Adam Elliot, 'Mary and Max': difetti, limitazioni e possibilità

NOTA DELL'EDITORE: Fa parte di una serie di interviste, condotte via e-mail, creazione di profili di concorsi drammatici e documentari e registi di American Spectrum che proiettano film al Sundance Film Festival 2009.

titoli di film per descrivere la tua vita

'Mary e Max' daranno il via al Sundance Film Festival 2009. Un'animazione di Claymation del regista pluripremiato Adam Elliot ('Harvie Krumpet'), racconta la semplice storia di un'amicizia da 20 anni tra due persone molto diverse: Mary Dinkle, una paffuta, solitaria di 8 anni ragazza che vive nella periferia di Melbourne, e Max Horowitz, un ebreo di 44 anni, gravemente obeso, soffre della sindrome di Asperger e vive una vita isolata a New York City.

Maria e Max
Premieres
Regista / sceneggiatore: Adam Elliot
Produttore: Melanie Coombs
Direttore della fotografia: Gerald Thompson
Redattore: Bill Murphy
Cast: Toni Collette, Philip Seymour Hoffman, Barry Humphries, Eric Bana
Australia, 2008, 92 min., Colore e b / n



Per favore presentati…

Mi chiamo Adam Elliot e ho appena finito di creare una 'Clayography' (biografia sull'argilla), che ha impiegato il mio team e cinque anni per creare; dalla 'sceneggiatura allo schermo'. È stato tutto da consumare, ma quale film non lo è? È il mio sesto film d'animazione e il mio primo lungometraggio. L'esperienza è stata decisamente amara e dico alla gente che fare una funzione di stopmotion è come fare l'amore e essere pugnalato a morte allo stesso tempo! Suppongo che sia per questo che non ce ne sono molti in giro. Nonostante il sangue, il sudore e le lacrime, siamo molto orgogliosi di 'Mary e Max' e speriamo che il pubblico si impegni, si diverta, si commuova e, si spera, impari e lasci il cinema nutrito in qualche modo. Le persone continuano a dirci che il film è unico. L'ho trovato curioso e strano per un po ', ma ora capisco. Siamo plastilina, trattiamo temi per adulti, siamo australiani, siamo indipendenti e i nostri personaggi sono strani.

Non ho mai voluto davvero essere un arginatore, un filmmmaker o anche uno scrittore; è stato tutto un incidente. Volevo diventare veterinario, ma i miei voti al liceo non erano abbastanza buoni. Sono stato comunque sempre bravo a disegnare e mi è piaciuto creare cose con vecchie scatole da scarpe, astucci per uova e scovolini. Mi sono imbattuto nella scuola di cinema del Victorian College of the Arts quando avevo circa vent'anni e pensavo di provarlo! Stavo programmando che il mio primo cortometraggio 'Zio' fosse un'animazione in 2D, ma i miei docenti mi hanno convinto che sarebbe stato visivamente più coinvolgente come un'argilla. Avevano ragione e non ho mai guardato indietro e amo la natura tattile e tangibile dell'animazione di stopmotion.

Evito la parola handicappato o disabilitato. Tutti i miei personaggi hanno dei 'difetti' e credo che tutti abbiano un difetto di descrizione e grado. Così tanti di noi nascondono i nostri difetti. Il mio obiettivo è evidenziare e celebrare le imperfezioni delle persone e sottolineare che nessuno è puro o perfetto. Baso i miei personaggi sulle persone intorno a me e ho stretto amicizia con così tante persone che vengono etichettate come 'diverse'. Sento che le loro storie devono essere raccontate; le persone hanno bisogno di conoscere queste persone, condividere e comprendere la propria vita. 'Max' è basato sul mio vero amico di penna a cui scrivo da oltre 20 anni e ho lasciato che il suo mondo mi ispirasse. Condivide molti dei tratti di Max, ma ci sono molti abbellimenti ed esagerazioni. Come dice il proverbio: 'non lasciare mai che la verità si frapponga a una buona storia'.

Io stesso ho un 'difetto'; un tremore fisiologico che mi fa tremare le mani. Non ne parlavo mai veramente, ma la gente spesso se ne accorge e me lo chiede; spesso pensano che io sia nervoso. A volte può essere un vero problema e ho difficoltà a disegnare o scrivere. L'ho incorporato nel mio stile di disegno 'traballante' ed è diventato la mia estetica. Credo che ci siano molti aspetti positivi di un presunto difetto o limitazione fisica.

rimorchio della stella di latta

Siamo stati molto fortunati con i nostri attori e abbiamo inserito tutti nella nostra lista dei desideri (Philip Seymour Hoffman, Toni Collette, Eric Bana, Barry Humphries). Tutti hanno detto di sì 'dopo' la lettura della sceneggiatura e sono stati motivati ​​a far parte del nostro team a causa della storia e non dei soldi che stavamo offrendo loro. Il nostro intero budget, (8 milioni di AUS), era quello che alcuni di loro venivano solitamente pagati per apparire in un film, quindi di nuovo, siamo stati molto onorati di voler lavorare con film per la prima volta a basso costo e registi indipendenti.

Adam Elliot, regista di “Mary and Max”. Immagine fornita dal Sundance Film Festival

Per favore, approfondisci un po 'il tuo approccio alla realizzazione del film ...

I miei film sono biografie di argilla o 'argonografie' come mi piace chiamarle. Esplorano temi di solitudine e differenza. Comincio sempre con i dettagli e lavoro all'indietro fino a quando si spera che non appaia una trama. Non sono ossessionato dalla trama e dalla struttura, ma spero che alla fine appaiano naturalmente e intuitivamente. Credo nella scrittura dal cuore e non dalle linee guida nei manuali di sceneggiatura. Il mio lavoro come regista di sceneggiatori è ovviamente quello di inventare una bella storia e poi raccontarla bene. Cerco di caricare i miei film con dettagli immensi e cerco di essere originale, fresco e unico. Naturalmente questo è follemente difficile e ogni sceneggiatura che ho scritto ha attraversato un sacco di sudore di sangue e lacrime. Alla fine di 'Mary e Max' mi sentivo come se avessi una carenza di sale dalla quantità di pianto che ho fatto. Non sono davvero ispirato direttamente da altri cineasti, ma adoro la vita e il lavoro della ritrattista, Diane Arbus, (c'è persino un suo personaggio di plastilina sullo sfondo di una delle scene di 'Mary and Max').

Quali sono state alcune delle maggiori sfide che hai dovuto affrontare nello sviluppo del progetto '>

Quali sono i tuoi progetti futuri?

valutazioni delle stazioni di notizie

Ho un'idea molto piccola di un'idea, ma è un segreto che non mi sono nemmeno pronunciato ad alta voce!

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers