'Sentire' i film: Scott Hamilton Kennedy espone lo stabilimento in 'The Garden'

La politica, il potere, l'avidità e la classe operaia si concentrano sul documento candidato all'Oscar di Scott Hamilton Kennedy, 'The Garden'. A seguito del suo film, 'OT: Our Town', il film di Kennedy spiega come si occupano i retroscena, lo sviluppo del territorio , politica verde, denaro e corruzione si intersecano con le famiglie della classe operaia che si affidano a questo giardino comune per il proprio sostentamento. 'The Garden' espone le linee di faglia nella società americana e solleva domande cruciali e stimolanti sulla libertà, l'uguaglianza e la giustizia per i più poveri e vulnerabili tra noi ... Il film presenta una serie di apparizioni di celebrità, tra cui Danny Glover, Willie Nelson, Joan Baez e Daryl Hannah. Kennedy parla del richiamo del documentario, della brama di uno 'Stand by Me' urbano e di quella 'cosa da premio ...' Oscilloscope apre il film il 24 aprile a New York e l'8 maggio a Los Angeles.

Cosa ti ha attratto inizialmente al cinema e come si è sviluppato quell'interesse durante la tua carriera?

La magia, il brusio, l'anima e molto altro ancora. Ho adorato il modo in cui i film ti fanno sentire e pensare, il modo in cui possono portarti in giro sia emotivamente che, in termini di scarica di adrenalina, quasi fisicamente. E quando sono cresciuto e ho iniziato a vedere alcune delle tecniche alla base del cinema, ho pensato: 'wow, sarebbe bello essere in grado di far sentire la gente come mi hanno fatto sentire i film'.



Come è nata l'idea di 'The Garden'?

È stato attraverso il mio buon amico e coproduttore, Dominque Derrenger, che ha visto un pezzo di PBS, nello show Life and Times, sul giardino. Avevamo cercato di fare un progetto insieme, e ha detto: 'Penso che abbiamo trovato qualcosa qui', e aveva assolutamente ragione. Aveva così tanti elementi di una grande storia: il più grande orto comunitario del paese, nato come una forma di guarigione dopo le rivolte, un enorme successo, e dopo 12 anni c'è una misteriosa minaccia di sfratto, e soprattutto i contadini non se ne vanno finché non ottengono alcune risposte. Mi ha inviato una trascrizione, e nonostante ciò ha avuto la stoffa di una grande storia americana. Ero su un aereo e scesi a Los Angeles, andai dritto in giardino e iniziammo a sparare il giorno successivo. Quindi immagino che si possa dire che non ci fosse pre-produzione in questo film.

Elaborate un po 'il vostro approccio alla realizzazione del film ...

Beh, i primi tre in termini di influenze dovevano essere 'Harlan County, USA', 'La vita e i tempi di Harvey Milk', e poi in post produzione: 'The Wire'. La straordinaria narrativa di Barbara Kopple, la capacità di Rob Eptsein di tirare così tanti strati di emozioni fuori dalla storia senza mai essere banali o sentimentali, e infine il capolavoro della città interna di David Simon: catturare tutti gli strati, tutte le sottigliezze, l'anima, con tale coraggio e chiarezza, senza mai cedere a correttezza politica o cliché. E in termini di obiettivi per il film: è stato quello di catturare tutte le complessità di questa affascinante storia con la speranza che una frazione dell'abilità e della grazia di questi fantastici registi.

Quali sono state alcune delle maggiori sfide che hai dovuto affrontare nel film?

Naturalmente, come narratore, vuoi grandi personaggi che devono affrontare grandi colpi di scena, ma la domanda diventa: hai il tempo, i soldi e la pura energia per catturare tutto questo? E per di più, anche se lo catturi e ne abbiamo catturati un sacco, ora devi affrontarlo nella sala di editing. Cosa è buono, cosa è male, cosa DEVE essere nel film? Come lo strutturi in modo che sia veritiero, chiaro e - dio non voglia - divertente? È difficile, ma molto soddisfacente se riesci a capire tutto.

Ho detto che questo film mi ha inghiottito e sputato così tante volte. Ogni volta che ho provato a metterlo a terra, mi ha scrollato di dosso. Ma per favore non pensare che sto chiedendo pietà. I documentari sono semplicemente difficili da realizzare, ma in termini di karma documentario e serendipità, sono stato molto fortunato. Le persone meravigliose in 'The Garden' e le situazioni in cui hanno lottato mi hanno dato molta storia; era mio compito non rovinarlo.

Quali altri generi o storie vorrebbero esplorare come cineasta?

Mentre spero di fare il maggior numero possibile di documentari, ho bisogno di grattarmi il prurito e affrontare un pezzo scritto, sia come lungometraggio che come TV ho co-scritto una sceneggiatura chiamata 'Up River', un tipo di 'stand by urbano' Io ”ambientato sul fiume LA. Sto anche lavorando a un adattamento 'ispirato' di 'The Garden'. Ma mi piacerebbe lavorare anche in altri generi: ucciderei per fare commedie come 'Sideways' o 'Election', ma anche un thriller come ' Man of God 'o' Motorcycle Diaries '. I sogni a lungo termine? Certo, ma cosa dice Boogie in 'Diner': 'Se non hai sogni, hai incubi'.

Qual è il tuo prossimo progetto?

Sono nella prima fase di post produzione del mio terzo documentario di Los Angeles provvisoriamente intitolato “Fame High”: un anno alla LACHSA, una delle migliori scuole di arti performative del paese, dopo cinque matricole e cinque anziani che lottano per diventare attori , cantanti, ballerini e musicisti.

Ci sono altri aspetti del cinema che vorresti ancora esplorare?

Mi piacerebbe modificare il film di qualcun altro, soprattutto con un personaggio che rispetto davvero. Portare tutta la mia passione per la narrazione senza la pressione di essere anche il regista e il produttore (e la macchina da presa ...) Essere in grado di collaborare in quel modo con un grande regista sarebbe una fantastica opportunità.

Qual è la tua definizione di 'film indipendente', che è cambiata da quando hai iniziato a lavorare?

ape samantha non la casa bianca

È diventato più difficile definire quando si può avere qualcuno come Brad Pitt in un film finanziato da uno studio o dai maggiori attori di Hollywood e viene ancora chiamato indipendente. Forse non importa, sono più interessato al fatto che un film sia buono o meno rispetto al fatto che sia indipendente, animato, documentario, commedia ampia, ecc. Detto questo: di solito il migliore di questi generi ha qualche legame al cinema indipendente perché il più delle volte, i pezzi più originali, onesti e pieni di sentimento provengono dal mondo indipendente.

Quale consiglio generale daresti ai registi emergenti?

Storia, storia, storia. I mezzi di produzione: in termini di macchine fotografiche e post produzione continuano a ottenere una qualità più economica e superiore, ma bisogna avere qualcosa da dire. Quindi devi essere il tuo peggior critico: c'è una storia qui, è sorprendente, onesta e interessante fino in fondo? Mi piacerebbe questa storia o annoiarsi fino alle lacrime se la vedessi in un teatro? E non ti chiedi solo questo attraverso il processo di scrittura, ma dalla prima pagina, attraverso il casting per un'immagine bloccata (e persino nel marketing, ma questa è un'altra storia tutti insieme ...). Ovviamente devi trovare un equilibrio per fidarti del tuo istinto e non indovinarti secondo te stesso, ma non puoi semplicemente innamorarti di cose a causa di una linea intelligente o di una bella cornice, deve tutto unirsi per una cosa: la storia.

Dai un risultato dalla tua carriera fino a questo punto di cui sei più orgoglioso di ...

Beh, non troppo suono troppo coinvolto nella 'cosa da premio', ma come regista è stato un grande onore essere nominato dall'Accademia. Soprattutto considerando quanto siamo rimasti a lungo in termini di supporto finanziario e hype machine molto limitati. Ma per quanto eccezionale, non batte ancora solo vedere un pubblico coinvolto e commosso da qualcosa su cui hai lavorato così duramente per dare vita.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers