Alcune poche zucche III — Quarta notte: Meet Me in St. Louis

Non tutte le Great Pumpkin devono essere horror. Probabilmente il miglior film di Vincente Minnelli (indubbiamente, però, secondo me), Incontriamoci a St. Louis, quella grande vecchia lastra di Americana centrata sulle donne, contiene forse la più grande evocazione cinematografica di Halloween del secolo, superando persino la nitida visualizzazione di John Carpenter del più temuto crepuscolo suburbano trentaquattro anni dopo. Durante tutte le stagioni che cambiano di Incontriamoci a St. Louis, Minnelli sta rivelando il forse falso idillio della sua ambientazione di periferia del Missouri di inizio secolo (pasticcini ossessionati dalla morte e dallo smembramento; un Natale oscurato dal dolore e dalla paura), ma è durante Halloween che, con il minimo ritocchi, Minnelli trasforma il suo quartiere felice in una notte surreale.

Ci sono molti incidenti durante Incontriamoci a St. LouisIl capitolo di Halloween: la feroce truffa di Margaret O'Brien, Tootie, afferma che quel bel 'ragazzo della porta accanto' John Truitt 'ha cercato di uccidermi', il che fa sì che Esther di Judy Garland si ritiri colpendo John senza pietà, una dimostrazione resa quasi tragica a causa del fatto che Ester ha una cotta ardente per lui; inoltre, il godimento da parte della famiglia di una torta di Halloween è interrotto dalla devastante notizia di padre Lon che dovranno fare i bagagli e trasferirsi a New York tra pochi mesi a causa di un'offerta di lavoro. Tuttavia, prima che ciò avvenga, Minnelli sottopone Tootie e la seconda più giovane Agnes a un po 'di scioccanti scherzi di Halloween. Se ne sono andati da tempo le orecchiabili giochine e la giocosità del sole che hanno segnato la prima ora del film, sostituite da composizioni di notte nera e ricca e falò furioso.

I ragazzi non stanno bene: Incontriamoci a St. Louis scava un tempo nella storia americana in cui il paganesimo di Halloween non era ancora stato sostituito dalle tradizioni relativamente sicure e a misura di bambino di dolcetto o scherzetto. Nuovo negli Stati Uniti alla fine del XIX secolo con l'afflusso di immigrati irlandesi, All Hallows 'Eve era diventato, al tempo del film, nel 1903, poco più che una scusa per il vandalismo. Coperto da diavoli e spiriti degli inferi (più un procace, baffuto, per gentile concessione dell'attore Darryl Hickman di prima qualità), i tykes in Incontriamoci a St. Louis rovina, distruggendo i mobili in un falò in mezzo alla loro strada fino a quel momento tranquilla, e lanciando manciate di farina sui volti di vicini presumibilmente irascibili.



E Minnelli cattura tutto con la solita verve. Fresche foglie autunnali che soffiano, jack-o-lantern che brillano dalle finestre del piano superiore e costumi inquietanti incorniciati da un cielo notturno nero vellutato: questo è probabilmente il più spettrale e divertente Halloween mai catturato sul film. E anche se Minnelli non va per la paura piena o non esegue alcun tipo di intervento soprannaturale, realizza ciò che è più importante: crea un ambiente snervante in cui sembra come tutto può succedere. Un po 'come lo stesso Halloween.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers