Rassegna della stagione 2 di 'Big Mouth': questo avvincente avvocato per adolescenti è uno dei migliori spettacoli per bambini in TV

'Grande bocca.'



Netflix

'Big Mouth' ha guadagnato i primi elogi per aver sapientemente mescolato un umorismo spudoratamente rozzo con una cura accattivante per i suoi giovani personaggi. La serie animata di Netflix su un gruppo di pre-adolescenti che attraversano la pubertà ha mostrato tutto, dai peni di dimensioni umane che giocano a basket al disgustoso commestibile chiamato 'Cream Cracker'. La stagione 2 va probabilmente anche oltre, tra cui un intimo canto-e-danza sequenza con dozzine di donne nude che indossano il frontale e uno dei personaggi principali che viene sfilato (biancheria intima e tutto il resto) accanto a suo padre orgogliosamente nudo. Eppure il cuore dello spettacolo non smette mai di battere, anche quando il sangue dei ragazzini arrapati scorre veloce altrove.



sei stato mite e adorabile

Nonostante il linguaggio, la nudità, le situazioni sessuali, l'uso di droghe e la violenza da cartone animato (la testa mozzata di Garrison Keillor ha assunto ulteriore rilevanza date le accuse dell'anno scorso), 'Big Mouth' non è un adulto serie animate. Riguarda i bambini, per i bambini (di una certa età) e gli spettatori più anziani sono lì per imparare, ricordare o entrambi. Ancor più di prima, la Stagione 2 è strana e orgogliosa; un'incarnazione vivente di mettere tutto lì fuori, nonostante ciò che la gente potrebbe pensare. In un modo molto reale, questi episodi sono una forma di attivismo e in una stagione focalizzata sull'insegnamento ai bambini su come separare la vergogna dalla colpa, è decisamente potente. Un premio Peabody non sarebbe fuori servizio.



Se il mostro ormonale era la creatura incaricata di impostare il tono della stagione 1 di “Big Mouth”, allora il Mago della vergogna ricopre il ruolo nella stagione 2. Non preoccuparti: la creatura diabolica di Nick Kroll con un cuore d'oro (e una borsa di pet peni) non è assente dal sequel di Netflix, e nemmeno la sua controparte femminile Connie, portata alla deliziosa vita da Maya Rudolph. Stanno ancora aiutando Andrew (doppiato da John Mulaney) e Jessi (Jessi Klein) a esplorare le loro sessuali in crescita, guidando ogni giovane liceale pubescente attraverso i suoi impulsi naturali e gli inspiegabili sbalzi d'umore.

'Grande bocca'

Netflix

Ma dopo aver trascorso i primi 10 episodi della serie che hanno presentato questi bambini ai loro corpi mutevoli, la Stagione 2 introduce le conseguenze emotive del caos scatenato dagli ormoni in erba: la vergogna. Andrew si vergogna di masturbarsi costantemente. Nick (doppiato da Kroll) prova vergogna per il suo corpo sottosviluppato. Jessi prova vergogna per molte cose. I suoi genitori si stanno dividendo e lei si sente responsabile, ma è anche arrabbiata. Arrabbiato per il fatto che i suoi genitori si stanno dividendo, arrabbiato per il fatto che le sue amiche prestino attenzione alle altre ragazze, arrabbiate per il fatto che non è sempre una femminista esemplare. E poi prova vergogna per tutti quello.

A convincere questa folle folla di indignazione è il Mago della vergogna, espresso alla perfezione da David Thewlis. Sembrando un incrocio tra il professor Snape, un Dissennatore e una versione più vecchia di Thewlis dalle orecchie da goblin, lo Stregone della vergogna sogghigna e si fa beffe della sua strada per esacerbare le emozioni di ogni bambino confuso. In una delle canzoni migliori della serie (scritta e composta da Mark Rivers), lo Shame Wizard vola nel cielo notturno proiettando un'ombra su tutti i kiddos imbarazzati. 'Come odio essere un peccato, ma mio caro, ho il tuo numero e te lo sussurrerò per sempre nel tuo orecchio', canta, aggiungendo 'Non hai nessuno se non te stesso da incolpare', e ' Se inizi a bruciare troppo, doserò la tua sporca fiamma. '

Nel mondo di 'Big Mouth', il Mago della vergogna esiste perché crede di svolgere una funzione vitale: i bambini devono vergognarsi di ciò che fanno per distinguere il bene dal male. Se Jessi ruba un rossetto da un negozio locale, dovrebbe vergognarsi di se stessa. Ma il problema brillantemente affrontato dagli scrittori e co-creatori Kroll, Andrew Goldberg, Jennifer Flackett e Mark Levin è che la vergogna può andare troppo lontano. Spesso i bambini sono troppo imbarazzati per porre domande o informarsi male su ciò che è normale quando crescono. A volte, gli adulti si intromettono.

'Grande bocca'

Netflix

All'inizio della stagione, Andrew cerca il perdono attraverso la religione. Vuole fare ammenda per infrangere le norme sociali (e offendere uno dei suoi amici), ma il suo rabbino non può aiutarlo. “Ebrei, non proviamo vergogna. Ci sentiamo in colpa ', ha detto, prima di essere inviato a un prete cattolico. Neanche questo funziona, dato che la 'penitenza' di Andrew di cinque preghiere non lo fa sentire come se avesse imparato qualcosa.

Trovare consigli inadeguati da parte degli adulti è un tema comune e perspicace di 'Big Mouth', nessuno dice a questi bambini cosa hanno davvero bisogno di sentire. In questo caso, ad Andrew deve essere detto che quello che sta facendo è normale; che i suoi impulsi sono guidati da suggerimenti biologici che tutti attraversano. Più specificamente, ha bisogno di sapere che la vergogna è diversa dalla colpa, poiché la prima descrive il sentirsi male con se stessi e la seconda è legata a casi specifici. Dovrebbe sentirsi in colpa per dove si è masturbato (nel bagno del suo amico mentre pensa alla sorella del suo amico), ma non che sentisse il bisogno di farlo.

L'eloquenza con cui 'Big Mouth' illustra queste differenze e guida il suo pubblico verso una risoluzione morale è oltre ammirevole. È un servizio prezioso per tutti i bambini i cui genitori li lasciano guardare, oltre a un'appassionata lezione per adulti diffidenti. Normalizzando le esperienze di cui molti bambini si sentono in imbarazzo, la serie sta attivamente sostenendo il loro benessere emotivo. Chiunque guardi questi episodi dovrebbe sentirsi un po 'meno autocosciente, se non anche un significativo aumento dell'autostima. Anche se non lo fanno, l'arguzia acuta dello spettacolo, il lavoro esuberante della voce e l'immaginazione selvaggia sono più che sufficienti per offrire intrattenimento di alto livello. È una vittoria, quindi perché non dare a 'Big Mouth' un Peabody e un Emmy '>

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers