INTERVISTA: Catherine Breillat si apre su 'Romance', Sex and Censorship

INTERVISTA: Catherine Breillat parla di 'Storia d'amore', Sesso e censura



di Saul Anton


Il nuovo film di Catherine Breillat 'romanticismo'È l'ultimo della venerabile tradizione francese della' filosofia nel boudoir '. Debuttando al festival cinematografico di Rotterdam dello scorso anno, è diventato un piccolo successo di scandalo per la sua rappresentazione esplicita e grafica del sesso e il casting di Breillat di una star del porno europea, Rocco Siffredi, in uno dei ruoli principali. È interessante notare che il film è appena licenzioso. 'Romance' è in parte melodramma, in parte metafisica, e segue il viaggio sessuale di una giovane donna in uno stile visivo rigido e sconcertante che ricorda il classico di Oshima 'Impero dei sensi'E Bertolucci'L'ultimo tango a Parigi. '

Anche se questo è il sesto film di Breillat in 25 anni, 'Romance' è solo il secondo ad essere distribuito negli Stati Uniti Trimark Pictures). Il più recente, '36 Ragazza', È apparso nel 1989 ed è una storia sul risveglio sessuale di una precoce ragazza di 14 anni che cerca di perdere la verginità. Guardando in basso il suo curriculum, infatti, scopri che il suo interesse per l'argomento del sesso è stato per tutta la vita. Il suo primo romanzo, pubblicato all'età di 18 anni, fu limitato alle persone di età superiore ai 18 anni in Francia quando apparve nel 1968. Breillat parlò a indieWIRE di sesso, censura, cinema indipendente e donazione nel tuo subconscio.

recensioni di episodi morti viventi

Indiewire: Chi consideri il tuo pubblico per 'Romance'?

Catherine Breillat: Non ne ho idea. Non penso molto al mio pubblico. Non puoi assolutamente prevedere quale sarà il film fino al termine, quindi come fai a sapere chi è il tuo pubblico? Per me, l'importante è, prima di tutto, realizzare il film. In secondo luogo, quello che sto cercando è di andare oltre me stesso. In altre parole, provo a scoprire qualcosa in me o su me stesso che non conoscevo prima. È eccitante per me che conosco qualcosa che non sapevo prima di girare il film. Ma non posso saperlo fino a quando il film non sarà finito.

All'inizio è solo un progetto. Quando mi siedo per scrivere una sceneggiatura, non so cosa scriverò. Lo scopro mentre vado. Questo è ancora più vero nel fare il film. Quando sto girando, non mi accontento solo di mettere la sceneggiatura sullo schermo. Nelle riprese del film cerco cose che non avevo mai visto prima, e nel catturarle in un modo che non avrei potuto scrivere. Alla fine, tutto si riduce a scoprire qualcosa su di me. Prima di poter offrire qualcosa a un pubblico, devi sapere chi sei, altrimenti, che cosa stai offrendo loro? Non sa chi sia più di te, ed è per questo che un pubblico viene al cinema.

iW: Perché hai scelto Rocco Siffredi?

Breillat: Il primo motivo era che volevo semplicemente. Avevo già visto Rocco e l'ho adorato. La seconda ragione è che da qualche tempo gli attori tradizionali hanno rifiutato di recitare nei miei film. Stanno molto attenti a proteggere le posizioni che hanno acquisito e sono molto timide. Hanno paura di correre rischi e non si fidano di nessuno. Molto spesso leggono le mie sceneggiature e all'improvviso immaginano la loro stessa esecuzione del film che, ovviamente, non assomiglia a quello che immagino sarà il film. Quindi ho scelto Rocco perché era interessato e disposto a interpretare il ruolo. L'altro motivo per cui l'ho scelto era perché aveva le qualità fisiche di cui avevo bisogno per il ruolo. È molto bello e non so se te ne sei accorto, ma oggigiorno la maggior parte degli attori francesi non è molto bella. In passato erano belli, ma non in questi giorni.

iW: Sei a conoscenza delle controversie sulle valutazioni dell'Accademia nel
Stati Uniti?

netflix aziz ansari

Breillat: Ovviamente. Sembra che sia un problema serio. Fondamentalmente costringe le persone a censurarsi. È una specie di auto-flagellazione. Avendo la valutazione, le persone non sono più in grado di giudicare da soli ciò che è un film per adulti e ciò che è in realtà un film pornografico che dovrebbe essere valutato con la 'X'. Questo è molto infantilizzante, soprattutto da quello che chiamano 'adulto' il cinema dovrebbe essere il più nobile e serio, ma sembra che qui nessuno capisca il significato di questo termine. Nel momento in cui qualcosa è un film per adulti - che il mio film sembra essere ai loro occhi - è considerato il più degradante e off-limits. In Francia, la situazione non è così diversa, poiché la valutazione 'X' ha limitato il film a persone di età superiore ai 18 anni.

iW: Qual è stata l'accoglienza in Francia?

Breillat: Eravamo davvero nervosi, ma è stato davvero fantastico. E non solo finanziariamente. Anche criticamente. Le persone sembrano capire che questo non è solo un film sul sesso ma un film sul sesso, e lo stanno prendendo sul serio e in realtà parlano del film. Sono stati molto aperti a discutere il contenuto sessuale del film. Non avrei potuto aspettarmi una risposta migliore di quella, dal momento che, in effetti, il sesso è qualcosa che riguarda tutti e in cui tutti sono coinvolti, motivo per cui è così preoccupante. E questo non menziona nemmeno il fatto che ho castato Rocco Siffredi nel film. Quello che ho imparato quando è uscito il film, infatti, è stato che questo attore porno era una specie di star cult dell'industria cinematografica del porno, ma chi lo sapeva da quando alle persone non piace parlare dei loro attori porno preferiti.

iW: Ci sono stati momenti difficili nelle riprese del film, in particolare per l'attrice Caroline Ducey?

Breillat: In realtà no. C'era solo una scena che era difficile per Caroline Ducey. Era la scena con Rocco. Altrimenti, Caroline è stata molto forte durante le riprese. Le riprese, tuttavia, sono state molto difficili per me. Avevo un forte obbligo morale, specialmente nei confronti di Caroline, che doveva lavorare molto duramente per credere in ciò che le stavo chiedendo di fare. Non solo ha dovuto superare il senso di limitazione derivante dallo stigma sociale legato all'argomento del film, ma anche la sua autocensura. Doveva arrivare in un posto dove potesse essere libera da quella che a mio avviso è una gabbia mentale ed emotiva che avvelena la nostra sessualità. Una volta lì, sapeva che non ci sarebbe stato e non poteva esserci nulla di osceno nel ruolo e nel personaggio che interpretava, qualunque cosa facesse. Ha capito che per farlo funzionare, ha dovuto andare oltre la propria censura e fare qualcosa di completamente diverso da quello che ci si aspetta normalmente nei film. Da un lato, doveva essere l'attrice consumata; d'altra parte, aveva bisogno di sentirsi sicura nel cedere alla sessualità che stavo cercando di catturare.

iW: Cosa ne pensi del modo in cui il sesso viene trattato nel film americano? È qualcosa a cui presti attenzione?

Breillat: Sì, certamente. Sono qualcuno che pensa che i film americani siano generalmente molto migliori dei film francesi. Prima di tutto, cambiano sempre gli attori. In Francia, abbiamo avuto gli stessi attori per trent'anni. Hai attrici di 50 anni che interpretano ruoli di 30 anni. Negli Stati Uniti, quando decidono di creare una stella, investono molti soldi in promozione e pubblicità e quella persona diventa una stella. Sanno come farlo.

iW: Cosa ne pensi del cinema indipendente americano?

ultimo spoiler jedi

Breillat: Questo è un vecchio cliché, ma i film sono sia un'industria che un'arte. A volte, l'industria si avvicina all'arte, a volte l'arte si avvicina all'industria. Non puoi lavorare nel cinema senza confrontarti con questa realtà. L'unica cosa che mi oppone è l'idea che un film sia semplicemente una replica di ciò che è sulla pagina. Le riprese reali del film sembrano una formalità, come se la creazione non avesse luogo sul set. Al contrario, succede ovunque: sulla carta, nella tana dello scrittore, nell'ufficio del produttore, a pranzo, qualunque cosa, ma non sul set. In questa prospettiva, il regista è una sorta di dipendente pietoso che è semplicemente lì per obbedire agli ordini. È un modo orribile di pensare al cinema. Cerco di non credere nel dominio della sceneggiatura. È un cinema molto noioso. Ciò è particolarmente vero per i remake. È stato girato un altro film, non lo stesso. Se un film è davvero molto bello, non credo che possa essere rifatto. Ad esempio, 'Romance' è stato ispirato da 'Nel regno dei sensi' di Oshima. Ma non volevo rifare il film di Oshima. È un capolavoro. Come hai potuto rifarlo? La mia sensazione è che devi trovare un altro argomento che non abbia ancora avuto un capolavoro.

iW: Qual è la parte più difficile del cinema per te?

Breillat: La parte più difficile della realizzazione di un film, in particolare uno sconosciuto, è guardare la sceneggiatura e chiedersi, beh, che cosa ho intenzione di fare al mondo con questo? Cosa ho scritto? Dove sto andando con questo? Cosa diventerà? La parte più difficile di tutto questo è contenere abbastanza la tua paura in modo da poterla portare al livello successivo e farlo cantare. Non sai nulla di ciò che accadrà, ma è come un bambino dentro di te che aspetta di nascere. Questo è un momento in cui il panico può facilmente insediarsi. La tentazione è di preimmaginare totalmente il film per placare l'ansia. Ma questo è ciò a cui devi resistere, altrimenti, quando inizi a sparare, devi accecarti con tutto ciò che accade sul set. Personalmente, non posso farlo, perché ho sempre pensato che il mio subconscio sia molto più intelligente della mia coscienza attiva, quindi devo trovare il modo di lasciarlo fare la sua volontà.

[Saul Anton ha scritto di arte e cultura per Salon, FEED e Artforum e altre riviste. Attualmente è anche Art Editor di Citysearch.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers