Abbas Kiarostami parla di 'Taste of Cherry'

Abbas Kiarostami parla di 'Taste of Cherry'

migliori film horror indie



di Anthony Kaufman


Sembra che in un momento in cui l'Iran si sta aprendo a più scambi culturali
più che a caso quel famoso regista iraniano, Abbas Kiarostami
è in tournée negli Stati Uniti per pubblicizzare il suo film vincitore della Palma d'oro o di Cannes,
'Taste of Cherry', il suo secondo arrivato in questo paese con ufficiale
distribuzione. Ma Kiarostami insiste sul fatto che il suo viaggio negli Stati Uniti sia stato
pianificato due anni prima e aggiunge: “Le persone nei paesi sono come
bambini. Mentre i loro genitori potrebbero combattere, continuano a stabilire
relazioni. Anche se sono bambini di famiglie diverse,
hanno ancora una relazione. '

“Taste of Cherry” è un film semplice e profondo su un uomo alla guida
attraverso polverosi versanti montani e cantieri edili, alla ricerca di un uomo
per aiutarlo a suicidarsi. Sebbene il film provenga da un luogo in cui
la maggior parte degli americani pensa solo agli ostaggi e Khomeni, trascende i suoi
paese, creando una storia universale che il pubblico di tutto il mondo ha sentito
nelle loro anime. E con una conclusione che ti stravolge la mente
il film è forse il più rischioso da interpretare negli Stati Uniti da allora
Il fan di Kiarostami, Jean-Luc Godard, è arrivato qui circa 40 anni fa.

Indiewire: Le persone possono fare film in Iran senza il governo? Può
ottengono solo una macchina fotografica e iniziano a raccogliere i soldi?

Abbas Kiarostami: No, non può essere fatto in Iran. Prima dell'elezione di
Presidente Hatami, c'erano più restrizioni ed era più difficile
per un regista di iniziare un film. Ma le restrizioni sono state
ridotto e sono stato diminuito in questo momento ed è un migliore
ambiente per il cinema.

iW: Ti prenderesti il ​​merito per tutto ciò?

Kiarostami: No, non è correlato. È solo la pressione che è stata
sul punto di bollire e dovevano fare qualcosa.

iW: In un articolo di Godfrey Cheshire, spiega la tecnica che usi
durante le riprese delle conversazioni in macchina, in cui nessuno degli attori
il film si incontrava ed eri sempre seduto di fronte a loro e
parlando con loro. Come hanno funzionato queste scene? Hai improvvisato?

Kiarostami: Sì e no. Scrivo prima ogni riga perché questo mi dà
sicurezza di sé quando vado a girare una scena. Ma questo non è qualcosa
Mi sono impegnato a. Vado con una mente aperta. Sono disposto a cambiare il
linee se necessario. Se un giorno mi sento obbligato a sparare
qualunque cosa sia già nella mia sceneggiatura, potrebbe essere una giornata noiosa
me.

iW: Il giovane soldato con cui parli è particolarmente reale e spontaneo.
Non è un attore, ovviamente, come l'hai trovato e suscitato tale
risposte da lui?

Kiarostami: In origine, quel ragazzo è apparso in uno degli scatti precedenti
del film in cui ci sono alcuni giovani che si offrono volontari per fare alcuni
opera. È lì che lo abbiamo trovato e ci è piaciuto per la parte del
soldato. Ma la cosa interessante del soldato è in tutto il
le riprese del film, non pensava che stessimo girando il vero film,
così continuava a chiedergli: 'Quando faremo il film?' Perché io
era seduto di fronte a lui e gli parlava. La fotocamera è stata montata
il lato della macchina e c'era una chiave sul volante che io
stava usando sia per avviare l'audio che la videocamera. Da sempre
mentre guidavo e parlavo con loro, questo faceva pensare al soldato di no
davvero la parte. Continuava ad aspettare che gli dessimo una pistola e glielo chiedessimo
uccidere qualcuno o essere ucciso da qualcuno. Continuava a chiederci: 'Che cos'è
affari tuoi con me, perché non mi dici qual è la mia parte? '

Qualunque reazione tu veda da lui è una vera reazione. Anche quando io
non gli dicevo cosa volevamo che facesse. Compreso una volta dove
nel cruscotto dell'auto, gli dissi: “Potresti darmi una scatola di
cioccolatini dal cruscotto ”, e c'era un coltello lì dentro con alcuni
il succo di melagrana, quindi pensava che avessimo ucciso qualcuno - così
è stato come abbiamo ottenuto il tipo di reazioni inorridite che vedi da lui nel
film.

All'interno dello stile che uso, non c'è davvero nessun altro modo di farlo perché
non puoi accoppiare due non attori insieme. Se lo fai, non possono
atto. Non possono fare la scena. Ecco perché stavo usando me stesso.

iW: Puoi parlarci delle location del film? So che questi
sterili colline con un albero solitario sono molto importanti nel tuo lavoro. Perché
queste immagini ricorrenti?

Kiarostami: Non posso dirti perché esattamente sono attratto da quel tipo di
posizioni, per quel tipo di alberi solitari che hai menzionato, ma sono d'accordo
con te che sono molto attratto da loro. Ho sparato agli alberi solitari
negli ultimi vent'anni. Forse è l'albero che mi sta invitando
scatta una foto.

iW: E che dire dell'uso dei siti di costruzione? [La mia intervista
partner, uno scrittore di Boston Phoenix, paragona questo sito al modo in cui
Roma fu rappresentata da alcuni dei neorealisti italiani.]

Kiarostami: Stavo cercando un posto in cui il tipo di estranei
che vedi nel film potrebbe avere una presenza significativa e logica.
Se dovessi andare in un deserto remoto, non ci sarebbe motivo per loro
essere lì. In una città, in un ambiente urbano, non poteva avere
tipo di comunicazione e interazione con queste persone, quindi ho dovuto usare
un luogo in cui c'era una ragione per cui queste persone venivano
insieme. Ma il motivo più importante in quell'ambiente era la polvere
stessa, la polvere doveva dominare tutto.

iW: E persone come Rosselini hanno influenzato te?

Kiarostami: Ricordo quando ero un pubblico più impressionabile
membro, mi stavo ispirando dai cineasti neorealisti. Ma
la somiglianza che vedi con i film neorealisti è dovuta al neorealismo
avuto a che fare con l'Italia dopo la guerra e qui in Iran, vedi una situazione
che è di nuovo una città dopo una guerra, una guerra di 8 anni. Ed è di più
le condizioni sociali e gli elementi umani che ti ricordano a
Film neorealista di quelli stilistici.

iW: La fine del film crea una reazione violenta. Le mie aspettative
sono stati completamente strappati via da me. È un grosso rischio, deve essere un grande
rischio anche per un film iraniano. Puoi discutere di questo rischio?

Kiarostami: È come se parlassi per me. Perché ho sentito l'esatto
stessa strada. Una notte, quando stavo concependo il finale, ci ho pensato
è stato un colpo di scena alla fine. Non mi sentivo abbastanza a mio agio con questo
per tutta la notte e quando mi sono svegliato la mattina, ho pensato
questo era un rischio molto grande, ma valeva la pena assumerlo. Anche quando io
ho persone che discutono della fine del film, mi piace perché
significa che il film non è finito. Non mi interessa se incontra alcune persone
aspettative o va contro quelle aspettative, ma il fatto che il
il film ha una vita nelle loro menti e continuano a pensarci - questo è
Cosa mi piace. Crea un po 'di energia nella mente dello spettatore. E
a volte, penso che quel tipo di energia sia più importante delle persone
essere d'accordo su ciò che vedono o apprezzare ciò che vedono.

nello script del verso del ragno

['Taste of Cherry' è distribuito da Zeitgeist e aprirà domani
in teatri selezionati.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers