INTERVISTA a indieWIRE | “Dr. Bronner’s Magic Soapbox ”Regista Sara Lamm

Chiunque pensi che sia illuminato non può essere trovato su un'etichetta di sapone non ha guardato da vicino quella bottiglia blu pesante di testo nella navata del commerciante Joe. Da lontano le bottiglie disadorne e istituzionali del Dr. Bronner sembrano coperte di avvertimenti (uno dei più grandi: DILUTE!). Piuttosto, sono pieni di insegnamenti morali strabilianti. Anche cercare alcune istruzioni ti dà una dose salutare: 'Goditi lo sfregamento del corpo per stimolare il corpo-mente-anima-spirito e insegnare l'essenziale ABC morale unendo tutto gratis nel pastore astronomo, la più grande fede di un solo Dio!' Sara LammDocumentario su Dr. Emanuel Bronner, maestro saponista, rabbino autoproclamato e paziente mentale fuggito (nel 1947), aperto di recente a New York e ora si espande a Los Angeles e San Francisco. Check-out 'Scatola di sapone magica del Dr. Bronner'S' sito ufficiale.

Parlaci di te.

Ho 32 anni e vivo a Los Angeles. Sono nato a Chapel Hill, NC e mi sono trasferito a New York City dopo il college. Ho vissuto lì per dieci anni, ma mi sono trasferito a Los Angeles circa un anno fa.

Cosa ti ha portato a diventare un regista?

A New York stavo principalmente suonando dal vivo, in teatro in centro - producendo, scrivendo e suonando con uno spettacolo di varietà chiamato 'Dog & Pony. 'A volte descrivo il lavoro che stavo facendo come' performance art comica ', perché non riesco a pensare a nessun altro modo per descriverlo. “Dr. Il Magic Soapbox di Bronner 'in realtà è nato da una di queste esibizioni - abbiamo messo in scena la famosa etichetta di sapone del Dr. Bronner (pensate cheerleader maschili e femminili in tute bianche). Ho scritto alla compagnia e ho chiesto loro di donare sapone al nostro gruppo. Ralph Bronner, sempre entusiasta e generoso, ci ha inviato un mucchio e poi ha iniziato a chiamarmi al telefono per raccontarmi le sue storie.

Come hai conosciuto il cinema?

Ero molto interessato alla storia orale al college e, in un certo senso, gran parte del mio lavoro teatrale si è basato su storie di narrativa, narrativa e saggistica attraverso una varietà di interviste testuali, documenti storici, fotografie, video ecc. È piuttosto interessante per me come il cinema, come il teatro dal vivo, abbia il potenziale per essere un vero evento comune e allo stesso tempo per effettuare il cambiamento a un livello personale e cellulare. Quindi ho l'impulso di pensare a 'Magic Soapbox' come a una sorta di esibizione, anche se lo 'spettacolo' si svolge solo tra una persona e un DVD. Ovviamente, c'è una grande differenza tra palcoscenico e schermo e, essendo questo il mio primo film, ho dovuto imparare molto. Sono stato fortunato ad avere il supporto di persone intelligenti e pazienti che potrebbero spiegarmi cose come, ad esempio, perché il time code è così importante.

notizie keira knightley

Come è nata l'idea del film?

La connessione iniziale con la famiglia Bronner è nata da un pezzo che ho realizzato, adattando l'etichetta del sapone per il palcoscenico. Ma il mio rapporto con Ralph Bronner si è consolidato dopo l'11 settembre, quando mi ha chiamato e mi ha chiesto di portare il sapone a Ground Zero - per distribuire alle persone che vivevano e lavoravano lì. È stata una strana commissione, in un certo senso, ma alla fine mi ha fatto sentire più intimo con l'intera comunità del centro. Questo è il metodo sorprendente per la follia di Ralph, penso: ha un'incredibile capacità di tagliare i meccanismi di difesa delle persone e di stabilire relazioni tra esseri umani. Ho realizzato un pezzo radiofonico in onda NPR sull'esperienza e Ralph ha telefonato non molto tempo dopo per annunciare che gli sarebbe piaciuto venire a New York City per esibirsi in uno spettacolo improvvisato su suo padre e la compagnia di sapone. Nel frattempo avevo imparato molto sull'azienda e sulla sua progressiva presa in affari socialmente responsabili. Fu allora che sembrò che l'intera cosa dovesse essere documentata, e sembrava che fossi io quello che lo avrebbe fatto.

Quali sono state alcune delle maggiori sfide che hai dovuto affrontare nello sviluppo del progetto?

Circa due anni dopo fui contattato da un regista che aveva iniziato ma non aveva mai finito un documentario sul Dr. Bronner negli anni '80. Aveva bellissimi filmati d'archivio di 16 mm di tutta la famiglia. Produttore Zach Mortensen e ho dovuto trovare un sacco di soldi per autorizzarlo. All'epoca era una lotta, perché il film a quel punto era stato relativamente economico: stavamo girando su miniDV, avevamo preso in prestito attrezzature e imploravamo molti amici di donare il loro tempo, ecc. A posteriori, penso che dovessi investire alcuni soldi veri sono stati una buona cosa, perché hanno aumentato la posta in gioco per l'intero progetto e mi hanno davvero impegnato a completarlo.

Inoltre, probabilmente condivido l'esperienza con molti cineasti in quanto ho dovuto imparare e ri-imparare (e probabilmente dovrò ri-imparare) la lezione inquietante e dolorosa che fare un lavoro creativo comporta necessariamente critiche e rifiuto e talvolta non avere le tue e-mail restituite dai VIP. Il padre di mio marito aveva una frase: 'Se vuoi ballare, devi pagare il violinista', e immagino che sia così. Può essere emotivamente svuotante, ma c'è una grande opportunità lì - trovare il cameratismo con altri artisti e chiarire il tuo senso dello scopo, anche se alcuni giorni ti sembra di essere il regista più miserabile e solo che abbia mai camminato sulla faccia della terra .

Quali sono le tue maggiori influenze creative?

ho sentito Albert Maysles parlare così meravigliosamente una volta di fare film con compassione, ed è davvero risuonato con me. E il mio amico fotografo Lloyd Ziff ha detto: 'È facile fare una fotografia cattiva - è difficile catturare ciò che è bello di qualcuno'. Ho pensato molto a entrambi mentre stavo lavorando a questo film. E ho visto 'Mollica'Come sei volte.

Sono stato ispirato anche da molti artisti di spettacolo / teatro, in particolare Marina Abramovic e Anne Bogart. Una volta una mia insegnante ha citato Anne Bogart come dicendo qualcosa che sembra rilevante per il cinema documentario: 'Guarda con interesse, non con desiderio'.

Quali sono alcuni dei tuoi film preferiti di tutti i tempi?

Ero pazzo di elettrizzato John Cameron Mitchell'S 'Pulmino'- Vorrei che tutti potessero rendere i film personali, divertenti e lontani. Sul fronte del documento, Agnes Varda'S 'The Gleaners'È un favorito di tutti i tempi, e Ross McElweeAnche il lavoro è lassù. Adoro il modo in cui entrambi i cineasti rispettano le strutture della trama intuitive, al contrario di quelle apertamente lineari. Ma mi piacciono anche i documenti meno astratti. “Lost Boys of the Sudan' e 'Ragazzi di Baraka'Sono due che ho visto di recente che mi hanno davvero commosso - entrambi usano la giustapposizione con l'Africa per rivelare e mettere in discussione così tanto la cultura americana e la natura umana.

meglio chiamare saul finale di stagione 4

Quali sono i tuoi interessi al di fuori del cinema?

In questo momento sono incinta di 39 settimane e 1/2 del mio primo figlio. Molto interessato a questo.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers