Green Street Hooligan

I lettori di lunga data di questo blog conosceranno il mio amore per il gioco del calcio (o, se necessario, per il calcio). Sono stato un seguace del Liverpool FC della Premier League inglese per quasi un decennio e il fascino della cultura calcistica, dal ritmo e dall'euforia di una partita contro i rivali amari alle canzoni, i canti e la sfilata dei tifosi stessi, ha diventare una parte importante della mia vita. Probabilmente trascorro più ore a settimana a guardare le partite e a leggere sul calcio di qualsiasi altra attività. Una delle prime lezioni apprese da un nuovo tifoso del Liverpool è la storia di due catastrofi provocate dalla violenza dei tifosi e in che modo il club, il maggior successo nella storia del calcio inglese, è stato bandito dalla competizione europea per cinque anni (insieme a tutto l'inglese squadre di calcio).

Il 29 maggio 1985 il Liverpool ha giocato la Juventus è la finale di Coppa dei Campioni a Heysel, in Belgio. Dopo che un gruppo di tifosi del Liverpool iniziò a scontrarsi con i tifosi della Juventus, il disastro colpì e i muri di sostegno recintati dai fan per lo più italiani cedettero, portando 39 persone a essere schiacciate o calpestate a morte. Dopo Heysel, tutte le squadre di calcio inglesi furono bandite dalla competizione europea per cinque anni. Nel 1989, ancora sotto il divieto, il Liverpool fu nuovamente coinvolto in una tragedia quando giocò una semifinale di Coppa d'Inghilterra contro la Nottingham Forest F.C. a Hillsborough. Quando un'ondata di tifosi ha invaso il piccolo stadio, la polizia ha indirizzato i tifosi del Liverpool in una sezione del terreno troppo piccola per il numero di persone che arrivavano, schiacciando a morte 96 tifosi del Liverpool contro un muro di contenimento.

Come sostenitore del Liverpool, si deve immediatamente fare i conti con l'impatto della violenza dei fan (nel caso di Heysel) e dell'importanza di gestire i tifosi (nel caso di Hillsborough). Certo, il Liverpool non è solo. In nessun posto vicino. Nel suo fantastico libro Among The Thugs, l'autore Bill Buford delinea le sue avventure tra i sostenitori rumorosi e ribelli del Manchester United. Il racconto avvincente di Buford sulle 'imprese' dell'Uomo U (il nome per le bande di tifosi che si identificano con le loro squadre di calcio preferite) che corrono in rivolta per le strade d'Italia è un must. Ma il problema della violenza e degli abusi dei fan non è affatto un racconto ambientato solo negli anni '80, e non è affatto solo un problema inglese. Proprio ieri, a Sofia, in Bulgaria, i tifosi del CSKA Sofia hanno gridato agli abusi razzisti contro l'attaccante del Liverpool Djibril Cisse.



D'altra parte, c'è una strana storia d'amore associata alla violenza calcistica. Per quanto stupida possa sembrare quella frase quando si contrappone alla realtà della violenza dei fan e all'impatto che ha avuto sulla vita delle persone colpite da essa, il gioco del calcio ha abbracciato la realtà di una sottocultura di tifosi ubriachi, ruvidi e ribelli che litigavano con uno un altro. Chiamalo amore duro, ma in termini di romanticismo, il film vincitore della SXSW di Lexi Alexander Green Street Hooligan fa di tutto per abbracciare l'appello appassionato della violenza dei fan.


Probabilità e zolle: The GSE, Ready to Rumble

Amazon il grande malato

Un ex membro della ditta City Boys di Mannheim, in Germania, Alexander è una cintura nera di secondo grado che a quanto pare ha visto la sua parte di rissa nel calcio. Nella dichiarazione del regista sul film, Alexander discute della sua attrazione per lo stile di vita dell'azienda:

“Contrariamente alla credenza comune, la maggior parte di noi è andata nelle migliori scuole, aveva soldi e viveva in grandi case. Quello che non avevamo erano i genitori disponibili. Quello che ci mancava a casa, lo abbiamo trovato l'uno nell'altro, nella nostra azienda. Le rivolte riguardavano la dimostrazione del nostro amore, perché ovviamente un gruppo di ragazzi non va in giro a dirsi 'Ti voglio bene' &65533; Se solo dieci persone decidessero di aggiungere lealtà, affidabilità, coerenza e protezione ai loro attributi del personaggio, sarò un cineasta felice '.

Se vuoi un primer sul fascino del mob, non farai molto meglio di Green Street Hooligan. Il film idealizza l'ideale di essere un 'amico' (amico) e il potere di dipendenza della violenza. Come un incrocio tra David Fincher Fight Club (senza il maledetto schizofrenico o la satira) e il classico della cultura mod Quadrophenia , hooligans abbraccia il codice della mascolinità legandolo all'immersione individuale in una sottocultura di violenza di gruppo. Uno studente di giornalismo americano espulso da Harvard per un crimine che non ha commesso, Matt (Elijah Wood) si reca a Londra per visitare la sua ex sorella pat, Shannon (Claire Forlani) e suo marito Steve (Marc Warren). Matt incontra Pete (Charlie Hunnam, una stella in divenire), il fratello minore di Steve, che è costretto a portare Matt a una partita di calcio tra Birmingham e la squadra preferita di Pete, West Ham United. Il preferito è un eufemismo enorme; Pete, a quanto pare, è responsabile del GSE (Green Street Elite), la società privata di West Ham. Dopo la partita, Matt decide di evitare guai e inizia a tornare a casa da solo quando i membri della ditta di Birmingham lo saltano. Pete e il GSE vengono in soccorso e presto si scatena una rissa totale, con Matt che prende un pugno e sorprendentemente tiene il proprio. Matt vince il rispetto del GSE e inizia ad abbracciare il suo delinquente interiore. Per Matt, l'attrazione per la violenza diventa schiacciante 'quando prendi un pugno e ti rendi conto che non sei fatto di vetro'.


Who Are Ya ?: I sostenitori di GSE Taunt Man U (poi di nuovo, chi non lo fa?)

Alexander fa un ottimo lavoro nel girare le risse e combattere, ma il film stesso ha una sfortunata tendenza a scivolare in un pesante melodramma, che non è mai troppo lontano dalla maggior parte dei film sportivi. In questo caso, il conflitto di trama principale del film ruota attorno alle credenziali giornalistiche di Matt (i membri delle aziende non si fidano dei giornalisti) e una rivelazione a sorpresa. Nella sequenza di combattimenti finali, Alexander perde l'adrenalina e invece cede il film a una risoluta decisione che, nonostante abbia ripagato la trama oscura, semplicemente non soddisfa perché cerca di trasformare il film in un racconto cautelativo. Come un biglietto da visita di Hollywood, questa potrebbe non essere una brutta cosa, dal momento che Alexander dimostra di essere in grado di calciare il culo con il meglio di loro, offrendo allo stesso tempo il tipo di moralismo che gli abiti da studio amano adorare. Il film non è affatto una chiamata alle armi o un incitamento, ma devo ammettere che, uscendo dal teatro, il mio petto era gonfio ed ero pieno di adrenalina; Mi sentivo quasi invincibile. Solo quando ho messo la violenza nel suo giusto contesto sono stato in grado di vedere che il film era più di un divertente paio d'ore nella vita e nella morte delle bande di calcio, era una celebrazione della folla.


Rapporto a tempo pieno: Millwall 1-0 West Ham

Ma forse questa è troppa responsabilità da collocare nel film. Nel contesto della violenza internazionale nel suo complesso, come rappresentato nel film dopo il film che glorifica la violenza in guerra, le forze dell'ordine e il crimine organizzato, cosa c'è un po 'di rissa tra i tifosi? Invece, vorrei che Alexander si fosse attaccato alle sue pistole e celebrato la cultura che ama così chiaramente, senza i ganci melodrammatici. La realtà è che il film, come i suoi personaggi, prende vita solo quando rompe bottiglie su teschi e lancia pugni intrisi di sangue. La decisione di Alexander di martire i suoi personaggi in nome della cautela è una scelta responsabile data la storia morbosa della violenza calcistica, ma artisticamente è chiaro che il suo cuore non batte per le conseguenze della violenza; solo per i suoi brividi. Nella sua dichiarazione, Alexander dimostra che adora il codice dell'azienda, che celebra gli ideali della banda, indipendentemente dalla violenza a cui portano inevitabilmente quegli ideali. Nel film, come nella vita reale, il codice dell'azienda porta direttamente alla tragedia. Se solo Alexander avvertisse la perdita tanto profondamente quanto i brividi della battaglia, Green Street Holligans potrebbe essere stato grandioso. Allo stato attuale, il film è uno sguardo divertente a una subcultura violenta (non sono una prude), ma offre la titolazione della violenza senza un onesto senso di indignazione.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers