Oltre l'Ideologico e il Politico in 'Jesus Camp', una chiacchierata con il pastore Becky Fische per bambini

Uno dei film più discussi di recente Tribeca Film Festival è il nuovo documentario provocatorio sui cristiani evangelici, “Jesus Camp. 'Pastore dei bambini Becky Fischer è diventato una specie di parafulmine per molti membri del pubblico del festival Tribeca che hanno visto una delle cinque proiezioni del film durante l'evento recentemente completato. Rachel Grady e Heidi EwingIl film, vincitore di uno speciale premio della giuria per risultati eccezionali nel documentario, è riuscito a mantenere un ronzio costante in un festival che ha ospitato quasi 300 titoli, tra cui film di alto profilo come 'Mission Impossible III' e 'Poseidon. '' Jesus Camp 'fa un passo nella parte destra della divisione culturale americana, profilando un gruppo di cristiani evangelici che ospitano i loro figli a casa, evangelizzano per le strade e usano il loro considerevole peso politico per promuovere i loro ideali conservatori. Incapace di partecipare al recente festival, questa settimana Becky Fischer ha parlato con indieWIRE del film e delle sue recenti proiezioni a New York City.

Affabile, determinato e dotato di una forte convinzione religiosa, Fischer crede che i bambini posseggano una capacità straordinariamente forte di servire Dio e ha reso il lavoro della sua vita per raggiungere i bambini come attivisti per il Signore. Attraverso Bambini nel Ministero Internazionale, tiene conferenze e gestisce un campo estivo per bambini e ragazzi progettato per instillare una più profonda devozione a Dio e al loro marchio di cristianesimo evangelico, oltre a scatenare una chiamata all'attivismo.

Le scene di bambini che fanno proselitismo e apprendono il creazionismo oltre a una serie di principi conservatori hanno suscitato un certo disagio tra il pubblico generalmente liberale di New York durante il Tribeca Film Festival, molti dei quali avevano domande per i registi Grady e Ewing su Fischer che non era in grado di partecipare al Festival. Una proiezione nell'East Village di Manhattan alla fine della scorsa settimana, con persino un regista di documentari Michael Moore presumibilmente, secondo quanto riferito, è diventato un evento piuttosto burrascoso in quanto i membri del pubblico hanno reagito ad alta voce al film e Fischer, in particolare.

'Ho visto [il film] solo una volta, e stavo ancora elaborando ciò che è stato lasciato fuori e lasciato. [Ma da] quello che ho visto, penso che [Grady ed Ewing] abbiano fatto un ottimo lavoro', ha detto Fischer. 'Penso che abbiano catturato i meravigliosi concetti di ciò che rappresentiamo'.

Rachel Brosnahan Westworld

Sebbene generalmente soddisfatta di come il film è uscito, ha detto a indieWIRE che inizialmente si sentiva un po 'a disagio con l'inclusione di alcuni dei segmenti apertamente politici nel film, che culminano in un dibattito tra Fischer e Air America radiocronista Mike Papantonio (i cui commenti in diretta sono utilizzati per inquadrare il documentario). Papantonio, descritto come un metodista attivo, è un critico frequente del movimento evangelico.

Una scena particolarmente infiammatoria che innalza le sfumature politiche per gli spettatori si svolge in una riunione di risveglio guidata da Fischer e dai suoi associati, di fronte a oltre 100 bambini. Nella scena, Fischer scatta una foto a grandezza naturale del presidente George W. Bush sul palco, e con una grande bandiera americana sullo sfondo, chiede alla folla di alzare le mani verso di lui in preghiera.

'Non mi rendevo conto di come il mondo secolare vedesse quello che stavamo facendo', ha detto Fischer, aggiungendo che Grady ed Ewing hanno trascorso circa un anno a filmarla - inclusa una visita al campo estivo Kids On Fire a Devil's Lake, nel ND - spiegando che il lato politico dell'equazione era arrivato solo alla fine delle riprese.

'Quando abbiamo rimosso [un'immagine] di Bush, è diventata politica, ma per noi non è politica - è biblica', ha detto.

'Tutto quello che devi fare è menzionare parole come l'aborto, l'omosessualità e il presidente Bush per [raccogliere] forti sentimenti dalle persone', ha detto Fischer che ha sostenuto che l'uso delle immagini del presidente degli Stati Uniti e delle bandiere degli Stati Uniti e di Israele non doveva essere apertamente politico. 'Ci è stato comandato di pregare per i nostri leader e ci è stato comandato [dalla Bibbia] di pregare per Israele. Quindi è stata una sorpresa per me perché non pensiamo che questo sia politico. Ma da un punto di vista secolare, posso vedere come viene visto politicamente '.

Takashi miike lama dell'immortale

Becky Fischer e i suoi compagni Evangelici vedono Bush come una speranza primaria nel perseguire la loro agenda per quanto riguarda i diritti di aborto, la preghiera a scuola e i diritti degli omosessuali, e il film cattura la devozione emotiva instillata all'interno di una nuova giovane generazione di Evangelicals. Alla prima mondiale del film nel primo fine settimana del festival, molti tra il pubblico per lo più liberale di New York potrebbero essere ascoltati dicendo che il film dovrebbe essere un appello alle armi per le persone sul lato sinistro del divario culturale / politico.

Una scena di 'Jesus Camp' di Rachel Grady e Heidi Ewing 'Immagine gentilmente concessa dal Tribeca Film Festival.

Per quanto riguarda i cineasti stessi, la Fischer ha affermato di sentirsi in dovere di proteggere Grady ed Ewing dai suoi compagni Evangelici che avrebbero potuto essere tentati di testimoniarli durante la realizzazione del film. Ha detto che i compagni di fede erano venuti da lei in privato per indagare sulle credenze religiose del regista, ma mentre Fischer e i cineasti discutevano di religione, ha aggiunto: 'Non c'è stato uno sforzo consapevole per farli sentire a disagio. Non era per quello che erano qui. So che gli evangelici possono farlo, ma non [volevo che si sentissero a disagio] '.

Dopo aver concluso le riprese, Fischer ha affermato che Grady ed Ewing hanno condiviso le loro convinzioni con lei e che eventuali disaccordi che potrebbero esistere non hanno compromesso il film. “Rachel e Heidi hanno affermato che le loro convinzioni personali non hanno nulla a che fare con il film. Penso che abbiano fatto un ottimo lavoro nel non lasciare che le loro convinzioni personali interferiscano con la realizzazione di questo film '.

Al di là dell'ideologia e della politica, Fischer spera che il film abbia un effetto decisivo sul ruolo dei bambini nella vita spirituale e che svegli gli adulti nel movimento fino alle loro voci e potenzialità. “I bambini sono stati messi da parte all'interno della cerchia cristiana. Spero che la comunità cristiana sappia come i bambini possano essere i motori delle cose spirituali ”.

diventare un film pazzo

In quello che potrebbe sorprendere più di alcuni spettatori della Tribeca di 'Jesus Camp', Fischer ha indicato che la religione non è necessariamente automaticamente accettata dai giovani di oggi. “Abbiamo bambini che lasciano la chiesa a frotte perché la trovano noiosa. Vogliamo dare ai bambini cibo spirituale più maturo ”.

Durante la conversazione telefonica di mezz'ora, Fischer ha detto che sperava di chiarire ciò che considerava essere una falsa dichiarazione da parte dei media, tra cui indieWIRE, sui suoi sforzi con il campo 'Kids on Fire' (ora chiamato 'Famiglie sul fuoco'.) , durante il periodo di tempo catturato nel film.

'Ho letto in diverse recensioni che sto cercando di sollevare il prossimo Billy Graham e non è vero. Sto cercando di crescere i bambini che hanno una forte fiducia nel loro Dio e sanno perché ci credono '.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers