Dirty Pretty Things: le '9 canzoni' di Michael Winterbottom

Dirty Pretty Things: le '9 canzoni' di Michael Winterbottom



di Eric Hynes con risposte di Kristi Mitsuda e Nick Pinkerton

come addestrare il tuo programma televisivo sui draghi

Kieran O’Brien e Margo Stilley in una scena di “9 Songs” di Michael Winterbottom. Immagine gentilmente concessa da Tartan Films USA.

[Le recensioni settimanali di indieWIRE sono scritte dalla critica di Reverse Shot. ]

I primi 30 secondi di '9 canzoni'Sono un trailer teaser per i 70 minuti che seguono: la telecamera vola sopra un paesaggio glaciale sterile prima di tagliare la faccia traspirante e avvolta da una donna orgasmica, poi spingere in uno spettacolo rock affollato alla Brixton Academy di Londra. Quelle immagini - sovrapposte alla prima e più succinta voce fuori campo dal nostro protagonista maschile - trama, carattere e temi auditivi e visivi così bene che, proprio come l'effetto di un trailer troppo descrittivo, seduto attraverso il film che ne deriva si sente deludente. Il che, presumo, è praticamente quello che regista Michael Winterbottom avevo pensato a questa presentazione malinconica di due amici etero e l'unione condannata dei loro genitali granulosi e saturi di colore. La relazione messa in atto e descritta, insieme alla presentazione sistematica e punch card dei più grandi successi della copulazione, sembra fatta su misura per soddisfare le aspettative di visione dell'arte. Ma mentre offre il brivido borghese abbottonato di un nodo illuminato con gusto, la messa in scena in bianco e nero della '9 Songs' invita anche l'identificazione di sé per il disagio di mostrare il sesso come assolutamente comune, sgonfiantemente comune.

Nella voce fuori campo, Matt (Kieran O'Brien) ripensa al suo tempo con Lisa (Margo Stilley) e non ricorda ciò che ha fatto o detto, ma piuttosto 'il suo odore, il suo gusto, la sua pelle che tocca la mia'. Tagliare direttamente al calore dei ricordi di Matt, Winterbottom lancia un guanto minimalista che abbandona con la stessa velocità con cui i ricordi sensuali di Matt si girano sentimentale. I momenti facili e non verbali a letto lasciano lentamente il posto a agitazioni di aggressività passiva e dichiarazioni d'amore disincantamente inscatolate. Alla fine, ogni incontro ricordato si conclude con Lisa che ostacola gli affetti più profondi di Matt.

pazzo ex fidanzata stagione 2 finale

Al merito di O'Brien e Stilley, l'impasse romantico sembra appropriato: Matt, un inglese di trent'anni, desidera un'intimità emotiva che Lisa, una vagabonda americana di 21 anni, evita attivamente. Eppure c'è più di un tocco di inversione di cliché nelle loro personalità, in particolare dal momento che, con così poco da lavorare, Matt e Lisa escono come incarnazioni disinteressate di questi attributi abbozzati. Gli uomini dal cuore sanguinante e le donne spassionate e sessualmente soddisfatte non sono quasi mai caratterizzati al giorno d'oggi (e il porno d'arte penetrante non è così tanto tabù come sospetto i cineasti - che registra scrupolosamente l'ingorgo e la spinta con fermezza, autorevole importanza scientifica - credici lo è ancora), e '9 Songs' trarrebbero beneficio dal lasciare che la naturale goffaggine dei suoi attori umanizzi i tipi per cui sono arruolati. Ma proprio quando la presenza strana e incosciente di Stilley inizia a giustificarsi, la voce fuori campo di Matt la rimbalza con una visione del tipo: 'Aveva 21 anni, era bella, egotistica, incurante e pazza'. Oh, quei pazzi 21enni ragazze: non posso vivere con loro, non riesco a smettere di fottere.

Con le scale emotive che si ribaltano a favore di Matt, la gratificazione fisica favorisce Lisa. Se stai contando (e sai che Winterbottom lo è), la cunnilingis batte la fellatio da 3 a 1. La stimolazione autoerotica è uno shutout femminile. Inoltre (allerta spoiler: più presunte formule da seguire) gli sguardi di piacere orgasmico sono quasi esclusivamente quelli di Lisa. Il fisico piatto e fanciullesco di Stilley (anche inutilmente verbalizzato) consente alcune cornici piacevolmente ambigue, così come la postura corta, robusta e conforme di O'Brien. Il loro sesso sembra imbarazzante e forzato ma credibile - se non appetitoso - considerando che, dopo tutto, sono estranei l'uno all'altro. Per raggiungere questo obiettivo, il presunto metodo di Winterbottom di mettere a letto i suoi attori con un minimo contatto preliminare sembra aver dato i suoi frutti, così come il suo casting di O'Brien, un attore professionista capace di suggestioni emotive. Stilley, tuttavia, una novizia con solo un'esperienza modellistica al suo attivo, sembra lottare con le aspettative di 'naturalezza' che il suo casting implica, insieme al peso della carnalità e dell'elusività che, nonostante tutta quella inversione di cliché, le è stato chiesto naturalmente a spalla. In ogni caso, la vista e il suono dei suoi baci succhia-pesce virano su certe scene ben lontane dal percorso sexy o sessualmente imbarazzante o goffamente sexy e suggeriscono nuove strade di rivolta distrazione.

In perfetta sintonia con le relazioni frammentarie di Lisa e Matt sono rappresentazioni di concerti dal vivo di band britanniche affermate come Franz Ferdinand, Super Furry Animals e Elbow, che garantiscono il titolo del film. Dopo essersi incontrati ad uno di questi spettacoli, la nostra coppia ritorna agli spettacoli che ne conseguono, e il loro vantaggio, al centro di questi grandi club in piedi, è il nostro. Questo filmato, indipendentemente dall'appello di una particolare band o dalla sua mancanza, contrappone piacevolmente - e occasionalmente complimenti - le scene di sesso da punch-card. Scattate dal livello degli occhi e in modo disorientante ingrandite e piatte, le esibizioni sono contemporaneamente distanti e intime.

Considerando il suono imperfetto e lo scarso vantaggio combinato con la corsa dell'attenzione indivisa e la cotta dell'umanità spalla a spalla, questo sembra giusto. Nella migliore delle ipotesi, '9 Songs' consente ai suoi soggetti di avvicinarsi, ritirarsi, confrontarsi e scontrarsi senza esplicitare le sue intenzioni o megafonarne le implicazioni decisamente modeste. Completamente smentite, le esibizioni rock superano le scene di sesso come romantiche macchine da memoria. Seguiamo spesso le nostre vite e le nostre relazioni con spettacoli e film visti, libri letti, luoghi attraversati. Appendiamo i nostri ricordi su questi segnaposto, che, ovviamente, sono altrettanto transitori e temporali come il tempo e le persone che chiediamo loro di preservare.

[Eric Hynes è uno scrittore del personale di Reverse Shot. ]


Kieran O’Brien e Margo Stilley in una scena di “9 Songs” di Michael Winterbottom. Immagine gentilmente concessa da Tartan Films USA.

rick and morty stagione 3 episodio 7 completo

Prendi 2

Di Kristi Mitsuda

È porno o è arte '>

Le ultime novità di Winterbottom condividono sicuramente molti tropi di video per adulti: bassi valori di produzione, dialoghi e trama sparsi, uso abbondante della musica e primi piani sui genitali. La risposta inquieta che accompagna inevitabilmente la sua visione in un contesto colto è una delle sue sfaccettature più interessanti. La fusione di due generi che si escludono a vicenda: potrebbe esserci un più grande collasso delle sopracciglia alte e basse? - ci obbliga ad affrontare la nostra prudenza interiorizzata raramente affrontata direttamente dal cinema 'rispettabile' in cui, più spesso, ci congratuliamo tacitamente per la nostra apertura liberale. Testimonianza sorprendente di questo disagio si può trovare nella mia proiezione stampa, quando due donne apparentemente mature si dissolvono in risatine imbarazzate e sussurri furtivi all'inizio di quasi ogni set sessuale.

Come porno, misurato dall'unico criterio disponibile per valutare il successo - le sue capacità di indurre il calore - '9 Songs' è un clamoroso trionfo. La fusione di passione puramente fisica di Winterbottom con il potere del richiamo musicale suscita una intensa evocazione del desiderio. Ma come arte? Non così tanto. Manca di risonanza oltre il momento immediato, la strutturazione spesso sembra troppo schematica e l'impostazione della scena attuale in Antartide sembra un'affettività destinata a dare una lucentezza al poeticismo. Tuttavia, la sua attenzione al piacere femminile, focalizzata attraverso la prospettiva maschile, per quanto possa essere, lo segna un gradito contributo cinematografico in sé e per sé.

[Kristi Mitsuda è una scrittrice dello staff di Reverse Shot e mantiene il blog artflickchick. ]


Prendi 3

Di Nick Pinkerton

oggetti appuntiti latte

Kieran O’Brien e Margo Stilley in una scena di “9 Songs” di Michael Winterbottom. Immagine gentilmente concessa da Tartan Films USA.

Puoi praticamente sentire la beffa pretenziosa dalla cartella stampa di '9 Songs', che fa di tutto per annunciare che il regista Michael Winterbottom 'è completamente indifferente alla pornografia reale'. È una pomposità irritante, perché se il suo nuovo film svolge qualsiasi funzione , è rendere la pornografia 'amatoriale' esteticamente appetibile per il nervoso frequentatore di opere d'arte. Per parafrasare la vecchia battuta, la differenza tra pornografia e arte al giorno d'oggi è l'illuminazione, quindi la coppia in “9 Songs” si avvita - su un maledetto DV - davanti a finestre spente, e con piano timido e incerto sulla colonna sonora. La modella americana Margo Stilley fa il suo debutto nella recitazione e viene scopata sciocca sullo schermo dal britannico Kieran O'Brien - è uno stallone duro e robusto con un creder fidato, è una stupida chiacchiera, copulando senz'anima per un bagliore di ribalta. È inevitabile che alcuni idioti scrivano del 'coraggio' delle loro esibizioni - ma lo stesso coraggio è in mostra per $ 29,95 al mese a amateurfacials.com.

Le sessioni di sesso sono interrotte da esibizioni di concerti sparati in modo omogeneo, ugualmente meccaniche, da alcuni degli spettacoli di shite rock più dimenticabili di sempre per guadagnare recensioni schiaccianti sulle pagine di Mojo - ah, ma almeno la scontrosa mediocrità del Black Rebel Motorcycle Club è ora conservato per i posteri! '9 Songs': un vero e proprio compendio di scommesse coperte - fa schifo per i ragazzi fantastici che fingono la noia della cosa reale e il junk-pop usa e getta per la stessa folla che è troppo matura per i Blink-182.

Il trasparente carrozzone in Winterbottom sta facendo un giro sul il successo de scandalo l'eccesso di provocazione art-porno è nauseabondo. L'ultimo tabù della penetrazione persistente viene spezzato da ripetute balbuzie: nel diluvio che abbiamo Terry Richardson e In Goldin; Michel Houellebecq, 'Catherine M., ''The Surrender'; 'Brown Bunny, ' Breillat, 'Fuck me' ... Houellebecq'S 'piattaforma'Apparentemente è stato lo stimolo per Winterbottom a perseguire un progetto XXX (sta facendo riferimento al libro in una delle banali fantasie di vacanza in Thailandia di Stilley> Scrittore ed editore del personale di Reverse Shot.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers