Decennio: Alfonso Cuarón su 'E anche tua mamma'

NOTA DELL'EDITORE: ogni giorno per il mese successivo, indieWIRE ripubblicherà i profili e le interviste degli ultimi dieci anni (nel loro formato originale e retrò) con alcune persone che hanno definito il cinema indipendente nel primo decennio di questo secolo. Oggi torneremo al 2002 con un'intervista che Anthony Kaufman di indieWIRE ha avuto con Alfonso Cuarón al rilascio del suo acclamato Y Tu Mamá También. '

INTERVISTA: Not Another Teen Movie: Alfonso Cuarón su Truth, Style e 'And Your Mom also'

(indieWIRE / 03.11.02) - Alfonso CuarónLa quarta funzione 'E anche tua madre'È molto più di un semplice gioco per adolescenti attraverso l'alta società messicana e i remoti entroterra. È un commento sociale, un viaggio psicologico e, sicuramente, è anche una storia piena di vapore di due ragazzi che assopiscono una donna anziana. Basato su una storia che Cuarón e suo fratello Carlos scritto più di 10 anni fa, il film segue Tenoch (Diego Luna) e Julio (Gael García Bernal), due tipi eccitati che intraprendono un viaggio con l'oggetto del loro desiderio, Luisa (Maribel Verdú), moglie di uno dei cugini più grandi di Tenoch.

Ispirato da Frank Zappa, Jean-Luc Godard, film per ragazzi cattivi, erotica e
le loro esperienze nel passato e nel presente Messico, i fratelli Cuarón '
la collaborazione è un tour-de-force che unisce stili alti e bassi. Esilarante e
commovente, politico e personale, il film ha vinto la sceneggiatura e la recitazione
premi al 2001 Festival del cinema di Venezia, spazzato per ultimo il botteghino messicano
anno ed è pronto per essere una delle grandi storie di successo di film stranieri del 2002 in
gli Stati Uniti indieWIRE hanno recentemente parlato con Cuarón del terzo unico del film
narrazione della persona, il suo stile a ruota libera e la sua stretta collaborazione con
il noto direttore della fotografia Emmanuel Lubezki ('Sleepy Hollow, ''o'). Film IFC rilascerà 'E anche tua mamma' questo venerdì.



“Uno dei motivi per cui volevo fare questo film era perché volevo andare
tornando alle mie radici e non sto parlando del Messico, ma delle mie radici creative:
fare un film che avremmo adorato fare prima di andare a scuola di cinema. '


Indiewire: Come hai stabilito il punto di vista oggettivo del film?

Alfonso Cuarón: Ho iniziato con Carlos a fare qualcosa di molto obiettivo. io
disse: 'Abbiamo bisogno di un narratore, un narratore in terza persona'. E lui disse: 'No
non funzionerà; abbiamo bisogno di un narratore in prima persona. ”Poi gli ho mostrato“di sesso maschile,
femminile
, 'E la prima volta che Godard usa il narratore in terza persona, lui
era tipo 'Okay, non giocare più, ho capito.'

iW: Puoi parlarci di quei momenti da documentario, in cui la cinepresa si allontana dalla storia su altri dettagli?

Cuarón: Sì, era nella sceneggiatura. C'era questa idea che la fotocamera
avrebbe cercato piccole osservazioni, quasi in un documentario
stile. C'è un'azione in corso qui, ma la telecamera ha i suoi commenti.
Per noi è stato così liberatorio. Quattro anni fa, avremmo pensato che lo fosse
orribile. Stavamo inquadrando scatti ed ero tipo “Emmanuel, come va
guarda? 'E lui diceva:' Sembra una merda '. E io dicevo' Cosa c'è
sbagliato? 'E sarebbe come,' No, spariamo. Sembra merda; suo
fantastico! ”E questa era la filosofia.

iW: Ma non sembra proprio merda.

Cuarón: Sì, ma non è una cartolina. Si trattava di decomporre, invece di comporre lo scatto. Si trattava di farlo sembrare improvvisato. Uno di
i motivi per cui volevo fare questo film erano perché volevo tornare dal mio
radici, e non sto parlando del Messico, ma delle mie radici creative: fare un
film che avremmo adorato fare prima di andare a scuola di cinema, quando tu
non so come girare un film o comporre uno scatto. Sarebbe stato un film
l'incubo del maestro di scuola. Non si trattava di infrangere le regole, ma di
non conoscendo le regole mai esistite.

iW: Il film in realtà sembra molto buono, però. Non è un aspetto grintoso palmare; è bellissimo.

Cuarón: Quello è Emmanuel [Lubezki]. Lui e io abbiamo una lunga relazione. Non è solo il mio DP; è uno dei collaboratori più importanti. Emmanuel non è un direttore della fotografia che accende luci e allestisce cornici; lui è
coinvolto nella narrativa. Finché stavo scrivendo la sceneggiatura, lo ero
ne parlo con lui. Dopo che abbiamo finito 'grandi aspettative,' noi eravamo
stanco di cercare uno stile. Ci sentivamo colpire vicoli ciechi ovunque
e tutto sembrava barocco. E stavamo dicendo, il prossimo film, abbiamo
fare qualcosa di oggettivo. Perché stavamo girando film soggettivi in ​​cui tu
vivi tutto dal punto di vista del personaggio principale. E quando
scrivevamo, pensavamo sempre in quei termini. Quando abbiamo iniziato
pre-produzione, abbiamo deciso di volerlo fare palmare, principalmente a causa di
la libertà che darebbe a noi e agli attori. Ma allo stesso tempo,
non volevamo fare questa cosa in TV, dove la telecamera si muove come un matto.
Abbiamo iniziato a pensare a tutto ciò che è abbastanza in posa, guardando tutto
da una distanza.

iW: Le riprese in sequenza sono state utili?

Cuarón: Sì, sicuramente. Qui, è stato un lusso. La mappa delle nostre riprese era
basato sulla mappa del viaggio nel film. Ce n'erano due fantastici
fattori: Gael e Diego si conoscono da quando erano bambini e loro
non conoscevo Maribel [Verdú]. C'erano solo due prove con le tre
di loro. Avremmo dovuto avere di più, ma non volevo che fosse il ghiaccio
rotto. Quindi lo hanno usato come strumento. Così come il ghiaccio si scioglie tra il
personaggi, stava accadendo nella vita reale, allo stesso modo di Maribel
sentendosi più a suo agio in Messico, il personaggio di Louisa si sente di più
comodo in Messico. L'unica cosa che abbiamo sparato per continuità è stata proprio questa
ultima scena nella caffetteria, perché volevamo toglierla di mezzo;
altrimenti, gli attori sarebbero stati coscienti di sé lavorando per quello
climax. Quindi si stavano esibendo nel momento, non nel gran finale.



“Ho un'esperienza molto soggettiva con i miei film. Li vivo e
dopo aver finito un film, non li vedo mai più. '


iW: Tornare in Messico è stato potente sia per te che per il regista?

Cuarón: Era la prima volta che passavo così tanto tempo in Messico, forse in 10
anni. È stato stupefacente. Non andavo in viaggio lì da molto tempo. Così
cercare posizioni stava riscoprendo il Messico, che per molti versi no
cambiato. Per me, è stata una bonifica del Messico. Molte vignette noi
nel film c'erano cose che abbiamo vissuto cercando luoghi.

iW: Ti senti come se avessi fatto qualcosa di più speciale, più significativo con 'Y Tu Mamá' rispetto a quello che hai fatto con i tuoi film precedenti?

Cuarón: Non c'è molto che posso dire, perché ho un aspetto molto soggettivo
esperienza con i miei film. Li vivo e dopo aver finito un film, io
non rivederli mai più. Non ho visto nessuno dei miei film dall'ultimo giorno a
il laboratorio. Per me, si tratta di ciò che ho imparato per il prossimo film. Dal mio
punto di vista, 'Y Tu Mamá' potrebbe essere il mio miglior film o il mio film meno cattivo. Ma
decisamente, 'Una piccola principessa'È il mio film più personale e una cosa ha
niente a che fare con l'altro.

iW: Cosa hai imparato su 'Y Tu Mamá' per il tuo prossimo film?

Cuarón: Un sacco. Ho imparato che esiste un territorio inesplorato sorprendente in termini di
narrativa. Prima, pensavo che il territorio inesplorato fosse la forma, la strada
tu spari un film. Ora sto imparando il bellissimo matrimonio tra
forma e narrativa. Prima controllavo molto con la grafica e il montaggio,
e praticamente costruirò le esibizioni; ora ho imparato a fidarmi
il materiale e gli attori. In questo film, ciò che è stato così liberatorio è stato quello
tutto era sulle spalle degli attori. È stato perfetto.

iW: Stai lavorando a qualcos'altro adesso?

Cuarón: Un film in studio chiamato 'Figli degli uomini. 'È fantascienza. Non laser e cose del genere, ma è il mondo tra 23 anni. È un mondo in cui
per 18 anni non è nato nessun nuovo bambino, quindi l'umanità è destinata a scomparire
tra 60 anni. Il mondo sta crollando per disperazione. Ma voglio
sparalo come 'Battaglia di Algeri' piuttosto che 'Blade Runner, 'Quasi come a
documentario su qualcosa che è accaduto nel 2024.

Precedente:

Decennio: John Cameron Mitchell su 'Edvige e Angry Inch'

valutazioni delle stazioni televisive per mercato

Decennio: Darren Aronofsky su 'Requiem For a Dream'

Decennio: Kenneth Lonergan su 'You Can Count On Me'

Decennio: Mary Harron su 'American Psycho'

Decennio: Christopher Nolan su 'Memento'

Decennio: Agnes Varda in 'The Gleaners and I'

Decennio: Wong Kar-wai su 'In The Mood For Love'

Decennio: John Cameron Mitchell in 'Hedwig and the Angry Inch'

Decennio: Michael Haneke parla di 'Code Inconnu' e 'The Piano Teacher'

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers