Recensione di 'Eva': nemmeno Isabelle Huppert che interpreta una prostituta irritata può salvare questo melodramma zoppicante - Berlinale 2018

'Eva'



C'è stato un piccolo kerfuffle durante la conferenza stampa della Berlinale per Benoît Jacquot 's “; Eva ”; quando una giornalista ha chiesto alla star Isabelle Huppert come ha raggiunto un tale grado di erotismo nel film senza diventare nuda. “; Hai un'idea molto bizzarra dell'erotismo, ”; è arrivata l'attrice ’; appassimento dell'ustione di secondo grado di una risposta.

E, a credito di Huppert, questo era una domanda ridicola. Ridicolo perché il cinema francese ha trascorso più di un secolo a dimostrare che i T&A hanno poco a che fare con la sensualità dello schermo, ridicoli perché Huppert potrebbe fare Haneke il film sembra erotico e ridicolo perché il melodramma esagerato di Jacquot è un film sulle persone che si travestono da come si vestono.

i migliori podcast di fiction 2017

Un adattamento molle e insipido del romanzo di James Hadley Chase del 1945 'Eva'. (un potboiler che una volta Joseph Losey ha messo su un veicolo Jeanne Moreau con lo stesso nome), “; Eva ”; inizia con una sequenza coinvolgente che imposta istantaneamente il tono sovvertendo la propria bellezza. Il gigolesco gholo Bertrand Valade (Gaspard Ulliel, la stella prepotentemente cesellata di Bertrand Bonello 'Saint Laurent' arriva nell'appartamento di Parigi di un vecchio scrittore gay, per il quale lavora sia come aiutante che come aspirante pezzo di culo.



Il cliente è troppo fragile per sfruttare appieno il suo giocattolo - il suo corpo non sembra più capace di piacere - ma forse avere un giovane stallone così bello al suo istante gli permette di godere del leggero retrogusto del desiderio. Purtroppo, chiede più di quanto il suo cuore possa gestire, e la semplice vista di Bertrand che si toglie la camicia fa sì che il drammaturgo vincitore del Premio Booker abbia un coronario fatale nella vasca. Il breve momento in cui Bertrand esita a chiedere aiuto trova Jacquot al suo meglio, la sua sceneggiatura ombreggia meravigliosamente in tutti i piccoli modi in cui il suo protagonista è un ghoul senz'anima.

Il più grande di tutti i difetti di Bertrand, ovviamente, è che è un pezzo di merda da ladro. Non ci pensa due volte prima di rubare la sceneggiatura appena finita del suo defunto cliente proprio dalla sua scrivania, gettando il portatile dello scrittore nella Senna per nascondere le prove. Taglia su: la serata di chiusura di “; Bertrand ’; s ”; colpire il nuovo spettacolo (che, dal nostro breve assaggio della sua scena finale, sembra essere esilarantemente brutto). Il nostro plagio si è trasformato da una prostituta in una mondana, vestendosi improvvisamente come Darren Aronofsky e guardando ogni centimetro l'artista alla moda che segretamente non è. Ha una legione di fan, una splendida fidanzata bionda (Julia Roy) e un agente esagerato (Richard Berry), ma tutti continuano a fargli la stessa domanda: che cosa scriverà dopo?

il trailer del falsario

Con la colpa e l'ansia che aggravano la sua naturale spiacevolezza, Bertrand si dirige verso le innevate colline di Annecy, dove incontra inaspettatamente una prostituta anziana tetchy (Huppert, comportandosi come se non avesse nulla da nascondere e si risentisse con coloro che fanno per aver perso tempo). Non passerà molto tempo prima che Bertrand visiti Eva regolarmente e scriva con scrupolo tutto ciò che dice come materiale per la sua prossima opera teatrale, non importa quanto banali possano essere le loro conversazioni.

È incurante come ci si potrebbe aspettare, e le scene tra questi due personaggi sono goffamente inquadrate tra l'eccitazione di un imbecille che esplora il tabù e una ragazza che lavora al meglio per tollerare un altro cliente. Eva è una sciocchezza, lo è Bertrand tutti assurdità - sta creando una fantasia per proteggere la sua verità, mentre sta esponendo la sua verità per proteggere la sua fantasia - ma c'è stranamente il piccolo senso che Bertrand una volta fosse una scorta. Non siamo mai al corrente di nessuno dei rapporti sessuali (difficilmente li vediamo toccare), e più Eva tratta Bertrand come un fastidioso giornalista, più diventa chiaro che l'unica speranza di Bertrand per raccontare una bella storia è vivere lui stesso.

Purtroppo, Jacquot elimina ogni speranza di ciò, dato che Bertrand diventa presto noioso per noi come lo è sempre stato per Eva. Mentre Ulliel evoca con successo qualcosa di un talentuoso Mr. Ripley ”; mistica, Huppert vede attraverso di essa; una volta che lo guardiamo attraverso i suoi occhi, non resta molto da vedere. Il travestimento di Bertrand è fragile e usa e getta come la parrucca che Eva indossa sul lavoro, ma per lui non c'è niente sotto. È un tale lavoro di routine vederlo confrontarsi con l'ovvio fatto della sua menzogna che Jacquot alla fine lo ignora del tutto.

il rimorchio del vento

Quando arriviamo al terzo atto banalmente banale, la suspense sulla capacità di Bertrand di scrivere qualcosa è completamente svanita. Da lì, il film si trasforma in vuoti piques di rabbia delirante, ciascuno degli altri personaggi scoprendo che sono stati truffati da un bell'uomo in un bel soprabito. Solo Huppert rimane in piedi, indomabile come sempre. La sua idea di erotismo è l'unica del film.

Inoltre, “; Eva ”; vanta poco stile al di là di ciò che la sua più grande stella è in grado di portare in tavola. Gli spettatori sperano in più dell'eleganza milquetoast che Jacquot ha precedentemente portato a artisti del calibro di Farewell, My Queen ”; e “; Diario di una cameriera ”; sarà deluso. Gli spettatori che sperano in qualcosa di un po 'più trasandato - che sono ingannati dalle sfumature di Cinemax del primo atteso film - sono in attesa di un risveglio altrettanto maleducato, mentre il film copre le sue scommesse tra la grondaia e le stelle. Per un film con così pochi segreti da nascondere, 'Eva' rdquo; offre anche poco da vedere in superficie.

Grado: C-

“Eva” è stato presentato in anteprima al Concorso al Festival Internazionale del Cinema di Berlino 2018. sta attualmente cercando la distribuzione negli Stati Uniti.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers