Decennio: Miranda July su 'Io e te e tutti quelli che conosciamo'

NOTA DELL'EDITORE: ogni giorno per il mese successivo, indieWIRE ripubblicherà i profili e le interviste degli ultimi dieci anni (nel loro formato originale e retrò) con alcune persone che hanno definito il cinema indipendente nel primo decennio di questo secolo. Oggi, torneremo al 2005 con un'intervista che Gary M. Kramer di indieWIRE ha avuto con l'artista multimediale Miranda July all'uscita del suo primo lungometraggio 'Io e te e tutti quelli che conosciamo'.

Miranda July Make The Leap; L'artista multimediale porta le sue storie sul grande schermo



recensione finale scandalo

Miranda luglio è un artista multimediale il cui primo lungometraggio, 'Io e te e tutti quelli che conosciamo'È un meraviglioso film indipendente insolito. July, che ha scritto e diretto, recita anche come Christine Jesperson, un aspirante artista multimediale con le caviglie basse che flirta con un venditore di scarpe di nome Richard (John Hawkes). Mentre Christine spera di entrare nel mondo dell'arte e del romanticismo Richard, altre narrazioni prendono forma - come quella che ha due ragazze adolescenti che praticano il sesso orale sul figlio adolescente di Richard.

L'insolita commedia drammatica di luglio potrebbe avere i suoi momenti provocatori, ma è un film indipendente vincente che ha meritatamente ricevuto un enorme plauso. Ha vinto un premio speciale della giuria per 'Originalità della visione' a Sundance, nonché premi a Cannes e altri festival cinematografici. July si è seduto con indieWIRE per discutere di 'Io, te e tutti quelli che conosciamo'.

Indiewire: Puoi descrivere la tua transizione dall'essere un artista multimediale alla realizzazione di un film?

Miranda luglio: Come artista video, le mie cose sono un po 'meno sul lato sperimentale. La narrativa e i personaggi mi hanno sempre interessato. Non ho mai cercato di alienare un pubblico. Naturalmente, a poco a poco, volevo uno spazio sempre più grande per attirare le persone, quindi è una crescita molto organica. Vedo questo film come realmente collegato a 'Nest of Tens, 'Un cortometraggio che ho realizzato che ha molti degli stessi temi.

iW: Il tuo film è ambientato in parte nel mondo dell'arte. Volevi prendere in giro in modo particolare questo ambiente?

MJ: Non lo sto davvero satirizzando. C'è dell'umorismo, ma per me mi sto satirizzando altrettanto. La cosa che mi interessa di più sono le relazioni di potere - è così facile in una relazione come quella [di un artista e un gestore di gallerie], immaginare che l'altra persona stia vivendo una vita perfetta.

iW: Qual è stata quindi la tua ispirazione per questo film: la storia, i personaggi e la struttura narrativa che unisce tutte queste persone ed eventi apparentemente non correlati?

MJ: Non ho concepito la storia tutto in una volta. Si è accumulato nel tempo. Ho provato a scrivere solo le scene che volevo scrivere, che erano riflessioni di come mi sentivo quel giorno. Alla fine, volevo fare un film che riflettesse in qualche modo ciò che la vita provava per me quando ero più giovane. Ero quasi come un investigatore che capiva che questi personaggi dovevano essere collegati. È mio compito crearli e [determinare] come.

iW: Ero molto consapevole del modo in cui hai usato il linguaggio ed esplorato il modo in cui le persone comunicavano tra loro nel film. Avevi parole e punti precisi nella sceneggiatura o si sono riuniti in modo più organico?

film con protagonisti afroamericani

MJ: È stato tutto molto attento. Il cast ti dirà che ero implacabile nel mantenerli nella sceneggiatura. Ci sono state delle volte in cui li ho fatti giocare con esso, ma sai che ero al punto in cui mi sono detto 'Oh, hai notato che dice' Sì, allora virgola? '' Li tenevo davvero lì perché Sono uno scrittore.

iW: Quindi ti identifichi più come scrittore che come regista?

MJ: Per me è più difficile dirigere. C'è più margine di manovra per la regia: editing e cose simili.

iW: Trovi difficile essere un'attrice?

MJ: Sono stato in tutti i miei film. È parte integrante di ciò che faccio. Sarebbe stato strano per me dare improvvisamente l'unica parte che avrei potuto recitare. Avrei potuto recitare la parte del direttore della galleria d'arte. Il personaggio che interpretavo era, in una bozza molto precedente, due personaggi. Alla fine li ho combinati in Christine. Penso che sia stato in parte perché volevo interpretarli entrambi.

Miranda July nel suo primo lungometraggio, 'Io e te e tutti quelli che conosciamo'. Immagine fornita da IFC Films.

iW: Avevi in ​​mente attori per i ruoli quando hai scritto la sceneggiatura '>

via 13 2017

iW: Ero anche preoccupato per i segni sessualmente espliciti che un personaggio pone nella finestra del suo appartamento affinché tutti possano vederli. Sembrava un po 'controverso, ma anche non plausibile. Puoi discuterne?

MJ: Ci sono una manciata di cose nel film che non sono credibili, ma se ci pensate troppo duramente, immagino, penso sempre che, beh, per quello che perdo in credibilità, ne vale la pena per i sentimenti, che è ciò che è Mi interessa di più.

iW: Ti interessano anche le scarpe?

MJ: No, ma ho le caviglie basse. Solo leggermente basso, non troppo basso. Detto questo, a volte ho tagliato i lati delle scarpe. È divertente, da quando ho realizzato il film, un paio di persone mi hanno detto che hanno le caviglie basse, il che è solo un vantaggio inaspettato per avere un gruppo di supporto.

iW: Come artista multimediale, a cosa stai lavorando quando non stai realizzando film?

MJ: Sto finendo un libro di racconti e una performance a cui sto lavorando. Voglio essere in grado di fare alcune delle altre cose che faccio prima di realizzare il mio prossimo film, che ho anche iniziato. Ma ora so quanto copre tutto il resto della tua vita.

Precedente:

Decennio: Darren Aronofsky su 'Requiem For a Dream'

Decennio: Kenneth Lonergan su 'You Can Count On Me'

Decennio: Mary Harron su 'American Psycho'

Decennio: Christopher Nolan su 'Memento'

Decennio: Agnes Varda in 'The Gleaners and I'

Decennio: Wong Kar-wai su 'In The Mood For Love'

Decennio: John Cameron Mitchell in 'Hedwig and the Angry Inch'

joker 2019 valutato r

Decennio: Michael Haneke parla di 'Code Inconnu' e 'The Piano Teacher'

Decennio: Alfonso Cuarón su 'E anche tua mamma'

Decennio: Mira Nair in “Matrimonio dei monsoni”

Decennio: Todd Haynes in 'Far From Heaven'

Decennio: Gasper Noe su 'Irreversible'

Decennio: Andrew Jarecki su 'Capturing The Freidmans'

Decennio: Sofia Coppola su 'Lost in Translation'.

Decennio: Michael Moore su 'Fahrenheit 9/11'

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers