Cruz Angeles, 'Non lasciarmi annegare': sogni ad occhi aperti, dolore e speranza

NOTA DELL'EDITORE: Fa parte di una serie di interviste, condotte via e-mail, creazione di profili di concorsi drammatici e documentari e registi di American Spectrum che proiettano film al Sundance Film Festival 2009.

Sean Penn Steve Bannon

Dal catalogo Sundance: “Lalo proviene da una famiglia di immigrati messicani che lotta finanziariamente. Suo padre, ex bidello del World Trade Center, ora lavora a Ground Zero per pulire i detriti. La famiglia di Stefanie è tornata a Brooklyn dopo che sua sorella è stata uccisa negli attacchi. Mentre sua madre cerca di tenere unita la famiglia, le emozioni di suo padre non hanno sbocco ma rabbia. Lalo e Stefanie si incontrano a una festa di compleanno, e anche se iniziano con il piede sbagliato, il ghiaccio si scioglie e la loro amicizia in erba diventa una storia d'amore clandestina. '

Non lasciarmi annegare
Concorrenza drammatica
Direttore: Cruz Angeles
Sceneggiatore: Maria Topete, Cruz Angeles
Produttori esecutivi: Ian McGloin, Virgil Price, Jamie Mai, Charlie Ledley
Produttori: Maria Topete, Jay Van Hoy, Lars Knudsen, James Lawler, Ben Howe
Direttore della fotografia: Chad Davidson
Scenografo: Inbal Weinberg
Direttore del casting: Eyde Belasco
Cast: E.J. Bonilla, Gleendilys Inoa, Damián Alcázar, Ricardo Antonio Chavira, Gina Torres, Yareli Arizmendi
Stati Uniti, 2008, 105 minuti, colore



Ti preghiamo di presentarti …

Sono nato a Città del Messico ma sono cresciuto a South Central, Los Angeles durante gli anni '80. Ho vissuto a 76 e Figueroa ma sono stato accompagnato a Bel-Air e poi a West LA per la scuola. Ho vissuto a Los Angeles in condizioni estreme ed è ciò che mi rende un narratore e un regista - quando sei un ragazzino dal cofano che guida il grande scuolabus giallo su e giù per le opulente colline di Bel-Air, mentre i tuoi compagni di classe vengono lasciati a Limos e Benzes ... beh, diciamo solo che hai sviluppato un inferno di immaginazione. Queste storie d'infanzia memorizzate nella mia banca della memoria sono ciò che guida la mia creatività. I viaggi quotidiani attraverso Los Angeles mi hanno costretto a sperimentare le polarità sociali e quindi di default la mia narrazione è sempre stata influenzata da queste differenze ma anche dalle somiglianze: la lotta umana che colpisce ognuno di noi nonostante i costrutti sociali e le gabbie che abbiamo creato per noi stessi. Dopo il liceo, ho frequentato UC Berkeley, dove è stato messo a fuoco il quadro generale ed è proprio lì che ho iniziato a crescere e ho deciso di diventare un regista. Berkeley mi ha permesso di crescere, esplorare, fare errori, perdersi e ritrovare la strada del ritorno. Ho fatto alcuni lavori teatrali lì e ho preso una lezione di produzione video fondamentale con Loni Ding, dove ho realizzato un documentario sulla criminalizzazione giovanile a East Oakland. Da allora faccio film.

famiglia super eroi

Come hai imparato il 'mestiere' del cinema?

Ho imparato il mio stile di regia mentre ero a Berkeley. Maria e io ei nostri amici stavamo correndo in giro con una cinepresa CP-16 senza permesso mentre inseguivamo i non attori che trasportavano falsi cannoni per le cattive strade di Oakland quando stavamo provando a fare il nostro cortometraggio molto cerebrale e surreale in bianco e nero , SACRE, senza una sceneggiatura. Parlava di un bambino che stava cercando di reprimere un episodio di abuso sessuale sostituendolo metaforicamente con un sogno ricorrente in cui sogna di sparare a un gruppo di gangster che cercano di saltarlo mentre va a scuola. Quindi sì, questo non ha funzionato abbastanza e ho imparato una lezione enorme: è tutto sulla sceneggiatura. Ho iniziato rapidamente a leggere libri sulla sceneggiatura. Ho anche imparato cosa sarebbe stato possibile con un equipaggio super piccolo perché quando siamo tornati dai nostri quotidiani da Alpha-Cine siamo rimasti molto colpiti. Ok, lo ammetto, i primi due rulli sono stati caricati in modo errato. Abbiamo esposto il film sulla base non sul lato dell'emulsione del negativo ma eravamo ancora innamorati dei nostri scatti ad angolo basso Citizen Kane. Era la nostra scuola di cinema e per circa 3 mesi abbiamo girato ogni due fine settimana. Allora ho imparato alcune lezioni difficili, ma ho anche imparato cosa era possibile fare nel cinema in stile guerriglia e, cosa più importante, ho imparato a provare sempre a mantenerlo crudo. Alcune delle qualità grezze del filmato che abbiamo ottenuto con solo cinque persone e un attore che correvano e anche dopo aver frequentato la scuola di cinema alla New York University è stato difficile replicarlo. Quello che ho ottenuto da questa esperienza è stata la mia passione e l'etica del lavoro come regista. Alla scuola di specializzazione alla New York University ho affinato le mie capacità di regista e narratore e ho imparato l'abilità più importante che non puoi imparare sulla strada come cineasta: il montaggio di personaggi e storie.

Cruz Angeles, regista di 'Non lasciarmi annegare'. Immagine per gentile concessione del Sundance Film Festival

Come o cosa ha spinto l'idea di 'Non lasciarmi annegare' e come si è evoluta '>

chiamami con il tuo nome che termina la scena

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers