Girl Power: la scrittrice / regista neozelandese Niki Caro parla di 'Whale Rider'

il bambino guida Debora

Girl Power: la scrittrice / regista neozelandese Niki Caro parla di 'Whale Rider'



di Ryan Mottesheard

Cliff Curtis e Keisha Castle-Hughes in una scena di Niki Caro
“Whale Rider.” Per gentile concessione: Newmarket Films

'I Maori hanno un rilevatore di cazzate molto alto', Niki Caro dice degli indigeni della Nuova Zelanda, anche se è presto evidente che Caro, lo scrittore / regista di 'Whale Rider' lo fa anche. Questo potrebbe essere il motivo per cui è stata in grado di convincere la tribù Ngati Konohi che avrebbe dovuto essere lei ad adattare il libro amato Maori allo schermo, nonostante fosse una 'pakeha' (una neozelandese di origine europea).

A quanto pare, 'Whale Rider' è meno uno studio antropologico del popolo Maori che una storia universale di empowerment femminile. In effetti, l'autore del libro, Witi Ihimaera, afferma di aver scritto 'Whale Rider' - una moderna rivisitazione di una leggenda Maori - in risposta alle lamentele di sua figlia sul fatto che il ragazzo fosse sempre l'eroe. Al suo centro è Pai (meraviglioso novizio thespian Keisha Castle-Hughes), una ragazza Maori di 13 anni che sente che il suo destino è quello di diventare il capo della sua tribù Maori. Ma in una società patriarcale intrisa di tradizione, nessuno sospetta che questo leader sarà una ragazza, soprattutto il nonno di Pai, che si è preso la briga di trovare il loro 'cavaliere balena'. 'Il segreto di Roan Inish di John Sayles' 'Whale Rider' della signora Caro è in definitiva un film per famiglie che potrebbe non essere visto da quasi abbastanza famiglie. Non perché sia ​​troppo intelligente o complicato per i bambini - non lo è - ma perché potrebbe essere troppo intelligente per i loro genitori che preferirebbero (pigramente) portare la famiglia all'ultimo Eddie Murphy con tykes flick che cercare qualcosa che a entrambi piacerebbe un po 'di più. Ma poi di nuovo, con le persone che hanno fatto hit “Memento” e “Il mio grande matrimonio greco grasso” dietro la spinta di 'Whale Rider', forse il film di Caro può infiltrarsi nel mainstream qui come ha fatto la sua nativa Nuova Zelanda dove ha superato il botteghino per 13 settimane.

indieWIRE ha parlato con Niki Caro del lavoro con i bambini, i film per bambini e chi dovrebbe raccontare storie indigene.

Indiewire: Il film è un grande successo in Nuova Zelanda. Perché pensi che sia '>

costoso: Questa è una domanda davvero complessa perché posso SOLO guardarla diversamente. Perché non sono dentro la cultura. Questo ha degli svantaggi potenzialmente significativi e c'è stata una certa resistenza nel dirigere la storia perché non sono Maori. Tuttavia, nessuna di queste resistenze proveniva dalla stessa comunità Maori. E come detentori della leggenda del cavaliere balena, erano le uniche persone a cui dovevo rispondere. E non ho avuto altro che incredibile amore e supporto da parte loro.

Credo che il dibattito su 'Chi dovrebbe raccontare storie indigene?' È molto importante. È qualcosa di cui bisogna parlare. Sono totalmente pronto per questo e se il mio lavoro può far parte di quel dibattito, sono elettrizzato. Ma nella mia esperienza nel girare questo film, è che non si tratta di quale sia la mia cultura o di che colore sia la mia pelle tanto quanto il processo di raccontare queste storie. Non ero preparato a farlo a meno che non fosse stato realizzato completamente in collaborazione, con la comunità Maori. Tutto il mio lavoro è stato esaminato con molta attenzione dagli anziani della comunità e benedetto prima che iniziassimo a lavorare. Avevo sempre con me un consigliere Maori della tribù. E penso che si siano sentiti molto soddisfatti del fatto che il film, il loro film, fosse nelle mani di un regista, qualcuno che poteva davvero farlo apparire sullo schermo. Qualcuno che era assolutamente lì per servire la loro storia.

iW: Come ti sei ingraziato con il popolo Maori? C'è stato un periodo di iniziazione in cui dovevi passare la raccolta con loro?

costoso: Per prima cosa ho iniziato a imparare la lingua. Anche se sapevo di non riuscire a conquistare la lingua nell'anno in cui ho studiato, potrei almeno pronunciare le cose correttamente. E così quando sono andato ad affrontarli per la prima volta, l'ho fatto nella loro lingua. Ho detto loro quale fosse la mia posizione nel raccontare la storia e che privilegio pensavo fosse. Erano molto sorpresi, in realtà; queste persone sono molto sofisticate e hanno un rilevatore di cazzate MOLTO alto. Non puoi entrare e abbagliarli con appariscenti 'cose ​​da film'. È del tutto inappropriato. È del tutto inappropriato, comunque, presentarsi come tutt'altro che onesto e impegnato nella storia che si vuole raccontare. E questo è tutto ciò che ho fatto. La cultura Maori è diversa dalla nostra cultura in cui è più probabile che ci presentiamo via e-mail o fax e conduciamo molti affari in modo impersonale, mentre per Maori, l'unico modo per farlo è fare il pellegrinaggio e sederci giù faccia a faccia e prendere un po 'di tè.

iW: C'è una semplicità semplice nelle immagini e nella storia che è quasi come la storia di un bambino. Quanto di un film per bambini volevi che fosse?

costoso: Non molto film per bambini. Volevo che fosse un film in cui i bambini potessero andare e ottenere molto. Ma allo stesso tempo volevo che gli adulti potessero andare a sperimentarlo a un livello diverso. Il problema per me, con la maggior parte dei film per bambini, è che i registi commettono l'errore di renderlo troppo semplicistico. Dove il mondo di un bambino può essere molto complesso, emotivamente. E spero che questo sia ciò che vediamo e sentiamo con Pai.

iW: Sembra che ci sia una versione molto più scura di 'Whale Rider' che potrebbe essere stata realizzata. Qualcosa che potrebbe aver abitato sugli aspetti negativi dell'infanzia di Pai? Come sei riuscito a trovare questo equilibrio tra realismo e ottimismo?

costoso: L'intero film - dal modo in cui la storia è stata raccontata al suo aspetto - è stato ispirato da quelle persone e quel luogo. Se sei del tutto realistico, devi riconoscere che ci sono problemi (per le moderne comunità Maori) ma c'è così tanta magia e spiritualità in quel luogo che non garantisce quel trattamento. Pai vive situazioni molto faticose in cui si fa molto male emotivamente, eppure anche da bambina è una leader. E questo è speranzoso.

iW: Come hai trovato Keisha Castle-Hughes (che interpreta Pai)?

costoso: Abbiamo fatto una ricerca esaustiva delle scuole. Il nostro direttore del casting è andato nelle scuole e ha visto molti bambini, ma ne abbiamo presi solo alcuni. Sarebbe andata in un'aula e forse avrebbe trovato due ragazze che sembravano giuste. Quindi avrebbe parlato con loro per accertare dove si trovassero, indipendentemente dal fatto che fossero bambini brillanti. E poi li manderemmo a casa con una nota ai loro genitori invitandoli a una serie di seminari in cui abbiamo iniziato il nostro processo di eliminazione. Quindi potremmo iniziare con 100 ragazze e quando arriveranno da me, ne rimarranno circa 20 o 30 e questo è quando inizia il lavoro.

iW: Quanto tempo è stato questo processo?

costoso: Circa otto settimane. E poi ho lavorato circa quattro settimane solo con Keisha e il resto del cast. Di solito faccio quattro settimane di prove.

iW: Puoi spiegare il tuo processo lavorativo con lei?

costoso: Keisha è una ragazza molto urbana. Molto femminile. E avevo davvero bisogno che questa bambina 'fosse' da questo posto, mi sentissi come se venisse da quella terra. Quindi la prima cosa che ho fatto è stata liberarmi delle sue scarpe. Senza scarpe. E non credo che abbia indossato le scarpe per circa sei mesi dopo che abbiamo girato il film! Ho lavorato molto con lei per aiutarla a capire i sentimenti che questa bambina ha vissuto e aiutarla a capire i suoi veri sentimenti, ma anche a uscirne. Quindi non l'ho portata a un punto in cui era così arrabbiata che non è tornata da quello. È molto intelligente ed emotivamente disponibile. Un grande attore.

iW: Quanto ha informato il tuo processo lavorativo?

costoso: Non avevo mai lavorato con i bambini prima e mi va bene. Mi piace quanto siano diretti. Mi piace l'economia del linguaggio che devi avere quando lavori con i bambini. Devi essere molto chiaro con loro. Il film che ho realizzato prima parlava di una coppia giapponese e ho lavorato con attori la cui prima lingua era il giapponese. Ed è qui che ho iniziato a imparare un processo di regia che funziona per me, che sta ottenendo un'economia di parole che qualcuno che non è così agile nella lingua può capire. Lavorare con i bambini è molto simile.

iW: Ora che il film si sta aprendo in tutto il mondo, hai avuto la possibilità di pensare al prossimo?

costoso: Beh, ho questo piccolo progetto a cui sto lavorando. (Si allontana dal tavolo per rivelare la figura che stava nascondendo sotto una felpa con cappuccio.) Sono incinta di sette mesi e mezzo. Ma a parte questo, sto lavorando a un altro fantastico romanzo della Nuova Zelanda che mi adatterò. [Nota dell'editore: al momento della stampa, Caro stava ancora aspettando l'arrivo del bambino.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers