Emily Blunt parla in maniera realistica in 'Looper', 'Sorella di tua sorella' e 'Tutto ciò di cui hai bisogno è uccidere' (VIDEO)

Sì, Joseph Gordon-Levitt fa un ottimo lavoro nel ruolo del giovane Bruce Willis nel superbo thriller di viaggio nel tempo di Rian Johnson “Looper” (28 settembre). (L'attore parla con Time qui, Johnson parla con TOH qui, il trailer animato è qui.) Ma l'attore che fissa il film e lo trasforma in qualcosa di più profondo di un film d'azione fantascientifico è Emily Blunt. (Ecco la mia recensione.) Ho afferrato l'attrice molto richiesta tra le prove di 'All You Need is Kill' di Doug Liman per una breve intervista telefonica.

Anne Thompson: Stai girando un altro film d'azione?

Emily Blunt: È, è un film d'azione con Tom Cruise. Interpreto un soldato altamente decorato che è una specie di coglione.



AT: Recentemente hai interpretato alcune donne forti.

piccola nazione domestica dove sono adesso

EB: Sono abbastanza fortunato da aver interpretato alcuni di quei ruoli, ne sto interpretando uno che è il più cattivo dei cattivi. Conosco un sacco di ragazze forti, persone che sono madri single protettive, che costruiscono un forte attorno a se stesse. Mi sento fortunato a non fare la ragazza legata a un albero in un corsetto o la ragazza a casa. È autorizzante interpretare chi brandisce la pistola.

AT: Qual è stata la cosa più difficile che hai dovuto fare in 'Looper'?

EB: Imparare a tagliare la legna, ci è voluto un mese per diventare davvero bravo. Ho ricevuto i tronchi consegnati a casa mia.

AT: In 'Looper', ti presenti nel secondo atto e l'intera dinamica del film cambia.

EB: Rian voleva che ci fosse un cambiamento emotivo quando entra, dove inizia il cuore del film. Abbiamo parlato molto del film 'Testimone'. In 'Testimone' hai quella presenza aliena che entra, interrompe e sconvolge il loro modo di vivere. Volevamo creare quella stessa sensazione. Sara non voleva che venisse nessuno nel suo mondo, vuole proteggere suo figlio in un ambiente controllato e isolato.

AT: Stai trattenendo informazioni.

EB: Volevo mantenere la mistica del mio personaggio e la mistica di suo figlio. Spiegando il personaggio accaduto a piccoli passi, sono stato fortunato con il bambino. Mi sono così innamorato di lui scoperto che lavorare con lui è stato in definitiva la parte più gratificante del film. Sono stato devastato dicendo addio.

AT: Anche 'Looper' non va nella direzione romantica prevista. C'è una connessione sessuale ...

EB: Qualsiasi tipo di connessione, come la scena in cui non c'è nulla di romantico tra i personaggi, riguarda un bisogno di queste persone isolate e solitarie che sono disconnesse emotivamente da così tanto. Si tratta di un bisogno, più che di una nozione romantica.

AT: Sei stato un protagonista forte e romantico in 'The Adjustment Bureau' con Matt Damon.

EB: Era una ragazza forte, sapeva cosa voleva, era streetwise, irriverente e divertente. Mi sono ampliato e Damon e io andavamo d'accordo come la casa in fiamme, abbiamo migliorato le cose, rischiato. La chimica sembrava specifica per noi, le persone rispondevano alla storia d'amore perché sembrava specifica. Volevamo allontanarci dalle classiche scene tra ragazzi e ragazze, essere più spontanei. Il regista [George Nolfi] ci ha permesso di suonare e suonare.

AT: Il regista con cui stai lavorando ora, Doug Liman, è noto per aver diretto un set improvvisamente improvvisato.

EB: A Liman piace lavorare in quel modo, non abbiamo ancora iniziato a girare, solo incontri di sceneggiatura. Tutto questo lo scopriremo in questo film d'azione costoso e costoso mentre pratichiamo riff e miglioriamo le cose, in modo da poter trovare una sorta di spontaneità e realtà nelle scene.

AT: Hai anche fatto molto di questo in 'Your Sister’s Sister' di Lynn Shelton con Mark Duplass e Rosemary DeWitt.

EB: Abbiamo improvvisato totalmente, aveva un senso organico a ruota libera. Una grande responsabilità è stata data agli attori per inventare il buono, l'eccitante, lanciare un mucchio di cose contro il muro e vedere cosa si attacca. Shelton è stato bravo a modificare ed essere specifico nei giorni, incoraggiandoci ad essere abbastanza sicuri per provare qualsiasi cosa. Mi è piaciuto molto fare quel film, è stato così corroborante.

AT: Hai iniziato la tua carriera lavorando con Judi Dench. Cosa ti ha insegnato, subito?

EB: La cosa che ricordo più di ogni altra cosa era la sua gentilezza, generosità ed etica del lavoro. Se qualcuno arriva ad avere una santità, se ce n'è uno, daglielo. Il mio primo giorno avevo 18 anni, così verde. Non mi ero allenato, non so cosa diavolo sto facendo. Ha detto: 'Tesoro, sarai grande. Se qualcuno ti dà problemi, vieni da me. 'Non aveva perso di vista ciò che provava. Non ho mai dimenticato la facilità con cui si è avvicinata al lavoro. Si divertiva a farlo, non la prendeva troppo sul serio.

AT: E con Meryl Streep in 'Il diavolo veste Prada'?

EB: Con Meryl ho imparato coraggio e spontaneità. Lo cambia ogni volta. Ho dovuto tenere il passo con lei, mi ha fatto cambiare così tanto, stava facendo il doppio dovere per entrambi. Ho visto i vantaggi di mescolare le scene, rimanere nel momento e rimanere libero.

spettacolo di foche della marina sul canale della storia

I video qui sotto includono un'intervista del New York Times con Rian Johnson, Wired con Johnson e Gordon-Levitt, una clip Blunt e un super-taglio della star di 'Looper' Bruce Willis che sembra confuso.




Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers