Head Trip: 'Battle in Heaven' di Carlos Reygadas

Purtroppo, nel 2006, aprire il tuo film con un vero e proprio pompino non è proprio lo scatto di buon gusto di una volta. Finire proprio dove hai iniziato forse aumenta leggermente l'ante, ma se Carlos Reygadas pensa che i suoi ormai famigerati fermalibri stiano gettando qualcuno per un giro, quindi probabilmente si sbaglia gravemente. Concederò che forse è meno il pompino stesso, e più l'idea dell'adorabile giovane Anapola Mushkadiz che succhia devotamente grasso, con gli occhiali Marcos Hernandez - entrambi i non fattori - che è in gioco qui, e questo test della repulsione dello spettatore può segnare il necessario punto di intersezione con il resto delle preoccupazioni del film.

Detto questo, penso che Reygadas sia troppo intelligente e attento per un cineasta per cadere così facilmente nella trappola dello 'scandalo minore' Ehi, guarda qui! 'Che ha rovinato il lavoro di qualcuno come Catherine Breillat o peggio, Todd Solondz. Sulla base della serietà dello scopo che sta attraverso il suo grande e selvaggio primo lungometraggio, 'Giappone, 'Sono disposto a dargli il beneficio del dubbio che c'è una ragione per tutta questa fellatio oltre il potenziale valore di shock dell'immagine, anche se dopo aver sconcertato il lavoro per un po 'non sono abbastanza sicuro di averlo districò le affermazioni audaci che sta cercando di fare su classe, sessualità e Messico. Dato che 'Japon' si basa anche su rapporti abbastanza grafici tra un intellettuale di mezza età della città e una donna di villaggio estremamente avvizzita, forse questo è un terreno su cui camminare con attenzione. Mi prendi in giro una volta e tutto il resto.

L'impostazione di 'Battle in Heaven' è semplice anche se le indicazioni che Reygadas potrebbe voler spingere non lo sono: la classe inferiore Marcos e sua moglie (Bertha Ruiz) hanno rapito un bambino per riscatto, solo per ucciderlo inavvertitamente prima che possano riscuotere. Marcos lavora come autista per Ana (Mushkadiz), figlia di un ricco generale di Città del Messico, e sua moglie vende ciondoli in un tunnel della metropolitana sterile. Dopo essere venuto a prendere Ana all'aeroporto all'inizio del film e basato su un quid pro quo di cui non siamo abbastanza consapevoli, Marcos le confessa il suo crimine. La sua risposta è contrassegnata da un misto di disinteresse e preoccupazione. Anche se può riconoscere una sorta di affetto per quest'uomo che è stato il suo autista per anni, è più nell'ordine in cui una donna adulta potrebbe considerare la perdita di un vecchio giocattolo. 'Marcos, devi trasformarti in polizia', ​​consiglia lei, un mantra a cui si aggrapperà fino alla fine del film. Continuano verso la 'boutique' in cui lavora Ana e lei lo persuade con pietà e timidezza. Un po 'sorprendentemente, dato il suo tono di vendita, la boutique si rivela un bordello (un segreto che Marcos ha mantenuto con successo per anni), e dopo un tentativo fallito con un'altra prostituta, Marcos confessa che vuole solo Ana, che, ovviamente, lo respinge . Questa breve sequenza dall'aeroporto al bordello delinea la principale azione dialettica del film: superiore vs inferiore (classe), bellezza contro bestia, e se forse è un po 'schematico è dovuto al peso eccessivo del resto del film posti su di esso.



Prima che Marcos arrivi all'aeroporto, lo vediamo marciare attraverso una piazza aperta dietro un corpo di tamburo dell'esercito che partecipa a un rituale di alzabandiera ripetuto più avanti nel film. La grossolana giustapposizione dell'immensità della bandiera messicana con l'immensità del corpo di Marcos dalla sequenza iniziale, più onirica, è ovvia e forse un po 'economica. 'Questo è il Messico!' Sembra che Reygadas stia urlando, e la prima metà del suo film si sente impantanata in questo tipo di dichiarazione repressiva, quando tutta la seconda metà del film vuole fare è bruciare tutto e incidere il laser sul suo vita fantasy sempre più disturbata e ossessionata dall'eroe nominale. Il passaggio dalla sociologia alla psicologia avviene dopo che una sessione abbastanza grafica e inaspettata di fare l'amore con Ana viene rivelata come nient'altro che una fantasia masturbatoria legata al divano. Immediatamente dopo, Marcos e la sua famiglia lasciano la città per il paese (rivelando nel processo proprio di chi hanno rubato e ucciso il figlio), ed è lì che il film vive la sua più grande epifania visiva e spirituale con Marcos avvolto nella nebbia, solo su una montagna. È nel catturare Marcos contro il paesaggio, e in colpi e sequenze altrettanto visionari (un Marcos nudo incorniciato contro un muro bianco che assomiglia a un disteso modello di Francis Bacon, un taglio da un soggiorno in una partita di calcio televisiva, la frenetica confusione del religioso pellegrinaggio che termina il film) in cui Reygadas rivela il suo allineamento non alla razza relativamente ferma dell'attuale regista messicano incarnata da Inarritu o Cuaron ma piuttosto al più originale (e completamente incrinato) Alejandro Jodorowsky. Entrambi sono afflitti da visioni fantasticamente grandiose (rintracciare 'El Topo', se osate), un eccesso di immaginazione e idee e solo un controllo nominale sui propri poteri. Indipendentemente dal successo finale del suo film, Reygadas è sicuramente all'altezza di qualcosa, anche se nel caos di immagini e idee la spinta centrale è, a volte, difficile da gestire. Alla fine, ha usato in qualche modo 'Battle in Heaven' per disegnare un contorno, per quanto traballante, del Messico? Non ci sono mai stato, ma dato il regista che è adesso e che sono sicuro che diventerà, non sarei affatto sorpreso.

[Jeff Reichert è co-fondatore ed editore di Reverse Shot. Attualmente è impiegato dalla Magnolia Pictures.]

Una scena di 'Battle in Heaven' di Carlos Reygadas. Foto per gentile concessione di Tartan Films USA.

Take 2 di Kristi Mitsuda

Diretto con una precisione mozzafiato, 'Battle in Heaven' si muove insieme a una placidità che smentisce e rafforza la sua descrizione silenziosamente commovente della disperazione a Città del Messico. Mentre il regista Reygadas decontestualizza tutto precedendo scatti master con immagini astratte, un design visivo e audace incredibilmente impressionistico (complesso come qualsiasi David Lynch) ci immerge nella prospettiva del supervisore e autista Marcos. Reygadas incanala la nostra consapevolezza in modo tale da vedere (condividere la sua visione offuscata quando gli occhiali si rompono) e sentire (i suoni di sottofondo si alzano e si attenuano mentre si sintonizza o si discosta di conseguenza) dal punto di vista di Marcos e quindi ci garantisce un modo all'interno un personaggio altrimenti impenetrabile. Perfino la sua postura iconica - in piedi con i piedi ben piantati, le mani che ciondolano con i pugni sciolti a fianco - è piena di ambiguità: potrebbe facilmente scappare come rimanere. E, sebbene focalizzato principalmente su di lui, il vantaggio occasionalmente passa agli altri; ad Ana, per esempio, mentre giace nel letto accanto a lui. La cornice, in un'approssimazione del suo sguardo mentre Marcos si siede accanto a lei, ci consente una visione intima della sua sezione centrale, i rotoli di grasso percepibili sotto una canotta bianca lacera e, per un momento, ti siedi meravigliato dalla squisita tenerezza di questo lungo look.

serie comica per adulti

Siamo così abituati a vedere solo un tipo di corporatura nei film che qualsiasi altro rappresentato fornisce una sorprendente quantità di texture. Adoro il modo in cui le apparenze fisiche di ciascuno manifestano aspetti inespressi della loro classe, delle loro vite. Come le serrature abilmente temute di Ana e la cornice snella rivelino così chiaramente il suo privilegio. Come sappiamo cosa mangiano Marcos e sua moglie e suo figlio obesi e come trascorrono il loro tempo libero. Raramente è stata osservata una tale corpulenza sullo schermo e nei minimi dettagli - la fotocamera cattura ampiamente la pelle flaccida e le vene varicose - come viene presentata qui. Ancora più di rado (sempre '> artflickchick.]

Una scena di 'Battle in Heaven' di Carlos Reygadas. Foto per gentile concessione di Tartan Films USA.

Take 3 di Nick Pinkerton

Il secondo film di Carlos Reygadas è senza dubbio un film progettato con la provocazione come priorità n. 1; qualsiasi film che contesti un pompino interclassista con il loft di una bandiera nazionale (il messicano, in questo caso) nei suoi passaggi di apertura, spera ovviamente di trasformare il teatro in un macello per mucche sacre. Potrebbe aiutare gli spettatori americani a sostituire mentalmente Old Glory qui, al fine di mettere la salva iniziale di Reygadas nel contesto - e di cristallizzare la stretta vicinanza della tattica di shock del regista che lo porta al livello di Marilyn Manson per la folla di Cannes.

La vicinanza reiterativa in 'Battle in Heaven' tra i simboli rappresentativi e i monumenti di Città del Messico e una storia pietosamente sordida che è irta di tensione di classe e grottesche mi fa dimenare, allo stesso modo che l'ondata di titoli cinematografici prefissati 'americani' di alcuni anni indietro ha fatto, è così ovvio. È un peccato perché, guardando oltre questo, troverai un film la cui integrità estetica è enorme e il cui confronto narrativo potrebbe provocare un colpo di scala più ricca senza essere così sfacciato, e quindi così facile da cancellare.

L'immagine cruciale - una principessa che succhia un contadino - è probabilmente il singolo più potente dell'esplosione hardcore degli artigiani degli ultimi anni. E questo momento non definisce il film - come, diciamo, i colpi di denaro, lo splooge o il sangue, in 'The Brown Bunny' o 'Cache' - quasi quanto le recensioni di scribi irrimediabilmente sporchi come me hai creduto. Reygadas è un regista serio con un dono per la creazione di nuovi valori tonali; Non riesco a pensare a qualcosa di simile al testimone del punto di vista soggettivo che passa tra i personaggi di 'Battle in Heaven', occasionalmente irrompendo in ellissi fluttuanti in cui la telecamera simbiotica alla deriva sembra cercare un corpo ospite. Il risultato è una strana stratificazione della prospettiva e il cinema che verrà rivisitato in modo gratificante molto tempo dopo che la penetrazione ha colonizzato il multiplex.

[Nick Pinkerton è uno scrittore ed editore del personale di Reverse Shot e collaboratore frequente di Stop Smiling.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers