David Cronenberg su 'Spider': 'La realtà è ciò che ne fai'

David Cronenberg su 'Spider': 'La realtà è ciò che ne fai'



di Anthony Kaufman

Ralph Fiennes in 'Spider' di David Cronenberg.

2003 Sony Pictures Classics

'Parla dell'invenzione della realtà', autore canadese David Cronenberg ha dichiarato a indieWIRE alla vigilia delle nomination agli Oscar. 'Se tre miliardi di persone prendono sul serio gli Oscar, allora è una cosa seria. È come la religione. Se otto miliardi di persone credono in qualcosa, allora è la realtà. ”L'ultimo capolavoro dell'ateo autoproclamato, il minimalista 'Ragno' (apertura oggi da Classici Sony Pictures), non ha vinto nessuna nomination il giorno seguente. Ma Cronenberg, che ammette una serie competitiva (ha corso auto e moto), tuttavia probabilmente non è stato confuso. 'La cosa brutta di vincere un Oscar', dice, 'è che quando muori, la gente dirà,' il vincitore dell'Oscar David Cronenberg è appena morto ', come se fosse il punto più alto della tua vita'.

Il Cronenberg dai capelli bianchi è più divertente e amichevole di quanto ti aspetteresti da un uomo responsabile dei parassiti che invadono i nostri orifizi (“Shivers”), esplodendo teste (“Scanner”), ginecologi inquietanti ('Dead Ringers') e qualsiasi tipo di manifestazione sessuale malata e contorta e realtà strabilianti nei film di “Videodrome” e “Pranzo nudo” per “Crash” e 'EXistenZ.' Nel suo ultimo viaggio nel corpo-mente, 'Spider', basato sul libro di Patrick McGrath, Cronenberg immerge lo spettatore nel mondo paranoico di Dennis 'Spider' Cleg (Ralph Fiennes), uno schizofrenico borbottante recentemente rilasciato da un manicomio. Mentre Cleg si aggira per le strade intorno a una casa a metà strada di Londra, i ricordi sgorgano dal suo passato e invocano un mistero edipico che potrebbe non essere mai risolto.

Cronenberg ha parlato con indieWIRE di realtà soggettive, la dualità mente-corpo, una lente di Samuel Beckett e Artisan di remake programmato del suo film del 1981 'Scanner'.

Indiewire: Penso che il film 'Spider' e questo personaggio siano molto rilevanti per il tipo di vita che stiamo vivendo ora. Hai menzionato nella stampa degli appunti su quella vecchia alienazione del 20 ° secolo, ma penso che sia ...

David Cronenberg: ... entrando nel 21 non toccato e illeso. Penso di sì. Per me, l'appello di 'Spider' era uno studio della condizione umana - non la schizofrenia, non un disturbo neurologico. Non essendo un vero esistenzialista che porta carte, devo dire che il trope di Kafka è ancora valido - e forse ora più che mai. Ma sembra assumere una forma diversa. I media hanno davvero una grande realtà per le persone. L'idea che le celebrità e le loro vite sembrano essere più reali per le persone rispetto alle loro stesse vite sembra essere una nuova forma di alienazione.

iW: I tuoi film hanno continuamente messo in discussione la realtà, quindi 'Spider' continua quella tradizione '>

amo la stagione 1

iW: Hai già approfondito molte volte queste realtà psicologiche e menti soggettive, ma in aggiunta a ciò, c'è sempre stato anche un elemento molto carnoso.

Elenco dei brani di guardians of the galaxy 2

Cronenberg: Oh, c'è solo un elemento carnoso. Sto guarendo la frattura cartesiana. Sono una persona incarnata. Capisco davvero la connessione tra corpo e mente. Anche ora, sto leggendo alcuni libri scientifici interessanti sull'evoluzione e lo sviluppo della coscienza e su come è incarnata nel nostro cervello e su quanto sia la scienza e la psicologia incarnate. Quando studi la mente umana, non puoi toglierti la mente; devi rimetterlo nel cervello. Per me è tutto il corpo.

Anche come regista è tutto corpo, perché non puoi filmare un concetto astratto. Devi filmare i corpi. Quindi il corpo come primo fatto dell'esistenza umana è una delle realtà alla base del mio cinema, anche se non avrei potuto articolarlo fino a qualche anno fa. Vale solo la pena dirlo, perché così tante persone non lo accettano o lo capiscono. La maggior parte delle religioni no, per vari motivi. Tutto si lega, per me, alla fuga dalla mortalità. L'incapacità di accettare la mortalità significa l'incapacità di accettare il corpo umano come reale. Ecco perché resisto a fare film con fantasmi. Hollywood non capirebbe mai perché non voglio fare 'The Exorcist 4' - anche se ho letto la sceneggiatura - ma non riesco proprio a realizzare una realtà del diavolo, perché è troppo positivo: che c'è un'aldilà e che viviamo dopo la morte dei nostri corpi. E non posso proprio farlo.

iW: Quindi parliamo degli elementi del corpo in 'Spider' perché penso che sia meno ovvio di Mugwumps o bioport.

Cronenberg: Ma c'è Ralph [Fiennes].

iW: Sì, c'è questo corpo e, naturalmente, c'è Miranda Richardson corpi, anche trasformanti.

Cronenberg: Ma non è che insisto per averli. Per quanto riguarda la realizzazione del film, non leggo la sceneggiatura di 'Spider' e scendo la lista di controllo: trasformazione del corpo? Effetti speciali? Non penso in questi termini. In effetti, ho tolto dalla sceneggiatura le sequenze di effetti speciali, perché penso che quegli effetti - la patata sanguinante, il topo nel pane, le voci e gli occhi luminosi - siano riconoscibili al pubblico come effetti, come allucinazioni che non possono forse essere reale. E lo scopo non detto del film era quello di rendere il pubblico 'Spider'. Quindi quando allucina e pensa che qualcosa sia reale, dobbiamo anche sentirlo.

iW: Pensi che avresti fatto questa scelta 10 anni fa?

Cronenberg: Non ho modo di saperlo, ma ho fatto 'Dead Ringers' più di 10 anni fa, e ha una sequenza da sogno, ma questo è tutto. Amo la metafora di plastica, le metafore del corpo, ma non sono triste se non ci sono.

iW: Ma c'è una riduzione, una raffinazione, nella realizzazione di questo film.

Cronenberg: Ho notato quella tendenza in me stesso da allora 'La mosca,' che in pratica era composto da tre persone in una stanza e probabilmente sarebbe stata un'ottima opera. Ma con 'Spider', proviene davvero dal personaggio di Spider. Non è opulento o lussuoso. È lui stesso ridotto e spogliato l'umanità. Quindi immediatamente, se ci stai pensando, allora sarai abbastanza austero. E quando abbiamo iniziato a pensare a Beckett come una pietra di paragone, sia per l'aspetto di Spider che per il suo tono, c'era questa rigorosa austerità e semplicità che si aprono a un'incredibile complessità.

morto che cammina 2

iW: Non ho necessariamente pensato a Beckett mentre guardavo il film. Quando è entrata in scena Beckett?

Cronenberg: 'Beckett in play' è buono. Perché quando pensi a 'L'ultimo nastro di Krapp', penso a Spider: Krapp vive in questo vagabondo vagabondo, suonando nastri di ricordi. Ma sto anche pensando ai romanzi di Beckett che hanno personaggi simili a Spider. Ma non era necessario vedere o sentire nel film. È solo quando cerchi i tuoi cuscinetti, stai cercando un sistema che ti guidi. Spesso trovi strani satelliti che ti guidano.

iW: Chiunque altro?

Cronenberg: Abbiamo parlato di Kafka, Dostoevsky e Pinter. E alcuni film inglesi di Carol Reed, piace 'Odd Man Out.' Tuttavia, sono solo le pietre miliari; non è qualcosa che stai emulando. Ti tiene in pista, in qualche modo. Anche quando scelgo un obiettivo in un set-up della fotocamera, in qualche modo posso tradurlo. Si potrebbe dire che l'obiettivo non è un obiettivo simile a Beckett.

iW: Quale obiettivo non è un obiettivo simile a Beckett?

Cronenberg: 75 mm no. 50 mm neanche. Abbiamo usato obiettivi molto larghi, anche per i primi piani. Sembrava giusto, leggermente distorto, non come Terry Gilliam che utilizzava obiettivi da 14 mm in 'Fear and Loathing in Las Vegas', ma non stava ovviamente distorcendo. Dà il senso di allucinazione, ma fonde anche il primo piano e lo sfondo perché tendono a essere entrambi a fuoco. Abbiamo anche usato un film a basso contrasto. Perché? Dopo il fatto, posso dire che forse volevo che prendesse come Spider e lo sfondo era uno, perché è un film così soggettivo.

iW: E le combinazioni di colori erano molto tenui.

Cronenberg: Gli sfondi che abbiamo importato dall'Inghilterra erano tutti vintage, marroni, ammuffiti e decaduti: tutte quelle cose inglesi che senti nelle tue ossa se ti trovassi mai in Inghilterra negli anni '60. Quindi, ancora una volta, molto tattile e la tattilità controllava gli aspetti visivi del film.

iW: Quanto scientifico trovi il cinema? Hai un background scientifico e sembra che parli di film quasi da una prospettiva scientifica.

Cronenberg: Trovo che la scienza della lettura sia molto produttiva e mi provoca. I libri di scienza e filosofia mi aiuteranno a scrivere personaggi e scene, mentre non vedo nulla del genere guardando altri film. Quando sto preparando una sceneggiatura, non guardo i film come fonte d'ispirazione. Leggo. E per lo più leggo filosofia e scienza.

iW: Quindi ho letto che 'Scanner' sarà rifatto.

Cronenberg: Preferirei che non lo facessero. Ma come mi hanno indicato, non avevo un avvocato quando ho girato quei film. Quindi hanno i diritti, così come avevano il diritto di creare una miniserie di 'La zona morta', ma questa volta è un po 'più vicino a casa, perché ho scritto la sceneggiatura originale e inventato gli scanner. Ma preferirei non rifare i miei film, dato che preferirei non avere sei sequel di 'Scanner', ognuno peggio dell'ultimo, perché toglie dal film stesso.

iW: Mi chiedo se questo rinnovato interesse per il tuo lavoro possa suscitare più attenzione in te a livello di Hollywood. Stai pensando di affrontare progetti più grandi?

Cronenberg: Non credo sia il mio destino. Ogni volta che ricevo un progetto in studio, lo approccio sempre con grande entusiasmo, come forse questa volta ... E poi a metà strada, sono così depresso, e penso che mi ucciderò se dovrò fare questo film. Penso 'Esaurirò, lo farò solo per i soldi, sarà interessante'; ma poi non posso.

iW: Allora, qual è il prossimo, allora?

serie tv lato sud

Cronenberg: Ho scritto una sceneggiatura chiamata “Antidolorifici,” che sarebbe sicuramente classificato come fantascientifico, per artisti della performance del prossimo futuro. Sto facendo una riscrittura e Robert Lantos vuole produrre. Ma non ha finanziamenti. È sempre una domanda.

iW: Vorrei pensare che David Cronenberg non debba lottare per il finanziamento.

Cronenberg: Beh, non è corretto. Non è vero. È sempre una lotta.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers