Una conversazione con Harmony Korine, direttore di 'Gummo'



Una conversazione con Harmony Korine, direttore di 'Gummo'



di Tom Cunha



una ragazza cammina a casa da sola al trailer di notte

Sono passati circa due anni dal debutto della sceneggiatura di Harmony Korine
'bambini'Ha colpito i cinema, provocando reazioni radicalmente divise. Mentre alcuni
accreditato il film come un forte commento sociale sul decadimento di
giovani urbani di classe inferiore, altri lo vedevano come un'opera di miserabili
sfruttamento. Comunque sia, lo scrittore di quel giovane
decadence shock-fest ritorna con il suo debutto alla regia, “Gummo'.
L'ultimo progetto di Harmony è un film visivo più attenuato che pone
maggiore enfasi sull'immagine e meno sulla trama pur rimanendo fedele
ai temi prevalenti in 'Bambini' (giovani ribelli, volgarità eccessive,
uso di droghe, ecc. ecc.). Situato nella piccola città di Xenia colpita dal tornado,
Ohio, il film è un ritratto inquietante ma affascinante della feccia di a
società suburbana di classe inferiore.

Indiewire: Quando hai deciso di voler fare il regista?

ozark 2a stagione

Harmony Korine: Quando ero piccolo. Ho sempre saputo che stavo per farlo
fare film perché ho amato così tanto i film, ma non lo sono mai stato
preoccupato di raccontare storie di altre persone. La prima volta che ho visto
La faccia di Buster Keaton quando ero piccola, sapevo che c'era una poesia
il cinema che non avevo mai visto prima era così potente. Dopo un
certo punto, il cinema ha smesso di darmi quello che una volta stavo ottenendo
esso. Una volta era tutto per me sulla vita e poi è diventato un processo. io
volevo realizzare i miei film come dovevano essere realizzati. Più come a
collage o un arazzo. Qualcosa di più simile a un sentimento. Qualcosa che
sei interessato da.

iW: GUMMO è un film molto visivo che ha una sua struttura unica,
abbastanza diverso dalla maggior parte dei film.

Korine: I film sono visivi. È un mezzo visivo. Volevo ogni fotogramma
nel mio film di essere qualcosa e, allo stesso tempo, non volevo niente
sembrare forzato o sovrastimato. Volevo solo che fosse qualcosa
che non avevi mai visto prima, che era eccitante da guardare. Come con
il personaggio di Salomone, sapevo che in ogni modo lo avrei fotografato
essere eccitante perché il suo viso era così sorprendente. È così che lancio
veramente. Si basa su due cose, il modo in cui qualcuno guarda e un sentimento
hanno rimandato. Non è nemmeno così tanto come leggono le righe. È più
solo una sensazione.

iW: Hai detto che preferisci lavorare con non attori anziché
attori. Perché?

Korine: Sono ossessionato dal realismo. L'unica cosa che conta per me
nel cinema e nell'opera d'arte c'è il realismo o la presentazione del realismo. Ma a
allo stesso tempo, mi rendo conto che il film non può mai essere reale e che i film lo sono
mai reale, anche il documentario non è all'altezza. La verità sul cinema è un errore.
C'è ancora una sorta di manipolazione coinvolta. Quello che faccio è una specie di
inganno. È una presentazione del realismo, un modo d'azione organico.
Ma sto completamente manipolando tutto. Sto completamente inventando le cose
e questo è ciò che fa arrabbiare anche le persone. Ecco perché mi piace lavorare con
non attori perché possono darmi ciò che gli attori non possono mai darmi, loro
dare se stessi. Quando la magia viene fuori, ti danno qualcosa
questo è molto personale e incomprensibile.

iW: Cosa ti ha attratto a fare un film su queste persone, su questo
particolare segmento della società?

Korine: Ho sempre pensato che l'America centrale fosse interessante. In qualsiasi momento
la gente fa film sull'America, è sempre questo tipo di romanticismo
versione, qualcosa che è solo falso, e penso che sia disgustoso. io
cresciuto a Nashville, quindi volevo fare un film con quelle persone
cresciuto con. Volevo girare il primo grande film americano su
America, perché sono un artista americano.

iW: Ci sono state molte interferenze dallo studio (Fine Line) quando tu
stavano girando il film?

il trailer di netflix dei custodi

Korine: Ho totale libertà. Se non avessi la libertà, camminerei
lontano. Vorrei smettere. Se mi dicessero di cambiare le cose, lo farei
vai via perché non ne varrebbe la pena. Deve essere puro. Esso ha
essere la visione di un uomo e se non lo è, non è niente. L'unico modo per te
può farlo, almeno nel sistema di Hollywood, è lavorare sotto a
certo budget. L'avevo progettato in un modo in cui ero rimasto solo.
In realtà, non ho mai sentito una parola da loro per tutto il tempo che ero
tiro.

iW: Cosa ne pensi di molti dei cineasti popolari oggi, come ad esempio
Quentin Tarantino?

film area driftless

Korine: Non ho niente a che fare con nessuno di loro. Il modo in cui faccio film
e il modo in cui vedo film, storie e personaggi è completamente
un modo diverso. È quasi come dire che se quelle persone stanno facendo
film quindi quello che sto facendo non è un film. Non riesco davvero a inserirlo
altre parole. Non trovo alcuna connessione nel mio lavoro e nella mia sensibilità con
Quentin Tarantino o qualsiasi giovane regista o periodo di cineasta.
Questo non vuol dire che sono migliore di chiunque altro, sono solo io a dirlo
Faccio qualcosa che è completamente mio e lo faccio per un altro
ragione della maggior parte delle persone. Ad esempio, per me guardare il film di Quentin,
va bene, qualunque cosa, ma non ottengo nulla da esso. I suoi film lo sono
cosa sono. Sono cultura pop e il pop per me è divertente, ma lo è
vuoto.

iW: Ti preoccupi di quanti soldi fanno i tuoi film?

Korine: I miei film sono così economici. Questo è stato realizzato per 1,3 milioni
dollari, quindi non è molto difficile recuperare i tuoi soldi. Lavorando con
così tanti soldi sei abbastanza al sicuro perché, almeno con il mio nome e
dopo 'Bambini', quando hai finito con le vendite e i noleggi esteri, è così
probabilmente è abbastanza facile riavere i tuoi soldi. Non ne ho molto
i soldi. Io sono povero. L'unica cosa per me è che continuo a fare
[film]. Non mi preoccupo di nient'altro.

iW: Com'é la tua famiglia?

Korine: I miei genitori sono trotskiti. Erano soliti bomba a fuoco
case. Mi hanno in qualche modo rinnegato, mio ​​padre più di mia madre,
perché mi rifiuto di fare propaganda marxista. Ma sono persone simpatiche.

iW: I progetti cinematografici sono allineati?

Korine: Sto pensando di fare un film con tutte le telecamere nascoste. io
voglio arrivare al punto in cui non devo mai parlare con nessuno. Il
il sogno è che non devo mai parlare con nessuno, dove sono costantemente
lavorare e provare cose. C'è così tanta pressione nel film
industria per fare soldi, quindi l'idea di fallimento e sperimentazione è
evitato. Voglio solo arrivare al punto della mia vita in cui sono solo
lavorare costantemente e provare cose nuove. Ma sempre al centro del mio
il lavoro è il desiderio di intrattenere.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers