INTERVISTA: Deepa Mehta's Elements, From 'Earth' e Beyond



INTERVISTA: Deepa Mehta's Elements, From 'Earth' and Beyond



di Maya Churi




Nel 1947, l'India fu divisa in stati indù e musulmani, una divisione che sarebbe costata la vita a un milione di persone. Regista canadese-indiano Deepa Mehta ha scelto la violenta separazione politica tra India e Pakistan come soggetto per il suo film 'Terra, 'La seconda della sua trilogia di film ambientata in India. Il suo primo film 'Fire' è stato un ritratto intimo della vita di due donne alle prese con la loro sessualità. Mentre il suo debutto ha ricevuto molti consensi qui negli Stati Uniti, le fazioni fondamentaliste in India hanno intrapreso una violenta protesta contro il film, deridendone i temi lesbici. Con 'Earth', Mehta porta la politica su una scala epica, concentrandosi su come la divisione dell'India dopo l'indipendenza influisce sulla vita di alcuni individui e, a sua volta, dell'intero paese. 'Earth' è stato presentato in anteprima al Toronto Film Festival dell'anno scorso ed è stato raccolto da Zeitgeist Films per un film negli Stati Uniti. Mehta ha recentemente parlato con indieWIRE della sua elementare trilogia indiana, dei problemi di indipendenza e dei colori della 'Terra'.

Indiewire: Quali sono i temi simili tra “Terra” e il tuo ultimo film “Fuoco”? Come si confronterà il prossimo 'Acqua'?

werner herzog star wars

Deepa Mehta: Sono film molto diversi. La trilogia riguarda elementi di un livello che ci nutrono e ci distruggono. Sono elementi molto tangibili. “Fuoco'Riguarda le politiche della sessualità,' Terra 'riguarda le politiche del nazionalismo e'acqua'Riguarda la politica della religione.

iW: Hai lavorato a stretto contatto con lo scrittore di 'Bapsi Sidhwa' nella sceneggiatura di 'Earth'?

Mehta: No, no, ho scritto la prima bozza e l'ho inviata a lei. Mi ha dato i suoi appunti e le ho inviato la bozza al termine. Non ci siamo seduti insieme per scriverlo.

iW: Prima avevi avuto una relazione con lei?

storia dell'orrore americano 6 episodi

Mehta: Oh sì, l'avevo incontrata prima e l'ammiro moltissimo. Fortunatamente per me ha capito che un libro e un film sono mezzi diversi.

iW: Tutto ciò che molti americani sanno dell'indipendenza dell'India è attraverso film come 'Gandhi'. Conoscono il dominio britannico, ma sono sempre stati gli indiani contro gli inglesi e il tuo film mostra gli indiani contrapposti agli indiani. Prima dell'indipendenza, gli indù, i musulmani e i sikh erano tutti uniti nel loro comune nemico, ma una volta lasciato quel nemico non c'era più quel legame. Puoi parlarci un po 'del film in relazione a ciò che sta accadendo oggi nel mondo?

Mehta: Il nemico si è davvero diviso e governato, quindi è partito. Non c'è nostalgia per il raj britannico in questo film. Il motivo per cui volevo fare un film sulla spartizione dell'India in India e Pakistan era che si trattava anche di un'esplorazione di ciò che accade con la guerra settaria, che si tratti del suo Ruanda o del Kosovo o di qualsiasi paese che sia stato colonizzato e dove i colonizzatori se ne siano andati, il modo in cui i francesi lasciarono il Vietnam, hanno sempre lasciato un paese diviso. 52 anni dopo, per noi, stiamo ancora lottando con gli stessi problemi di confine. Come è l'Irlanda o il Kosovo.

iW: Hai studiato filosofia al college, perché hai iniziato a fare film?

racconto cinematografico di ancella

Mehta: Ho sempre amato i film. Mio padre era un distributore di film e sono cresciuto con loro. Ho incontrato qualcuno che aveva una piccola casa di documentari a Delhi. Mi chiedevo se avrei dovuto fare la mia tesi di laurea o meno e mi sembrava una buona cosa da fare era aiutare a fare documentari o imparare qualcosa su di loro. Ho iniziato a lavorare e mi sono innamorato di nuovo [film] di nuovo e non sono mai tornato a fare la mia tesi di laurea.

iW: In termini di produzione cinematografica come arte, come ti sei avvicinato alla 'Terra' rispetto a come ti sei avvicinato al 'Fuoco'? Mi hanno giudicato molto diverso.

Mehta: Sono script molto diversi. La tela 'terrestre' è molto più grande. I macchinari per realizzare il film erano molto più grandi. Erano diversi in quel senso. Ma li ho affrontati esattamente allo stesso modo per me e per ciò che la sceneggiatura richiede. Le storie sono diverse ma tutto viene da me. La logistica è diversa, ma è esattamente la stessa: si tratta solo di interazione umana a un livello molto semplice.

iW: Usi molti colori vivaci, molti rossi, come lavori con la tua DP e il tuo scenografo?

Mehta: Prima mi siedo, parlo con entrambi e uso i pastelli di mia figlia per fare la tavolozza dei colori del film. C'è una ragione per questo; la sceneggiatura evoca alcuni colori che sembra desiderare. In 'Fuoco', era arancione, bianco e verde e in 'Terra', era principalmente terracotta, rosso e giallo. Questi sono i colori primari che indossiamo in India.

iW: Quali sono le differenze tra le riprese in Canada e negli Stati Uniti rispetto alle riprese in India?

Mehta: È molto più divertente sparare in India, è caotico ma molto divertente.

iW: Dimmi un po 'di come lavorare con Aamir Khan, è molto famoso in India, vero?

l'odiosa otto sceneggiatura

Mehta: Si lo è. È un attore prima di essere una stella. È una di quelle rare merci che è una stella / attore. Molto disciplinato, molto professionale. È stato un piacere lavorare per lui. Gli ho dato la sceneggiatura e lui ha appena risposto.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers