La ragazza non può farci niente: 'Palindromes'

La ragazza non può farci niente: 'Palindromes'



di Nick Pinkerton con risposte di Matthew Plouffe e Michael Joshua Rowin

Shayna Levine e Stephen Adly Guirgis in una scena di 'Palindromes' di Todd Solondz. Credito fotografico: Macall Polay per gentile concessione di Wellspring.

episodio 7 di twin peaks stagione 3

[Le recensioni settimanali di indieWIRE sono scritte dalla critica di Reverse Shot. ]

Il film indie di difetti speciali di shock lavorati che hanno goduto di una scoreggia di rilevanza negli anni Novanta è certificabile in modalità sbornia. Bruciato Harmony Korine recentemente emerso nello straccio Tokion, molto simile alla parte di un flaccido ha succhiato la resina della sua quasi fama. E Todd Solondz, che ha lanciato mille recensioni mal concepite da hacker alla moda, ora maschera disperatamente la sua carenza di idee dietro esperimenti formali contorti. Da qui la struttura sgraziata di 'Narrativa,'Un urlo difensivo e rabbioso verso una reazione critica meritata ma inesistente, e ora la trovata sconcertante che è inserita in modo disadattato “Palindromes”. Otto attori di diversa età, corporatura, sesso e razza, tutti a turno interpretano il ruolo principale di Aviva Victor, una tredicenne vacua e innocente della periferia di Jersey che non desidera altro che un bambino, perché, ovviamente, “ Sono carini.'

Le modifiche al casting, annunciate da inter-titoli, sono arbitrarie, poiché le ultime mosse di Solondz passano da un momento icky a pulsante di scelta rapida al successivo; dopo che Aviva rimane incinta di una cugina corpulenta, sua madre (Ellen Barkin) emotivamente forti armi la ragazza ad avere un aborto. La mamma la deve trasportare attraverso un guanto di manifestanti a favore della vita ('matti', dice), ma la procedura va a buon fine e Aviva diventa sterile nel processo. Sullen, scappa via, poi viene raccolta, avvitata e scaricata da un camionista dall'aspetto ansioso (drammaturgo Steven Adly-Guirgis). In un segmento intitolato 'Huckleberry' - si spera non un'affermazione illusoria del lignaggio satirico di Twain - il nostro protagonista sconvolto scende su una deriva lirica che ricorda 'La notte del cacciatore'.

Ma invece di proteggere Lillian Gish, Aviva si ritrova sotto gli auspici matriarcali di Mama Sunshine (Monaco Debra), un tipo nato di nuovo educato introdotto mentre prendeva dal forno un foglio di 'lacrime di Gesù' appena sfornate, e la sua famiglia, una raccolta di orfani portatori di handicap fisici e mentali. C'è un momento di riposante sitcom scattante qui, ma prima che tu lo sappia riaffiora Adly-Guirgis, prendendo istruzioni dal patriarca Sunshine Bo per prendere di mira ed eliminare lo stesso 'baby killer' che aveva operato su Aviva. Si intrufola con il suo amante pederasta, continua un colpo mal riuscito che termina con la morte accidentale di una delle giovani figlie del dottore e ... Bene, hai capito.

Quando l'eroina (e) 'Palindromes' si sposta dalla crudeltà domestica degli ebrei suburbani alla fervenza con gli occhi pop del set della Maggioranza Morale in Medio America, siamo esposti a due mondi caricati, cliché - stato rosso, stato blu - ognuno rappresentato come i loro peggiori detrattori potrebbero immaginarli. Il viaggio di Aviva alla clinica per l'aborto è direttamente dalle pagine di un tratto spaventoso di Jack Chick Christian, mentre dare all'assassino della vita di Adly-Guirgis un dente dolce legale è tipico dell'influenza liberale compiaciuta della giusta ipocrisia conservatrice 'Bellezza americana' (pensare Chris Cooper-Kevin Spacey scena gay). Congratulazioni Todd, hai colpito il fianco di due fienili! Giocare con stereotipi come questo può essere una forma devastantemente potente di stenografia comica, ma è un atto delicatissimo, e Solondz non ha lo scopo di tirar fuori nulla se non scatti a buon mercato.

'Palindromes' include solo un momento che sorprende davvero. Alla sua festa di compleanno al suo ritorno a casa, Aviva parla con suo cugino Mark Wiener (Matthew Faber, riprendendo il suo ruolo da “Benvenuti nella casa delle bambole”), che è stato ostracizzato dal resto della famiglia a causa di un'accusa di pedofilia: nell'universo tabloid di Solondz ogni famiglia sta assistendo a una tragedia in prima pagina. Faber è una fiamma concentrata di nichilismo compatto e dal collo a matita mentre spiega la tesi del film: 'Le persone finiscono sempre nel modo in cui sono iniziate', proprio come, è vero, palindromi. È una scena che ti fa prestare attenzione, anche se solo per la dura e rassegnata convinzione della consegna di Faber, e parla del nostro senso condiviso dello scenario peggiore, confermando ogni terribile sospetto che tu abbia mai avuto. Mi piace Mark Wiener, il modo in cui tendo ad apprezzare le persone che sfidano la mia capacità di continuare a vivere, e il tempo in cui è sullo schermo è più inquietante rispetto al resto della mostra sull'atrocità dei cartoni animati di Solondz.

La profonda bancarotta del pensiero di questo film si trova nelle riflessioni di Solondz nella cartella stampa 'Palindromes', dove si riferisce al viaggio di Aviva come un passaggio tra 'una famiglia che uccide in un modo e un altro che uccide in un altro modo'. L'implicazione di tale una dichiarazione è chiara; 'Palindromes' non trarrà alcuna demarcazione morale tra l'aborto che i Vittori spingono sulla loro figlia e le sparatorie in cui la famiglia Sunshine è implicata. Solondz è stato più volte chiamato audace, e forse lo è - merita credito se non altro per passare del tempo con persone con cui altri cineasti non passeranno il tempo e facendoci guardare le persone con cui altri cineasti non punteranno una macchina fotografica.

Ma questo flirt calcolato con la retorica del diritto alla vita è approssimativo quanto il razzismo ironico di ogni bambino post-tutto e significativamente meno divertente. Non riesco proprio a trovare nulla di coraggioso nel rifiuto di 'Palindromes' di fare distinzioni morali, ma è perché ho sempre avuto qualche problema con la discriminazione estetica. Quindi il metodo di Solondz di spingere in modo insipido e insistente i punti scomodi di un pubblico mi ricorda più di ogni altra cosa della mensa che gira filmati in 'Bowling for Columbine', o i cartelloni lucidi e cruenti che abortiscono i manifestanti della clinica - la forma più bassa di vita umana - sventolano intorno. Sono tutti lavori di idioti che si sfregano immagini sporche in faccia per dimostrare qualcosa di grosso, come se dire la verità fosse davvero semplice come trovare l'immagine più cattiva.

[Nick Pinkerton è uno scrittore dello staff di Reverse Shot.]


Alexander Brickel e Sharon Wilkins in una scena di 'Palindromes' di Todd Solondz. Credito fotografico: Macall Polay, per gentile concessione di Wellspring.

Prendi 2
Di Matthew Plouffe

Qualsiasi facile considerazione è destinata a riconoscere che 'Palindromes' indossa la sua formula con orgoglio sulla manica. Una delle difficoltà nell'esame del film di Solondz potrebbe essere che il regista stesso satura 'Palindromes' con così tanto del suo accampamento firma e ironia sghignazzante che quasi mina un patchwork incredibilmente sottile intrecciato sotto le sembianze di indagini senza fine di politici e morali ... vicoli ciechi. Voglio dire, 'Palindromes' '>


Prendi 3
di Michael Joshua Rowin

Ellen Barkin e Jennifer Jason Leigh in una scena di 'Palindromes' di Todd Solondz. Credito fotografico: Macall Polay, per gentile concessione di Wellspring.

Non intendo essere un pignolo per il formalismo, ma un film intitolato 'Palindromes' - che contiene un tema deterministico dolorosamente sottosviluppato e una pugnalata spensierata ai fermalibri narrativi - avrebbe avuto le sue proverbiali viti serrate essendo strutturato come un palindromo, con gli stessi elementi sia avanti che indietro '> Abbandono senza speranza. ]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers