'Abstract: The Art of Design': uno spettacolo Netflix offre gli spot pubblicitari più belli in televisione

'Abstract: The Art of Design'



il nostro giorno arriverà il film

Netflix

Nello spirito di fondere forma e soggetto, 'Abstract: The Art of Design'. è uno degli spettacoli più sbalorditivi in ​​TV. La serie di documentari di Netflix, prodotta da Morgan Neville e dall'ex caporedattore di Wired Scott Dadich, non prende il titolo alla leggera e offre una presentazione elegante e vibrante di alcune delle figure più influenti nel mondo del design.



Nella sua stagione di sei episodi, 'Abstract' rdquo; si concentra su una mezza dozzina di individui in vari angoli del mondo del design, attraverso bioingegneria, prodotti digitali e tipografia. Diversi registi (tra cui Neville, Dadich e il recente premio Oscar E. Chai Vasarhelyi) visitano gli uffici, le case e i quartieri di questi creatori nel tentativo di documentare il processo attraverso il quale il loro lavoro salta da una scrivania e alla coscienza pubblica .



“; Abstract ”; spesso sostiene che questi designer stanno fondamentalmente modellando e spostando il modo in cui vediamo il mondo. Non stanno necessariamente inventando una nuova lingua, ma stanno perfezionando il modo in cui le parole vengono stampate su una pagina. Non stanno distruggendo i costrutti di genere da soli, ma stanno fornendo un quadro per il gioco e la creatività. “; Abstract ”; può spesso essere illuminante e stimolante, ma questi profili documentari di 45 minuti spesso si sentono specificamente orientati a suscitare solo quelle risposte. Se preso per intero, gran parte di questa serie sembra un po 'di marketing finemente prodotto a cui queste persone ’; i contributi spesso contribuiscono.

È difficile costruire una serie sulla discussione per la necessità di idee particolari, e 'Astratto'. mostra perché è ancora più difficile farlo contestando persone particolari. C'è il compito specifico di fornire una panoramica delle loro aree di competenza, il tutto mostrando allo stesso tempo il motivo per cui l'argomento dell'episodio specifico è degno di essere individuato. Qui, ciò a volte distoglie dal presentare una visione completa di ciò che sta dietro alcuni di questi individui ’; opera. Questo è quando la vita fuori dallo spettacolo può intromettersi.

'Abstract: The Art of Design'

Netflix

Prendi un episodio sul professore del MIT Neri Oxman, che dedica una parte significativa alle meraviglie (e all'infallibilità implicita) del Media Lab dell'istituto. Vista a settembre 2019, tale valutazione è in contrasto con i recenti rapporti sui legami finanziari del Lab con l'accusato trafficante internazionale di esseri umani Jeffrey Epstein, le cui donazioni al gruppo sono protette da negligenza. Tuttavia, l'ex direttore di Media Lab Joi Ito rimane nell'episodio, parlando calorosamente dei suoi colleghi ’; risultati indescrivibili. Gli spettatori di Will tra tre anni sentiranno il riverbero di questo scandalo '>

Nessuna discussione sul moderno design trasformativo è completa senza almeno una lunga occhiata ai social media, e gli sforzi di questa stagione arrivano sotto forma di profilazione del designer di prodotti Instagram Ian Spalter. A parte la tesi che Spalter è una delle ragioni principali dell'aumento degli utenti dell'app (supportato da un tenue ammasso di dati), l'episodio diventa un bizzarro giro di vittoria IG, sostenendo il successo della piattaforma in relazione al passato dei coetanei e presente, come MySpace e Snapchat. Con un rapido riconoscimento dei recenti problemi di fiducia pubblica della capogruppo Facebook, l'episodio di Spalter è un altro esempio indicativo di una serie che vuole esaltare le virtù dei designer senza fare i conti con eventuali conseguenze indesiderate che il loro lavoro potrebbe avere. Per tutte le discussioni su quanti cambiamenti sta portando questo lavoro nel mondo, l'unico cenno al fallimento è una manciata di post sul blog che non hanno gradito subito il logo Instagram ridisegnato.

La serie ’; l'insistenza nel radicare questa esplorazione del design direttamente attraverso l'obiettivo di singoli individui rende ancora più semplice scivolare in un approccio agiografico. L'episodio di Oxman, che al di fuori di qualche cenno verso alcune creazioni presso e dal MIT Media Lab, è in gran parte un esercizio di aspirazione psicotecnica. Ciò giunge alla conclusione con una discussione su Walden Pond, che trasmette l'episodio su una tangente filosofica, sottolineando come 'Astratto'. spesso chiede al suo pubblico di connettersi con queste persone sulla nobile poesia di ciò che stanno dicendo piuttosto che ciò che hanno creato.

Quindi le puntate di “; Abstract: The Art of Design ”; La stagione 2 che sente il più completo e illustrativo offrire qualcosa al di là dei successi di un individuo. Questi “; Abstract ”; gli episodi si fermano per un momento di autoriflessione, qualcosa che insieme alle testimonianze esterne aiutano a rendere questo qualcosa più di un esercizio di solipsismo. Quando quella vulnerabilità si presenta sotto forma di espressione di insicurezza - come in un episodio dedicato ai traguardi duraturi del leggendario costumista Ruth Carter - si offre a questi soggetti un'opportunità più onesta di respingere la propria mitologia. Sentendo Carter parlare delle sfide e delle notti irrequiete lavorando su 'Black Panther'. offre una visione più approfondita di una scrematura senza conseguenze di come le creazioni di qualcuno si adattano alla commercializzazione di un prodotto o di un candidato. Se la reputazione professionale di qualcuno è la cosa principale in gioco in questi episodi, è un segno che lo spettacolo si sta avvicinando troppo alla superficie.

'Abstract: The Art of Design'

Netflix

Niente di tutto ciò è necessariamente un atto d'accusa sull'imbarcazione visiva complessiva in 'Astratto'. C'è un'enfasi sul presentare queste idee in modo visivamente accattivante, al punto in cui è ammirevole quanto la serie sia costruita nel richiedere agli spettatori di prestare attenzione. È insito nella premessa dello spettacolo che queste idee e concetti richiedono una certa quantità di illustrazione, esigendo bulbi oculari anche se non erano così attraenti ed esteticamente accattivanti per cominciare.

Questi episodi si sentono anche su misura per i loro soggetti, non solo perché questa è un'altra lista di registi diversi che perseguono i propri fini. Le sequenze dei crediti di apertura sono diverse per ogni designer e alcuni episodi si scambiano fioriture di documenti diversi per aiutare a completare la persona al centro. A volte questo significa una diversione illustrata che sottolinea una specifica scintilla di immaginazione. In alcuni episodi diversi, vediamo il soggetto sovrapposto più volte nella stessa cornice, apparentemente clonato per muoversi e occupare diversi angoli letterali del loro ufficio allo stesso tempo.

3 bianchi

Ma l'approccio documentaristico-commerciale è lo stesso problema che incombe su altri esercizi multi-episodio come Inside Bra di Brain: Decoding Bill Gates ”; (distribuito anche da Netflix) e “; Shangri-La, ”; Quest'anno la docuserie Showtime sul produttore musicale Rick Rubin (diretto anche da Neville). Entrambi offrono molto da considerare, ma si basano sull'idea che sono i più potenti se si accettano le persone al centro come visionari. Se tale presupposto non arriva all'inizio, lo show ha bisogno di fare il caso. Non è un processo che lascia spazio a una considerazione equilibrata di queste persone in quanto più che condotte per le parti più importanti dei loro CV.

Un tema in esecuzione attraverso “; Abstract ”; è l'idea di infinite possibilità. Questi designer, sostiene lo spettacolo, hanno raggiunto il loro posto attuale nella coscienza pubblica perché hanno osato elaborare una nuova serie di criteri per il loro successo. In quasi tutti i casi, non si può negare che questi contributi abbiano avuto effetti tangibili nel mondo reale. Ma quelle idee sembrerebbero molto più potenti in questo contesto se più di questi episodi non sembrassero un'altra delle loro stesse creazioni.

Grado: B-

'Abstract: The Art of Design' Stagione 2 è ora in streaming su Netflix.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers