La lussuria nella polvere di Bruno Dumont; Parlando di 'Twentynine Palms'

La lussuria nella polvere di Bruno Dumont; Parlando di 'Twentynine Palms'



di Liza Bear

Il regista Bruno Dumont sul set di “Twentynine Palms”. Foto per gentile concessione di Wellspring.

Bruno Dumont, un ex professore di filosofia, si è fatto un bel nome con solo due film: “La Vie de Jesus” (1997), sulla vita di un giovane disoccupato, e “Humanité” (1999), su un poliziotto che si interroga da solo e che potrebbe aver ucciso un bambino. Girato nella città natale senza pretese e nuvolosa di Bailleul, nel nord della Francia, entrambi sono favole potenti, rigide e compassionevoli che usano attori non professionisti nella tradizione di Bresson e Da Sica. 'Humanite' fece ondeggiare a Cannes quando è uscito non solo con il premio della giuria ma anche con i premi per il miglior attore e la migliore attrice.

Il nuovo film di Dumont 'Twentynine Palms' è ambientato nel caldo ardente del Joshua Tree National Park in California. Una coppia in preda a una relazione amorosa torrida (David Wissiak e Katia Golubeva), guidando un Hummer rosso scuro, scopano e combattono attraverso motel, piscine, parcheggi e alcuni dei paesaggi più selvaggi e bizzarri del deserto del Mojave, alla ricerca di luoghi. Lì, un'altra estremità li saluta.

La frase assolutista 'bene e male' ha avuto un brutto colpo attraverso l'abuso da parte dei fondamentalisti di tutte le persuasioni. 'Twentynine Palms' è ancor più una favola allegorica del precedente lavoro di Dumont, e le sue preoccupazioni sono sinceramente filosofiche piuttosto che pseudo-morali. Ma glielo lascerò sillabare. Quello che segue è un estratto della nostra discussione, condotta in francese durante Rendez-Vous con il cinema francese, dove il film ha avuto la sua prima negli Stati Uniti. Sorgente apre il film a New York e Los Angeles oggi.

Indiewire: Questo non è stato il tuo primo viaggio negli Stati Uniti, è stato '>

iW: Sono anche una forma strana.

Dumont: Sì, contorto, contorto.

iW: E i massi sembrano allo stesso tempo antropomorfi e antidiluviani.

correndo da pazzi

Dumont: Assolutamente. E all'improvviso appaiono dal nulla ... Incredibile.

iW: Eppure i due innamorati nudi sugli scogli sono totalmente presi l'uno dall'altro, apparentemente ignari di ciò che li circonda. Potresti dire che la loro stessa mancanza di consapevolezza o vigilanza li mette in pericolo. Non gli viene in mente che altri potrebbero essere suscitati da questa sessualità palese o invidiare la loro libertà.

Dumont: Esattamente. Bene e male sono concetti polari: uno non può esistere senza l'altro. Se non ci fosse il male ... La coppia è nella primordiale condizione umana della felicità sessuale, ma con questa minaccia di disastro che può scaturire da qualsiasi quartiere senza motivo e senza causa.

iW: E per cui la narrativa non offre indizi.

Dumont: No. Pensavo che lo spettatore di oggi sia così esperto nel linguaggio cinematografico che tutte le teorie sulla suspense, come sostenuto da Dreyer e Hitchcock, su ciò che ti spaventa al cinema, può essere abbandonato. È lo spettatore, infine, a costruire la minaccia e la paura. In 'Twentynine Palms', perché presumibilmente non sta succedendo nulla, è impossibile, qualcosa deve succedere. Quello che ho scoperto durante il montaggio è stato che è emersa una drammatica tensione [tra le scene] che non era stata lì durante le riprese.

iW: Sì, ma questo è in parte il risultato della tua messa in scena molto precisa.

Dumont: Forse, ma più elaborata è la tua narrazione, più lo spettatore si chiude e ascolta obbedientemente. E se il regista tace, lo spettatore proietterà lui stesso i propri presupposti e sentimenti sullo schermo.

iW: Volevi fare un film dell'orrore prima di uscire ad ovest?

Dumont: No. Ho deciso di farlo per quello che ho provato quando sono arrivato lì. Non ero mai stato in un deserto prima e ho vissuto questa profonda esperienza metafisica della paura.

iW: Neanche il Sahara?

Dumont: No.

iW: Eri lì di notte?

Dumont: No, solo di giorno. Ma sapevo di essere negli Stati Uniti dove tutto può succedere.

iW: Bene, anche in Europa.

Dumont: Sì, ma ... no no no no no. C'è un mito di lunga data sugli Stati Uniti che è ancora molto diffuso in Europa [nonostante i recenti sviluppi]. Storicamente l ''America' ​​di questo mito è un'incredibile avventura umana e un esperimento di democrazia politica. Ma allo stesso tempo, o almeno così ci viene detto, è la terra degli estremi dove può accadere il peggio.

iW: Sì, ma ... Cosa ha portato al casting dell'attore sconosciuto David Wissak e della russa Katia Gulebova?

Dumont: Principalmente budget. La mia prima scelta è stata quella di lavorare solo con attori americani di lingua inglese, ma i partner finanziari del film volevano che il 50 percento del dialogo fosse in francese. Avevo incontrato Katia Golubeva a Los Angeles. Parlava un francese pessimo. Il fatto che fosse russa era secondario alla storia - non avevo assolutamente intenzioni geopolitiche. Quindi, cosa interessante, i due riuscivano a malapena a comunicare.

iW: Tranne fisicamente.

Dumont: Sì, è stato fantastico.

iW: Tornare a questo rapporto molto erotico in un luogo così duro che è così esposto agli elementi, al sole, al freddo - era in contrappunto?

Dumont: Bene, l'ho visto come armonia piuttosto che contrasto. Ho visto il deserto come un luogo selvaggio, persino regressivo, in cui il corpo umano è tutt'uno con la natura: rocce nude, corpi nudi. La coppia sta regredendo proprio nella sua mancanza di consapevolezza, nel linguaggio verbale, in tutto ciò che pensiamo umano e civilizzato, per cercare di ritornare a uno stato istintuale. Non puoi andare oltre l'essere nudo. E stanno ricaricando il loro ... stanno prendendo il sole.

iW: Il sesso in questo film è molto simile al sesso nel tuo primo film, 'La Vie de Jesus'.

Dumont: Sì, crudo, primitivo. Il sesso diventa violento quando elimini tutti i sentimenti ... voilà, diventa rozzo. Ho scritto la sceneggiatura in due settimane.

iW: Quindi i piccoli episodi narrativi, la lotta degli innamorati, il cane con tre zampe - sono emersi durante le riprese?

Dumont: Ciò che è sperimentale nel film è che rimane alla larga da tutte le normali convenzioni romantiche. Riguarda la banalità della coppia. A proposito di noia, anticipazione, rabbia, riconciliazione. Tutte le cosiddette curiosità, i dettagli di una relazione, le ho focalizzate. Volevo ridurre l'importanza dell'argomento e cambiare il rapporto figura-terreno. Hai due piccole figure su uno sfondo vasto. Il miglior parallelo a cui riesco a pensare è il passaggio dalla pittura figurativa alla pittura astratta.

iW: Quindi, con questo finale molto, molto radicale, pensi che alcune persone potrebbero non capire cosa stai facendo?

Dumont: Forse la fine del film è troppo definitiva e autoritaria, anche troppo violenta, rispetto ai primi tre quarti del film, in cui lo spettatore è abbastanza libero di vagare nella sua immaginazione. Ma sapevo che volevo finire con una carneficina totale.

iW: Lo sapevi dall'inizio?

Dumont: Ovviamente. Volevo mostrare come si può arrivare a quel punto. Ma mi sono posto molte domande al riguardo.

iW: E hai anche lasciato molte domande allo spettatore.

Dumont: Anche quello.

iW: Come vedi 'Twentynine Palms' in relazione ai tuoi primi due film?

Dumont: Lo vedo avvicinarsi all'arte formale. Il mio sogno è che questo film venga proiettato nei musei, non nei cinema. E che le persone dovrebbero vederlo come individui e non come un pubblico collettivo.

mostra come banshee

iW: Il tuo prossimo film sarà girato qui o in Europa?

Dumont: In Europa perché è meno costoso. Quindi sto preparando qualcosa che girerò in Francia quando torno ... Ma gli Stati Uniti sono un modello politico, culturale ed economico così potente nell'evocazione del mondo contemporaneo, che per venire qui, selezionare alcuni elementi da il prototipo e riorganizzarli, è davvero interessante artisticamente.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers