INTERVISTA a indieWIRE: il regista di “The Host” Bong Joon-ho

Con il suo spettacolare film mostruoso, 'Il padrone di casa' Bong Joon-ho riceve alcuni consigli dal playbook del film d'attesa Speilberg: semplifica il mostro, umanizza le persone. Contrassegnato da un inizio paziente e ben fatto, una giornata di sole in riva al fiume diventa una festa sanguinosa per una creatura goffa. Quando porta una bambina nella sua tana per uno spuntino futuro, la famiglia disfunzionale che si è lasciata alle spalle cerca di metterla insieme per salvarla. Come il seguito molto atteso di Joon-ho 'Ricordi di omicidio, 'The Host' è diventato rapidamente il film sudcoreano più redditizio di tutti i tempi. Il regista ha risposto alle domande di indieWIRE dopo l'uscita del film negli Stati Uniti venerdì scorso entro Magnolia Immagini.

Cosa ti ha portato al cinema?

Non ho avuto un certo incidente che mi ha fatto improvvisamente decidere di voler diventare un regista. Quando ho frequentato il liceo sapevo solo che volevo diventare un regista. Da bambino guardavo molti film e se guardassi i miei diari o quaderni che tenevo quando ero più giovane, scopriresti che ho raccolto ritagli di recensioni e cose del genere. Una volta ho visto 'Wages of Fear, 'Ed ero così incantato dalla suspense che mi ha dato che ho dovuto vederlo fino alla fine, anche se dovevo andare in bagno. Lì, ho capito il potere del film.



Da dove viene l'idea di 'The Host'?

natalie portman rap snl

Quando ero più giovane vivevo vicino al fiume Han e mi piaceva sognare ad occhi aperti mentre guardavo il fiume. Sono stato anche un grande fan di mostri come Nessie of Loch Ness e così via. Un giorno, mentre guardavo il fiume Han, pensavo come sarebbe stato se un mostro come Nessie fosse uscito dal fiume Han e nello spazio ordinario e quotidiano dei cittadini di Seoul. Questo è stato l'inizio del film. E quando il caso di scarico di sostanze chimiche tossiche si è verificato nel 2000, è stato semplicemente perfetto per la nascita del mio mostro.

Quali erano i tuoi obiettivi per il progetto? Quali sono le tue influenze?

È stato il mio primo film sugli effetti visivi, quindi volevo fare un grande film di fantascienza. E in secondo luogo, volevo creare personaggi familiari 'perdenti' molto realistici che combattessero contro il mostro. In breve, il mio obiettivo era quello di realizzare un film di genere unico e nuovo. Per quanto riguarda l'influenza: se pensi che uno squalo sia un mostro, puoi dire Steven Spielberg'S 'fauci'È stata una sorta di influenza, in particolare, la prima metà del film in cui l'intera comunità è stata presa dal panico quando appare lo squalo. Ma devo dire M. Night Shamalan'S 'segni'È stata un'influenza maggiore. Anche se si tratta dell'invasione aliena piuttosto che delle creature, mi è piaciuto il fatto che il film si concentrasse su Mel GibsonLa famiglia non è sugli alieni.

la verità su tanacon

Quali sono state alcune delle maggiori sfide che hai dovuto affrontare
sviluppando 'The Host'?

Non c'è tradizione cinematografica di mostri o creature in Corea del Sud, quindi ci sono pregiudizi contro i film di genere. [La gente pensa] di essere infantile e giovanile. Quindi i miei amici e persino le persone del settore mi hanno detto di non farlo.

Come sono finiti i finanziamenti e il casting per il film?

bong innevati

In Corea, ci sono due modi per garantire il finanziamento. Uno, un'organizzazione governativa sostiene i film d'essai, e due, ci sono compagnie private che sostengono i film commerciali. Ricevo anche i finanziamenti da un'azienda giapponese. Anche se il film non è un genere popolare in Corea, sono stato in grado di ottenere finanziamenti per il film grazie al successo del mio precedente 'Ricordi di omicidio'E il casting degli attori popolari. Tutti gli attori principali e alcuni degli attori secondari erano quelli che ho lavorato prima e ci è piaciuto lavorare insieme. Così ho potuto sistemare la line-up degli attori prima di aver completato la sceneggiatura, e poi ho potuto scrivere la storia 'su misura' per gli attori.

Quali sono alcuni dei tuoi film preferiti di tutti i tempi e perché?

Mi piacciono i film di registi giapponesi come Imamura Shohei, Kurosawa Kiyoshi. Mi piacciono anche i film statunitensi dei primi anni '70 come Steven Spielberg'S 'Sugarland Express''Duello''fauci' e Sam PeckinpahFilm, o Henri-Georges Clouzot. Ma il mio mentore, il mio regista preferito di tutti i tempi, è il defunto regista coreano KIM Ki-young. Ha girato film negli anni '60 e '70 e sono così grotteschi e bizzarri ma fantastici. Ci sarà una retrospettiva di KIM Ki-young, che commemora il decimo anniversario della sua morte Lincoln Center di New York, quindi consiglio vivamente di guardare i suoi film lì.

Quali sono i tuoi interessi al di fuori del cinema?

Quando non sto girando film, guardo film. Mi piacciono i fumetti e le fotografie dei fotografi professionisti.

Hai qualche consiglio per i registi emergenti?

l'altro lato del rimorchio del vento

Più unica è la tua immaginazione, più le persone ridono di te. [Ignora] il ridicolo delle persone e cresci fino a diventare un grande regista. Anch'io ho avuto momenti difficili. La gente ha riso quando ho detto loro che stavo realizzando film sui mostri, ma l'ho fatto.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers