Alcune poche zucche II - Seconda notte: Galleria della notte ('Il cimitero')

Il primo episodio del post di Rod Serlingzona crepuscolare il favorito del culto (e per alcuni, il sacco da boxe) forse incorporava meglio il motivo unificante della 'sala dei ritratti' dello spettacolo nella sua vera narrativa. Come molti bambini ossessionati per sempre ricordano (sia dalla sua corsa originale che dalle successive repliche su cavo), ogni settimana lo spettacolo di Serling, che era stato mandato in onda per la prima volta dal 1970-73, iniziò con un precipitare attraverso un'ombra oscura e animata di dipinti, uno dei quali Il nostro gentiluomo of Eternal Clenched Jaw sarebbe uscito come rappresentante dell'episodio che stavamo per guardare. Serling non ha scritto tutti gli episodi di Galleria della notte, ma molte di quelle altre storie sono state adattate da artisti dell'orrore come Lovecraft, Richard Matheson e Algernon Blackwood. Ovviamente, le puntate O'Henry-Gone-Grim di Serling sono sempre state le più gradite, e per i miei soldi le migliori vetrine per il suo marchio di ironia oscura sono stati i tre episodi che hanno iniziato la serie, raggruppati insieme e ora (su DVD) come pilota 'film'.

Ognuno degli episodi successivi nel pilota merita più di un grido: 'Eyes' di Steven Spielberg con Joan Crawford nei panni di una cagna ricca cieca che riacquista temporaneamente il suo sito durante un blackout, incentrata su uno dei colpi di scena più deliziosi e crudeli della carriera di Serling, e 'The Escape Route', in cui il criminale di guerra tedesco di Richard Kiley in Sud America si augura di entrare in un museo per sfuggire ai cacciatori nazisti, solo per scoprire che è il ... sbagliato ... dipingere, mi ha rovinato così tanto come un bambino che non voglio nemmeno avvicinarmi al momento. Quindi ho scelto di concentrarmi sul più tradizionalmente apriscatole di Halloween, un po 'agghiacciante di paura soprannaturale che non sono mai stato in grado di scuotere davvero. Anche con Roddy McDowell piacevolmente contento come dandy egoista e Ossie Davis come maggiordomo amaro, 'The Cemetery' suscita più brividi che risatine, un'impresa impressionante.

cacciatori di fuoco netflix

Questo primo episodio di Galleria della notte è essenzialmente una narrazione di vendetta retrograda, tranne che tutta l'interferenza soprannaturale si svolge su una tela dipinta. Dopo che l'avido Roddy ha intenzionalmente affrettato la morte del suo zio malato e ricco in modo che possa reclamare la sua fortuna e trasferirsi nella sua dimora, si ritrova assalito dallo spirito arrabbiato del vecchio, o almeno dall'immagine di lui, che sale dal cimitero accanto al casa a somiglianza della dimora appesa al muro accanto alla scala della sala principale. Eppure il dipinto non si muove davanti ai suoi occhi; piuttosto si altera leggermente ogni volta che Roddy lo dà un'occhiata, il fantasma risorto si avvicina sempre più alla porta principale, fino a quando ... bussano ...



sesso familiare francese

Le paure qui sono elementari e la tattica è in effetti sottile: ricordare tutto da Oscar Wilde Il ritratto di Dorian Gray a W.W. 'La zampa della scimmia' di Jacobs, 'Il cimitero' di Serling non è stato solo l'inizio del magistrale atto finale di Serling, ma un'elegante composizione composta da un breve horror (molti di quelli che verranno qui al Reverse Shot questa settimana). Anche se alla fine si basa su una delle svolte meno convincenti dello scrittore, questa è una delle mezz'ore più inquietanti di tutti i tempi della TV.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers