Una rottura della comunicazione: Elia Suleiman parla di 'intervento divino'

Una rottura della comunicazione: Elia Suleiman parla di 'intervento divino'



di Steve Erickson

Elia Suleiman (con il capo dell'OLP Yasser Arafat in mongolfiera), direttore di 'Divine Intervention'.

Per gentile concessione di Avatar Films

quando 'Cronaca di una scomparsa' di Elia Suleiman colpito il circuito dei festival nel 1996 e nel 1997, è stata una vera rivelazione. Il regista palestinese ha toccato la frustrazione di essere un arabo in Israele, mantenendo un forte senso dell'umorismo. Piuttosto che agitprop, ha realizzato una commedia spiritosa, semi-autobiografica, che ricorda 'Stranger Than Paradise' di Jim Jarmusch e Jacques Tati. Usando se stesso come un protagonista silenzioso di nome E.S., Suleiman ha trattato il film come un diario immaginario. In molti modi, 'Intervento divino' è un attento seguito di 'Cronaca di una scomparsa'. Ancora una volta, Solimano recita e rimane in silenzio. Interpreta un regista che fatica a scrivere una sceneggiatura, ispirato alle sue esperienze. Comincia anche nella sua città natale, Nazareth, e termina a Gerusalemme. Tuttavia, 'Divine Intervention' è probabilmente molto più controverso di 'Chronicle'. Il tono gentile e il finale ironico di quel film sono stati presi da alcuni spettatori come segni di acquiescenza; d'altra parte, le violente fantasie di vendetta dell ''intervento divino' rischiano di essere prese alla lettera. Steve Erickson di indieWIRE gli ha parlato a New York a ottobre; Film Avatar pubblica 'Divine Intervention' venerdì.

Indiewire: La struttura in due parti di entrambi i tuoi film è sempre stata la chiave della tua visione '>

Elia Suleiman: Non ho mai veramente visto un film attraverso la struttura. Semplicemente annoto appunti e costruisco una storia attraverso di essi. Quindi compongo tableaux. Quando ottengo un tableau che si regge da solo, diventa un'immagine. Più tardi, quando spari, ci sono molte possibilità sempre presenti. Scrivo una sceneggiatura strutturata in modo molto preciso, ma poi lascio quel lavoro da solo e ricomincio il processo. Voglio evitare di archiviare immagini. Voglio sempre che il processo creativo continui e non semplicemente riprendere ciò che ho scritto sul set. Inoltre, succede qualcos'altro attraverso il montaggio. In termini di struttura narrativa, è perché li vedo in un montaggio poetico. Anche i miei pantaloncini continuano questo processo. L'unica somiglianza è che entrambi i due film sono ambientati a Nazareth e Gerusalemme. 'Chronicle of a Disappearance' parlava di un documento sull'epoca in cui l'ho girato. Per me, era il silenzio prima della tempesta. Questo, che segue anche alcuni degli stessi individui, mostra che si scatena l'inferno.

iW: Perché Babbo Natale viene pugnalato in apertura?

Suleiman: Volevo un'introduzione sul film B. Stabilisce l'atmosfera per una certa leggerezza e violenza. Segue un'introduzione alla rottura della comunicazione.

iW: Hai qualche esperienza di recitazione?

Suleiman: No.

iW: Saresti interessato a recitare nei film di altre persone?

Suleiman: Dipende dal ruolo. Non desidero solo recitare. Ma se una parte sembra intrigante, perché no?

iW: È E.S. mai parlare?

Suleiman: Forse passerà dal silenzio alle urla. La mia presenza nel film mi coinvolge. Non mi curo nei film, sono stato scelto. E.S. è chiamato solo nella sinossi e nella sceneggiatura, non solo nel film. A un certo punto diventa una necessità che io sia nel film. Non posso dire se accadrà nel prossimo.

iW: E.S. è un personaggio molto mansueto e passivo, eppure il film sembra incentrato sulle sue fantasie esplosive. Hai paura che le persone interpretino queste immagini, come la scena in cui esplode il carro armato e l'attacco ninja, come condonare la violenza? Hai detto che sei un pacifista.

Suleiman: In primo luogo, non credo ci sia qualcosa di particolarmente violento nell'esplosione dei carri armati. Ma non credo che i carri armati dovrebbero esistere per cominciare. La domanda dovrebbe davvero essere invertita. Dovrebbero esistere i carri armati? In effetti, penso che dovrebbero esplodere continuamente. Non sarò quello che lo farà.

intervista all'aster

Secondo, moltiplicare le possibilità di leggere le mie immagini mi fa piacere. Per quanto possibile, provo a stratificarli. È una democratizzazione dell'immagine. Proprio come non siamo mai arrivati ​​a un sistema politico migliore di quello che oggi chiamiamo democrazia, le mie immagini comportano esattamente lo stesso rischio della democrazia. Sto correndo il rischio che alcuni di essi possano essere interpretati in modo errato, ma non posso imporre le mie opinioni.

iW: Come sono stati ricevuti i tuoi film nel mondo arabo?

Suleiman: Ho avuto una brutta reazione al Festival del cinema di Cartagine con 'Cronaca di una scomparsa'. Hanno frainteso l'ironia dell'uso della bandiera israeliana nella scena finale e mi hanno accusato di essere un collaboratore sionista.

iW: Non era 'Cronaca di una scomparsa' finanziata dal Fondo israeliano per film di qualità?

Suleiman: Non è stata davvero una scelta. È stata una grande lotta per me ottenere questi soldi. Non avevano mai sponsorizzato un film arabo o palestinese. Per me è stata una lotta per i diritti civili. Volevo combattere questo tipo di apartheid. Alla fine ho ottenuto i soldi, ma non volevano darmi un'intera sovvenzione. Volevano darmi solo un po 'perché sono arabo e pensavo che avrei chiuso la bocca. Hanno odiato del tutto il film e quando ho ottenuto il premio per il miglior primo film in Venezia nel 1996, hanno detto che ho ricevuto il premio solo perché sono arabo. Questa è stata la mia lotta con gli israeliani.

Più tardi, ho litigato con gli arabi. Non tanto con gli spettatori, ma con i critici che parlano per le juntas arabe non democratiche ufficiali. Usano solo la Palestina per distrarre le loro popolazioni dal cambiare il sistema negli stessi paesi arabi. Ero bloccato tra due diversi tipi di juntas. C'erano alcuni giornalisti arabi che scrivevano cose eccellenti a riguardo, ma erano per lo più nella diaspora.

iW: Come è stato ricevuto il tuo film da un pubblico israeliano?

Suleiman: I Cinefili l'hanno adorato. È stato nella top 10 per quattro mesi. Ma quel segmento di pubblico è generalmente da liberale a di sinistra. Non so come verrà ricevuto l ''intervento divino'. So che ci sono un paio di critici che l'hanno visto Cannes ed erano completamente angosciati. Forse gli israeliani lo odieranno e gli arabi lo adoreranno, per buoni motivi o per cattivi motivi. Chissà? Allo stesso tempo in cui gli arabi hanno affermato che ero un collaboratore, un critico israeliano ha affermato che l'immagine finale è stata la più dolorosa nella storia dello stato israeliano. Sono sicuro che non gli andrà in gola molto facilmente.

iW: I tuoi pantaloncini hanno adottato lo stesso approccio comico?

Suleiman: Non lo stesso. Il mio primo lavoro, che è un video, si chiama 'Introduzione alla fine di un argomento.' È appropriato da altri film e videoclip. Non c'è molto umorismo. È stato un contrattacco alle false dichiarazioni degli arabi, e in particolare dei palestinesi, nei media e nei film occidentali. Finisce un po 'nauseabondo. 'Omaggio per assassinio' ha un senso dell'umorismo estremamente severo e sottile. Penso che sia molto divertente, ma mentre continuavo a fare film, ho smesso di censurarmi. Non in termini di politica, ma in termini di possibilità cinematografiche. Quando sei giovane, non sai quanto ti stai esprimendo al sicuro al cinema. Sei su un terreno traballante. Quando ho finito 'Cronaca di una scomparsa', mi sentivo come se potessi fare tutto ciò che volevo. Ecco perché ci sono generi diversi in 'Divine Intervention': appropriazioni di spot pubblicitari e Sergio Leone. Mi sono avvicinato al film da diverse angolazioni. Prima della scena al checkpoint, ci sono immagini statiche. Dopodiché, è più un film che un film, con scatti e gru di tracciamento. Ma cerco sempre di essere sincero.

iW: Quanto sono autobiografici i tuoi film? La tua descrizione di Nazaret nell'articolo apparso in Notebook per cinema e filmmaker è esattamente il modo in cui descrivi i tuoi film.

Suleiman: Lo spero! Secondo me, Nazareth dovrebbe essere trasformato in un mare. Quindi potremmo andare a pescare lì almeno. Vorrei cambiare 'autobiografico' in 'autoritratto'. Quello che vedi non è solo reale o la mia esperienza. Inizi a inventare cose quando ripassi la vita. Inventiamo la nostra infanzia da ciò che ricordiamo. Siamo sempre diretti verso la fantasia quando la descriviamo. C'è anche molta atmosfera nei miei film, che riflette la realtà che guardo. Ma consegno molti momenti dalle cose che mi sono successe. Molte cose a Nazaret sono successe ma in modo diverso. La scena al checkpoint è avvenuta.

iW: Gli incontri per tenere le mani con una donna in macchina al checkpoint?

Suleiman: No, non poteva attraversare, ma potevo. Quindi avrebbe parcheggiato la sua auto con una targa Ramallah lì, e io sarei venuto. Sarebbe saltata in macchina e l'avrei introdotta clandestinamente a Gerusalemme. Abbiamo affrontato il rischio che avrebbero chiesto il suo documento d'identità. Ma è stato così. Il contatto con le mani è totalmente immaginario.

iW: Perché ci è voluto così tanto tempo tra le tue due funzionalità?

Suleiman: La mia famiglia è entrata in crisi. Mio padre si è ammalato. Mi sono preso una pausa dal cinema solo per motivi personali. L'ho lasciato del tutto per due anni. Poi, quando è morto mio padre, sono volato a Parigi e ho iniziato a scrivere il segmento relativo alla malattia di mio padre. Mi ero innamorato allo stesso tempo. Tutte le scene in ospedale sono state ispirate dalle mie esperienze lì.

iW: Aveva qualcosa a che fare con problemi a ottenere finanziamenti?

Suleiman: No. 'Chronicle of a Disappearance' è stato il mio primo lungometraggio. L'ho prodotto quando vivevo a New York, quindi ITVS mi ha trattato come un regista americano. Tutte queste basi erano quelle a cui dovevo avvicinarmi. Quando mostro le mie sceneggiature a qualcuno, è davvero difficile perché c'è così poco dialogo nei miei film. Non volevo produrre un 'intervento divino', ma l'ho coprodotto. A causa della scena dei ninja, avevamo bisogno di più soldi. Così sono andato a diverse fonti e anche il mio produttore, e abbiamo raccolto il pacchetto. Questa volta c'era un'intera compagnia di produzione alle mie spalle.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers