Godard anni '60: una donna sposata

Scritto, filmato e proiettato alla Mostra del cinema di Venezia, con grande lode, come La donna sposata, L'ottavo lungometraggio di Godard è stato quindi sottoposto a un intenso controllo da parte del comitato di censura francese, che ha ritardato la sua uscita di molti mesi e applicato una modifica del titolo a Una donna sposata. Può sembrare un dettaglio minore, ma la logica alla base dell'alterazione - che il primo sembrava fare una dichiarazione generale su tutte le donne sposate, in particolare maleducata in una storia sull'adulterio - dice molto su dove il film è stato inserito nelle traiettorie di La carriera di Godard, la New Wave francese e la storia del cinema in generale.



A parte il cambio di titolo, l'argomento è stato percepito come lascivo, il suo atteggiamento nei confronti del sesso extraconiugamente vagamente vago, i suoi riferimenti all'Olocausto, e in particolare un'inferenza della colpevolezza francese, troppo controversa. Questo era il 1964; Godard aveva 33 anni e i suoi approcci filmici stavano cambiando; visivamente e filosoficamente si stava muovendo in un nuovo regno con La donna sposatae si stava muovendo rapidamente, sulla cuspide di un nuovo cinema, non solo politicamente impegnato ma schiettamente strutturalista. Il vecchio approccio della New Wave non lo stava più adattando. Nel La donna sposata, vediamo le agitazioni del montaggio e delle tattiche fotografiche che avrebbe impiegato per gran parte del resto del suo cinema degli anni '60: persone come abstract, dialoghi come interrogatori, indirizzo diretto, voce sussurrata, cartelloni pubblicitari e pubblicità come commenti interstiziali. Che tutto ciò rientri nel contesto apparente di un triangolo amoroso, per lo più realista, guidato dal personaggio, mostra subito Godard che si allontana da vecchi vincoli e si tuffa in nuove pericolose acque. Naturalmente il cinema francese avrebbe reagito con reazioni selvaggiamente varie; sebbene sia ora, stranamente, uno dei suoi film meno discussi (almeno alla luce delle commedie di genere più accessibili—Disprezzo, Band of Outsiders, e Alphaville- che lo ha sostenuto) all'epoca era popolare, dibattuto e decisamente all'avanguardia.

Far sapere, La donna sposata sembra informato dal compagno di sinistra di Godard della New Wave Agnès Varda Cléo dalle 5 alle 7, con la sua struttura del tempo compresso, il suo approccio alla visione a raggi X in bianco e nero alle esperienze quotidiane di una donna e persino la sua cooptazione di immagini pop come commento politico (in questo caso, una straordinaria tangente a medio film in cui Godard usa l'insieme di una canzone di Sylvie Vartan per accompagnare le immagini di reggiseni e costumi da bagno sessualmente provocatori di reggiseni) - la differenza è che Godard apparentemente giudica ad ogni taglio mentre Varda è rimasta ambivalente verso il viaggio del suo protagonista attraverso una Parigi mercificata. Se Godard potrebbe non essere abbastanza sicuro di come stia fondendo le scelte e le situazioni del suo personaggio principale, Charlotte (Macha Méril), con le più alte nozioni di memoria culturale collettiva e impegno politico, il film è comunque un affascinante incontro di lotta con varie idee filosofiche , un tuffo post coito nella natura dell'esistenza contemporanea.



Godard dirige tutte le sue scene con un rigoroso calcolo modernista, che si tratti di Charlotte che bighellona con il suo amante (Bernard Noel), mentre i due discutono del significato della parola amore, i loro corpi astratti in gomiti, ginocchia e braccia contro un lenzuolo bianco sfondi; Charlotte litigava con il marito di controllo (Phillipe Leroy) in mezzo al fragore isterico di un disco importato, la telecamera scivolava avanti e indietro tra due ampie stanze mentre si librava appena fuori dal loro appartamento; o in uno scatto unico formidabile, magnificamente composto in un caffè, Charlotte ascolta di nascosto la conversazione di due ragazze adolescenti che discutono di sesso, mentre le loro parole, oscurate dal frastuono del caffè, appaiono come sottotitoli in bilico tra di loro. Godard considera ogni set-up come un oggetto d'arte indipendente e ogni conversazione come uno scontro di ideologie. Molte delle tecniche che Godard ha forgiato qui verrebbero presto messe in una visione sempre più sofisticata in opere come Maschio femmina e I cinesi, ma Una donna sposata ha ancora un forte pugno intellettuale e la sua delineazione climatica della liberazione di Charlotte (speriamo sia da marito che da amante, ma è ambigua) è memorabile per la sua attrazione emotiva. 'È un film in cui manca qualcosa. Ma questo qualcosa è l'argomento del mio film ', ha detto Godard. Per il resto del decennio, almeno, sembra che Godard abbia continuato a cercare quell'elusivo mancante qualcosa.





Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers