'Aziz Ansari: Right Now' è uno speciale stand-up incredibilmente imbarazzante - e meglio per questo

Aziz Ansari e Spike Jonze realizzano 'Right Now'

Netflix

pellicola standard per cipolla

Ci sono contraddizioni a bizzeffe all'interno di 'Aziz Ansari: Right Now', il primo speciale stand-up del comico in quattro anni e la prima offerta di intrattenimento ampiamente accessibile dalla seconda stagione di 'Master of None' (presentata per la prima volta a maggio 2017). Per prima cosa, la nuova versione di Netflix non è poi così divertente - è uno stand-up speciale, ma non è proprio fuori per le risate. Incorniciato da una sincera pseudo-scusa e un sincero ringraziamento, Ansari non è interessato a fare la battuta a tutti i costi, per quanto voglia impegnarsi nuovamente con il pubblico che ha quasi perso.



Il primo punto segna la traiettoria naturale del comico, mentre passava da un narratore dall'aspetto interiore, trovando umorismo nelle conversazioni quotidiane, a un umorologo ologramma esteriore, esaminando i moderni schemi sociali attraverso l'interazione del pubblico mentre era sul palco e conducendo ricerche sul campo quando fuori di esso (mostrato nel suo libro, 'Modern Romance'). Ma l'idea di perdere il suo pubblico, che ha avuto un colpo quando un articolo di Babe.net del 2018 ha messo in evidenza una denuncia di cattiva condotta sessuale nei confronti di Ansari, è ciò che sta realmente guidando 'Right Now'.

Il suo desiderio di riparare qualsiasi legame interrotto è visto fin dall'inizio, mentre si apre parlando delle accuse di cattiva condotta sessuale - la ragione del suo esilio autoimposto e un'interazione di cui si sente 'terribile'.

'Ho provato tante cose nell'ultimo anno - ci sono volte in cui mi sono spaventato, a volte mi sono sentito umiliato, a volte mi sono sentito in imbarazzo', afferma Ansari. “E alla fine, mi è sembrato terribile che questa persona si sentisse così. Dopo circa un anno, spero solo che sia stato un passo avanti. Ha fatto avanzare le cose per me, mi ha fatto riflettere molto. '

Il regista Spike Jonze porta gran parte del suo stile nel procedimento. Segue Ansari nel locale dalla strada, con la copertina di 'Velé Blue Eyes' di Lou Reed di Lou Reed che copre i frammenti di conversazione tra un interprete chiaramente nervoso e il cameraman che rimarrà al suo fianco - letteralmente - per tutto il set. Dopo essersi nascosto da una porta laterale anonimo, la cinepresa sale sul palco con Ansari e le piante proprio accanto a lui per la durata di 65 minuti. Ansari riconosce la sua presenza, dicendo al pubblico di non preoccuparsi, che non è un paparazzo aggressivo - dovrebbe essere lì.

Ma gli scatti dal palco si dimostrano i più suggestivi. Sebbene ci siano molti angoli tradizionali (dalla prima fila della folla, da dietro un paio di teste nel mezzo, da entrambi i lati del palco, ingrandendo mentre parla Ansari), ogni volta che Jonze taglia il tiro proprio accanto ad Ansari , proprio lì con lui sul palco, ti sembra di essere invitato a sperimentare il set dal punto di vista del comico invece che dello spettatore. Non fai più parte del pubblico perché non è così che il pubblico vedrebbe le cose - sei tutt'uno con Ansari, vedendo i suoi nervi mentre la sua voce cala a un'ottava crepitante ogni volta che fa una dichiarazione sincera e sente il suo sollievo ogni volta che si impiglia una risata o un applauso.

Aiuta Ansari a vestirsi; un soggetto più appropriato per gli standard spettinati di Jonze, che sfoggia una t-shirt Metallica vintage, jeans grigi e furgoni neri, che mostra le ossa dei piedi che solo una radiografia rivelerebbe, questo è molto lontano dalla megastar assediata che ha venduto Madison Square Giardino. Viene messo a nudo per un set nudo messo a nudo e Jonze sfrutta al massimo il suo aspetto, girando su film 16mm in difficoltà con macchie di polvere o inserite in post o catturate per davvero durante una ripresa di tre giorni.

melissa mccarthy ad

Ed ecco cosa si riduce a 'Right Now': è il vero affare, un ritorno accuratamente progettato, o entrambi? Ogni osservazione che Ansari fa può essere ricondotta alla sua più recente brutta esperienza, un treno di pensieri inevitabile sia per il pubblico che per il comico. Come potrebbe non influenzarlo, così come ha dovuto influenzare la percezione di lui da parte degli spettatori? Ansari sembra saperlo, e anche quando apparentemente supera le accuse, sta abbracciando la nuova natura disordinata nel suo personaggio pubblico.

archer nuova stagione 2017

Quando parla di 'persone bianche svegliate' che scrivono pensieri su ogni piccola cosa, ripensa a tutti i pensieri che sono stati scritti sul suo comportamento sessualmente aggressivo? Quando dice che non puoi giudicare tutti e tutto secondo gli standard del 2019, chiede di non essere giudicato da chi era, ma da chi è adesso? Quando commenta quanto sia strano guardare documentari orribili ma illuminanti come “Leaving Neverland” come intrattenimento, sta anche commentando quanto sia strano che leggiamo articoli sulle vite sessuali delle celebrità anche per divertimento?

Ansari non offre risposte esplicite a queste domande apparentemente invitate - dopo tutto, esistono solo nell'immaginazione del pubblico - ma non offre nemmeno risposte alle domande esplicite. Quando più membri del pubblico dicono di aver finito con R. Kelly di Michael Jackson, sottolinea la disparità, ma non castiga nessuno per la loro apparente ipocrisia. Non proprio. Sta ancora cercando di riconquistare la loro fiducia; la loro fiducia in lui come interprete culturale. Forse non combatte abbastanza duramente con questo tipo di contraddizioni, né offre intuizioni profonde, mai viste prima, tratte dalla sua esperienza unica, ma sotto tutti gli aspetti è ancora nel mezzo. 'Right Now' è un check-in, un aggiornamento, un work-in-progress e tende a riportare il pubblico ad Ansari, anche se molti sono già entrati in esecuzione.

Alla fine del set, torna di nuovo alla sincerità, sostenendo che la Vecchia Aziz che era sempre impaziente del prossimo stand-up speciale, del prossimo spettacolo o del prossimo progetto è morta - sostituita con una Nuova Aziz che onora il momento in cui sta accadendo. Con questo in mente, ringrazia tutti per essere venuti, ma non come era solito fare: questa volta, ha tutti gli occhi chiusi, accetta tutto e poi dice: “buona notte e grazie mille. 'Ansari sa che spendendo i loro soldi e facendo il viaggio in questa sede, questo gruppo ha già deciso di voler sentire di più di ciò che ha da dire.

Ma la domanda più grande spetta al pubblico che guarda a casa: controllare uno speciale di Netflix con un clic di un pulsante è meno di un impegno, ma Ansari vuole guadagnare quel tempo e altro. Non forzando le risposte al suo pubblico, non essendo la posizione prepotente e supponente che esiste altrove, non facendo ritorsioni apertamente contro qualsiasi ingiustizia percepita, sta sostenendo la sua affermazione di aver trascorso l'ultimo anno circa ascoltando invece di rimuginare.

Mentre esce dal palco, la telecamera di Jonze lo segue sul lato opposto da cui è entrato, e Ansari emette un grande sospiro e poi sorride, tagliato in nero. Ha finito. L'ha superato. Ora vediamo cosa succede dopo.

Grado: B

'Aziz Ansari: Right Now' è ora in streaming su Netflix.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers