21 film sul sesso strano, eccentrico o compulsivo

Indiewire



Forse la cosa più sorprendente di Lars Von Trier ’; s “;ninfomane”; (entrambe le parti sono ora su VOD: ecco la nostra recensione della parte 1 e parte 2) Shia LaBeoufL'accento è che è un film che è totalmente, spudoratamente, inevitabilmente di sesso. Mentre coito, rumpy, rapporti sessuali, balling, humping, bestia con due schienali sono presenti in qualche forma o forma con estrema frequenza nel cinema, solo raramente formano il centrale, aspettalo, spinta della storia, probabilmente in parte perché i distributori (specialmente negli Stati Uniti) sono spesso accusati di una serie di puritanesimo quando si tratta di sesso, in particolare se confrontati con il loro atteggiamento molto più spensierato nei confronti della violenza, e in parte perché anche oggi il pubblico mainstream può essere scoraggiato persino da un soffio della connotazione sporca di vecchio in un cappotto sporco. Il che significa che, inoltre, film come &ndoman; ninfomane ”; che scavano nei recessi più oscuri della sessualità umana (gioco di potere, fantasie tabù e feticci, BDSM, dipendenza dal sesso, ecc.) sono ancora meno.

Sean Penn gay

Ci siamo dilettati in quest'arena non molto tempo fa, scegliendo di, ehm, celebrare ”; l'immagine grottesca e indimenticabile di Cameron Diaz macinando un parabrezza di un'auto in 'il consigliere, 'Eseguendo 15 scene di sesso strano, avendo già corso le scene di sesso migliori e peggiori. Ma ci ha portato a pensare a film che hanno preso ulteriormente la posizione audace di 'Nymphomaniac', che ha costruito la loro intera narrativa intorno al sesso scioccante, sconcertante o fetish. Quindi, evitando cose più domanti che abbiamo trattato prima, come nella nostra funzione Losing Your Virginity Movies, e anche cercando di evitare in gran parte il sottogenere del thriller erotico che un giorno merita una caratteristica tutta per sé (scusate “;Istinto primitivo”; fan) abbiamo aperto gli occhi aperti sulle nostre maschere gimp e ammanettati al lettore DVD, per offrirti 21 film che, dalle commedie ai drammi alle esplorazioni artistiche non categorizzabili, camminano sul lato selvaggio, più strano e spesso più preoccupante del sesso.



“;Salò, ovvero i 120 giorni di Sodoma”; (1975)
Quasi sicuramente il più 'estremo' film in questo elenco, Pasolini'S “; Salò, o i 120 giorni di Sodoma ”; è facile odiare per la sua rappresentazione intricata, estesa e apparentemente semplice di implacabile depravazione e crudeltà sessuale, e nessuno può essere incolpato di averlo spento a metà. Ma questo - l'ultimo film che Pasolini ha completato prima del suo omicidio e uno che dalla sua uscita nel 1975 è stato frequentemente condannato, tagliato e completamente bandito - ha molto più che una cattiveria inutile. Un adattamento di un libro dell'uomo che ha dato il suo nome al sadismo non sarebbe mai stato trasformato in un giro a Disneyland, e il Marchese de Sade'Il libro di 120 giorni di Sodoma' è letteralmente un elenco meticoloso di atti tabù di sesso e violenza, con un dispositivo di inquadratura estremamente sottile che è stato abbandonato a metà strada: ma Pasolini crea da esso un film che riguarda meno il sesso di quanto non lo sia il potere e il suo esercizio. Non si tratta nemmeno del fascismo — il quartetto di maltrattatori potrebbe appartenere a quasi ogni momento o luogo e non ha alcun programma al di là del proprio piacere — e non è neppure un esame di psicologia: piuttosto, 'Salò'. riguarda il modo in cui il potere diventa fine a se stesso e quello che tutti noi desideriamo: e il suo messaggio è quindi tanto più orribile nella sua universalità. Tuttavia, non ti incolpiamo ancora se vuoi guardare qualcos'altro. [B +]



“;schianto”; (1996)
“; Come un film porno realizzato da un computer … in un algoritmo errato ”; è così che Roger Ebert ha memorabilmente descritto David CronenbergL'adattamento di JG Ballard ’; s romanzo sui parafiliaci degli auto crash. E intendeva questo in a bene modo-”; Crash ”; può essere uno dei matrimoni più perfetti di tutti i tempi dell'approccio estetico e tematico di un regista particolare con la filosofia e l'umore del suo materiale originale. Protagonista, per la terza volta in questa lista, quel kinkster James Spader, insieme a Holly Hunter, Deborah Unger, Rosanna Arquette e Elias Koteas, il film è davvero notevole, anche se per la sterilità cerebrale della sua esecuzione come, ancora una volta, l'esperto di orrore del corpo Cronenberg riesce a coinvolgere il cervello e girare lo stomaco bypassando del tutto il cuore. È un film davvero affascinante, brillante, profondamente sconvolgente e presciente in ciò che suggerisce sulla nostra relazione con la tecnologia e su come potrebbe essere in procinto di abbattere la nostra capacità di connetterci tra di noi come esseri umani. Certo, a quel tempo scatenò indignazione e alcuni divieti (anche se vinse anche il Premio speciale della giuria a Cannes), per il suo ritratto disadorno del particolare feticcio di essere sessualmente suscitato da incidenti d'auto (e dobbiamo credere in particolare alla scena in cui Spader scopa la ferita alla gamba di Arquette), eppure è un affare straordinariamente privo di sangue, freddo e metallico al tatto; possiamo solo chiederci quanto possa essere diventato sensazionalista in modo meno chirurgico nelle mani di Cronenberg. Per fortuna, questa è la versione che abbiamo ottenuto e, in quanto provocatoria, tariffa per adulti, è vicina all'essenziale. [UN]

Billy Mitchell, re di kong

“;Uscita all'Eden”; (1994)
Il più delle volte, scrivere di film è un grande onore e un privilegio, ma ci sono rare occasioni in cui ci sentiamo martiri. Il proiettile che abbiamo preso per te questa volta è una stella E Aykroyd, Rosie O 'Donnell, Dana Delaney e Paul Mercury in una storia che, accattonando la convinzione, si basa su una Anne Rampling (aka Anne Rice) romanzo. Ma mentre regista Garry Marshall e i produttori erano chiaramente incuriositi dall'idea di un film ambientato su un'isola in cui le persone vanno a esplorare le loro fantasie di dominazione / sottomissione, nella loro saggezza hanno anche deciso che ciò di cui aveva bisogno la trama del romanzo fetish del romanzo era un HI-LARIOUS Trama degli anni '90 che coinvolge una coppia di criminali di contrabbando di diamanti che vengono inseguiti sull'isola da una coppia di poliziotti stravaganti, la cui femmina è meno magra di tutte le altre donne dell'isola! In realtà, per quanto incredibile possa essere, O Donnell è in realtà colui che esce da questo trombone tristemente orribilmente mal giudicato di un film con la più alta dignità intatta; Aykroyd è inesistente come il suo partner, Mercurio goffo e rinforzato pesantemente dal suo sottile “;Sala da ballo rigorosamente”; giorni e Delaney solo orribilmente, orribilmente in errore come la dominatrice 'Maestra'. che cavalca un cavallo indossando una successione di toga filmata. E risparmia un pensiero ai poveri, incredibilmente belli fede, che, su queste prove, avrebbe dovuto limitare la sua carriera di attore alla strana pubblicità di Tia Maria. Abbiamo visto questo mucchio di merda in modo che tu non debba, non devi ringraziarci, non dimenticarti mai. [F]

“;La bella addormentata ”; (2011)
Autore Julia Leigh (che ha scritto il romanzo “;The Hunter ”; su cui il 2011 Willem Dafoe il film era basato) è stata forse una vittima di overhype per il suo debutto alla regia: impadronirsi di una slot nella competizione principale in Cannes e con un ronzio in anticipo che promette qualcosa di soffocato con un erotismo audace e insolito, il pittoresco e distaccato pittorismo del film finale potrebbe essere sembrato una delusione per alcuni. La nostra recensione è stata più positiva, tuttavia, ed è quella a cui ci aspettiamo: mentre il personaggio di Lucy (Emily Browning) potrebbe rimanere sottosviluppato e la storia si conclude con una nota troppo enigmatica per il suo bene, c'è molto da ammirare qui. Meno la parabola femminista è stata fatturata come e più, per noi, un esame delle decisioni incrementali che possono condurre una persona disponibile in profondità, in fondo alla tana del coniglio prima ancora che se ne rendano conto, il film in realtà ritrae pochissimo sesso, ma riguarda assolutamente le idee sessuali di potere e controllo. Lucy prende un lavoro come servizio d'argento ”; cameriera privata, vestita di lingerie, che porta a un redditizio margine nel lasciarsi drogare in uno stato comatoso mentre gli uomini (uniformemente più anziani, ragazzi ricchi) sono autorizzati a fare ciò che vogliono con il suo corpo addormentato, a meno della vera penetrazione. Caratterizzato da una performance spesso nuda di Browning (che in qualche modo infonde a Lucy una personalità, sebbene egocentrica, piuttosto calcolatrice), e una cinematografia compatta, liscia come il marmo, è un film peculiare, freddo che chiede di più domande a cui risponde, ma le domande stesse sono intriganti e valgono la pazienza che richiedono. [B]

uomini a bagno

“;segretario”; (2002)
“; Chi dice che l'amore deve essere morbido e gentile '>

“;Racconti immorali”; (1974)
La linea di demarcazione tra esplicita tariffa d'autore e softcore è mai stata difficile da tracciare, ed è quella che il regista polacco Walerian Borowyck definitivamente attraversato più tardi nella sua carriera, dirigendo, tra gli altri film, la quinta puntata di “;Emmanuelle”; serie, che è stata persino pubblicata in una versione hardcore. Ma " Immoral Tales ”; è stato solo il suo terzo lungometraggio e il suo primo grande successo, e tra le sue quattro storie selvaggiamente irregolari, contiene alcune immagini abbastanza spettacolari, sebbene tutte al servizio di un'agenda immensamente libidinosa. Il quartetto di segmenti non correlati inizia con la storia più debole e noiosa di un ragazzo che seduce il cugino per dargli un pompino sulla spiaggia in tempo al ritmo delle maree o di un vecchio guff: il suo dialogo super pretenzioso è quasi insopportabile nei sottotitoli e praticamente inascoltabile doppiato. La seconda storia parla di una pia ragazza chiusa nella sua stanza come punizione per una trasgressione il cui fervore religioso si mescola all'eccitazione sessuale per gentile concessione di un grosso cetriolo. Il terzo filo è il migliore, con Colomba piccione come la contessa Bathory, l'aristocratico ungherese nella vita reale diceva di aver fatto il bagno nel sangue delle vergini, mentre gli ultimi dettagli gli shenanigans incestuo-blasfemi di Lucrezia Borgia. Il valore di curiosità del film come soggetto di vari divieti è davvero il motivo principale per soffrire per la sua intensa estetica arte / porno degli anni '70 ora, anche se se qualcuno sta facendo una tesi sull'evoluzione delle mode dei peli pubici attraverso i secoli, il la quantità di cespuglio in mostra qui lo rende praticamente imperdibile. [C]



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers