nel dare vita ai temi inquietanti della gelosia e del tradimento attraverso una tavolozza visiva e audio sensibile. Zack Sharf

LEGGI TUTTO: I 10 migliori film non distribuiti del 2015 secondo il critico cinematografico di Indiewire

2. “A proposito di Elly” (dir. Asghar Farhadi)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/AboutElly.mp4
I migliori misteri non sono eccitanti per la loro abilità nella risoluzione del crimine o colpi di scena. Invece, un grande mistero investe nei suoi personaggi; l'eccitazione emerge dall'inconoscibilità della natura umana. Sebbene 'About Elly' sia la storia di una persona scomparsa, le domande sulla scomparsa, per quanto sconcertanti, sono secondarie. Il regista iraniano Asghar Farhadi - il cui magistrale vincitore del premio Oscar 'A Separation' ha anche vissuto l'esperienza psicologica della società del suo paese - è interessato a increspare l'impatto dell'evento. Il forte cast di ensemble offre prestazioni avvincenti a tutto tondo mentre i loro legami interpersonali iniziano a sfilacciarsi e infine a smantellare. La scomparsa di Elly diventa uno specchio fratturato della cultura iraniana, esponendo una diffidenza intrinseca verso le donne e altre brutte verità. Emily Buder



spazio finale wikipedia

3. 'The Keeping Room' (dir. Daniel Barber)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/The_keeping_room.mp4
Ambientato nel sud rurale del 1865, 'The Keeping Room' si svolge negli ultimi momenti della guerra civile, mentre le truppe del nord avanzano verso la vittoria. Ma quegli eventi si svolgono ben oltre la consapevolezza delle tre donne al suo centro: Augusta (Brit Marling), sua sorella adolescente Louise (Hailee Steinfeld) e la loro schiava Mad (Muna Otaru). Poiché tutti gli uomini della loro vita sono scomparsi molto tempo fa sul campo di battaglia, le donne esistono in un mondo statico, in attesa di una salvezza che hanno iniziato a realizzare che non arriverà mai. Direttamente diretto da Daniel Barber ('Harry Brown'), 'The Keeping Room' si svolge quasi interamente nei confini di una sterile fattoria della Carolina del Sud, ma è denso di attività fisica e implicazioni più grandi su genere, razza e progresso americano. L'azione ha l'intensità paranoica di un orribile Peckinpah western, ma Barber lo sviluppa attraverso una lente storica progressiva che ne mette in primo piano l'originalità. Zack Sharf

4. 'Il sale della terra' (dir. Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/TSOTETrailer.mp4
Sebastião Salgado ha dedicato gran parte della sua vita all'abile documentazione della sofferenza umana nel tentativo, con le sue stesse parole, di 'testimoniare la condizione umana'. 'Il sale della terra' testimonia il frutto del lavoro di Salgado: splendide immagini in bianco e nero che attraversano molte sfumature dell'umanità, da una miniera d'oro infernale in Brasile alla straziante siccità del Sahel in cui un milione di rifugiati morì di fame. La fotografia di Salgado evoca un senso di colpa inquietante: all'interno delle immagini sbalorditive e terrificanti, i soggetti, molti dei quali sono in preda alla morte e al dolore, chiedono aiuto con l'ultimo briciolo di dignità a loro disposizione. Emily Buder

the rimanente stagione 1 episodio 2

5. 'The Boy' (dir. Craig Macneill)

Cosa rende un killer: natura o educazione '> 6. “Wild Tales” (dir. Damián Szifron)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/WildTales.mp4
La bruciante satira di Damián Szifron è arrivata negli Stati Uniti quest'anno, mettendo in atto un assalto selvaggio alla società argentina contemporanea che spinge i pregiudizi di classe e di genere attraverso una serie di segmenti morbosi vivi di umorismo oscuro. Sviluppato attorno a sei storie distinte di scontri surrealisti e trame di vendetta, il film ha sfumature dell'elegante miscela di commedia e melodramma di Pedro Almodovar, ma si svolge più come una commedia di Buñuel sulla velocità, passando da un'istanza che induce a sussultare. Ogni capitolo di 'racconti selvaggi' invoca alcuni aspetti della vendetta, sebbene l'unico elemento coerente sia un formidabile senso dei valori di produzione. Mentre il suo discreto numero di esplosioni, combattimenti sanguinosi e acrobazie potrebbe suggerire diversamente, il film ha molto in mente, esponendo sovversivamente i costrutti sociali arretrati e i blocchi burocratici dell'Argentina contemporanea. Grazie all'elaborazione fluida e alle riprese, la qualità raffinata del film tiene insieme le sue polemiche. Zack Sharf

7. '6 anni' (dir. Hannah Fidell)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/6%20YEARS%20Trailer%20%28Taissa%20Farmiga%2C%20Ben%20Rosenfield%20-%20ROMANCE%29.mp4
Sulla scia di 'Blue Valentine', la delicata coppia di Hannah Fidell segue Dan (Ben Rosenfield) e Melanie (Taissa Farmiga) all'età del college mentre scoprono fessurazioni nella loro relazione di sei anni, con il risultato di un processo estenuante e alla fine tossico di rifiuto. Le esibizioni completamente improvvisate di Rosenfield e Farmiga sono strazianti; in ogni scena, lo scioglimento della relazione diventa sempre più chiaro, ma il luogo della responsabilità è sempre più complesso. Di chi è la colpa quando nessuna delle due parti è abbastanza forte da districarsi dai torrenti del giovane amore? Emily Buder

2015 contendenti oscar

8. “Alleluia” (Fabrice Du Welz)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/ALLELUIA-OfficialTrailer.mp4
Ispirato ai 'Lonely Hearts Killers' degli anni '70, il quarto lungometraggio dello scrittore e regista belga Fabrice Du Welz recita come un incubo seducente e viscerale. Il film segue una donna isolata, Gloria (Lola Dueñas), il cui forte desiderio di un truffatore professionista (Laurent Lucas) la porta ad aiutare nei suoi crudeli atti di omicidio. La storia potrebbe sembrare una leggenda urbana che hai visto prima, ma l'esecuzione del materiale di Du Welz è tutt'altro che ordinaria. Esplorando la mentalità della sua protagonista visualizzando la sua disordinata psiche nella sua estetica, Du Welz sostituisce i brividi economici con un senso più sperimentale e calcolato di intensificare la tortura interna. Di conseguenza, 'Alleluia' sembra più a suo agio nell'atmosfera horror degli anni '70 che nel mercato di genere di oggi. È davvero scioccante. Zack Sharf

9. 'Cosa facciamo nell'ombra' (dir. Jemaine Clement, Taika Waititi)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/WhatWeDoTrailer.mp4
Questa è la migliore commedia dell'anno, tranne nessuno. L'assurda premessa, 'Real World', ambientata in una dimora di vampiri piena di coinquilini di età compresa tra 180 e 8000 anni, è perfettamente abbinata a un tono mockumentary impassibile che trova il clan succhiasangue che litiga su piatti, lupi mannari e donne. Le ridicole gag e callback di Clement e Waititi si fondono in un'avventura esilarante intelligente, risata ad alta voce. Emily Buder

10. 'Field' (dir. Jason Banker)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/FELT_THEATRICAL-HD%201080p.mp4
'Felt', il viscerale thriller horror di Jason Banker, trova l'artista Amy Everson protagonista della sua vera storia come una donna che affronta un trauma sessuale passato creando un alter ego grottesco in costume che si riappropria della forma maschile. Abbracciando questa parte di lei autorizza Amy a essere impavida e a proteggersi, presto prende una vita a sé stante e si scaglia contro di lei dopo che fa amicizia con un ragazzo apparentemente buono. Esplorando la sessualità e combattendo la cultura dello stupro, il film si traduce in una potente affermazione femminista sulla santità della vulnerabilità femminile e sui modi in cui è preda e corrotta dall'aggressività e dalla superiorità maschile. Zack Sharf

11. 'People Places Things' (dir. James C. Strouse)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/peopleplacesthings-tlr1_h1080p.mp4
Ancorato da un cast stellare e da una sceneggiatura esilarante, il regista Jim C. Strouse bilancia elementi drammatici con una commedia arguta nella vincente 'People Places Things'. Il cuore del film è rappresentato dall'esibizione di Jemaine Clement ('Flight of The Conchords' ) nel ruolo di Will Henry, uno scrittore grafico depresso e un padre single che cercano di rimettersi in sesto dopo aver sorpreso sua moglie a tradirlo per il compleanno delle sue due figlie gemelle. Girato in luoghi intimi di New York, il film mantiene un'atmosfera personale e radicata. È tenuto insieme da splendide opere d'arte che fungono sia da meccanismo per far fronte a Will sia per comprendere i suoi sentimenti inespressi, poiché sente che si sta costruendo un muro tra lui e la sua famiglia. 'Persone, luoghi, cose' incessantemente divertenti, spiritosi e sentimentali parlano contemporaneamente di molte sensibilità. Zack Sharf

12. 'Runoff' (dir. Kimberly Levin)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/Runoff_Official_Trailer.mp4
Forse il film più sottovalutato in questa lista, il dramma avvincente di Kimberly Levin mette in primo piano il dilemma morale più importante del nostro tempo. Betty, una giovane madre che possiede e gestisce una fattoria, si trova di fronte a un patto faustiano che la vedrà abbandonare la sua etica ambientale per salvare il proprio sostentamento. Il presupposto per la decisione si realizza in colpi toccanti e affabili che portano lo spettatore nel dilemma di fronte a noi tutti in un modo o nell'altro: viviamo la nostra vita per noi stessi, o per i nostri nipoti e il futuro della terra? Come tale, lo sforzo di questo regista per la prima volta merita di essere visto. Emily Buder

13. 'Five Star' (dir. Keith Miller)

http://v.indiewire.com/videos/indiewire/Five_star_trailer.mp4
“Five Star” di Keith Miller è ambientato tra i pericoli della vita di gruppo nei progetti abitativi di Brooklyn, seguendo un membro permanente dei Bloods mentre prende il figlio del suo mentore ucciso sotto le ali e lo versa nei codici della strada. Un'ambientazione e una trama spesso sensazionalizzate sul grande schermo, Miller ha riscosso un ampio consenso per aver portato un realismo incrollabile nei procedimenti, arrivando al punto di usare i non attori che sono veri ex membri della banda che si rifanno alle loro stesse vite. Il risultato è un film che crea un'atmosfera quasi documentaristica nella sua struttura narrativa, sfocando il confine tra finzione e realtà per un potente dramma di gang che attinge a verità più grandi sul suo mondo reale. Zack Sharf



LEGGI TUTTO: I migliori 15 film del 2015 Secondo il critico cinematografico di Indiewire

aster ereditario ereditario

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers