INTERVISTA: Mostri, media e significato: Hal Hartley su 'No Such Thing'

INTERVISTA: Mostri, media e significato: Hal Hartley su 'No Such Thing'



di Anthony Kaufman


(indieWIRE / 03.26.02) - Nascosto nelle profondità di una terra lontana, un mostro scontento soffre dei problemi del mondo: saturazione dei media, egoismo, rumore, inganno. Torturato ed esasperato, l'unico modo per alleviare temporaneamente il suo dolore è quello di emergere ogni tanto dalla sua caverna e attaccare la razza umana. Bene, sono passati quattro anni e Hal Hartley è riemerso ancora una volta. Mentre Hartley non attacca la società con l'insensibilità del mostruoso mostro misantropo del suo ultimo film 'Niente del genere', Il settimo lungometraggio del cineasta pacato attacca di certo la nostra civiltà contemporanea, insensibile alla violenza e dipendente dalla fama.

rick and morty - stagione 3 episodio 2

Protagonisti Sarah Polley come la bellezza di Robert John BurkeLa bestia, 'No Such Thing' (in apertura venerdì da United Artists) ha fatto il suo debutto travagliato alla prima di Cannes dell'anno scorso. (MGM / UA ha cercato di forzare un nuovo taglio.) Ma l'arguzia satirica di Hartley è più acuta che mai; 'No Such Thing' continua la tradizione indie stalwart di umorismo secco e intuizioni filosofiche iniziata con film come 'L'incredibile verità' e 'Fiducia'Oltre 12 anni fa. Certo, il suo lavoro non è per tutti. Ma 'No Such Thing' è innegabilmente Hartley-esque, un'altra visione unica di uno dei maverick originali del film indipendente americano.

Collaboratore indieWIRE Anthony Kaufman viaggiò alla grotta di Hartley nella parte bassa di Manhattan e parlò con il regista del lavoro con MGM e Francis Ford Coppola, i media, le critiche sociali e i suoi ultimi progetti.

Indiewire: Pensi che il mondo del cinema indipendente - e il tuo ruolo all'interno di quel mondo - sia cambiato dall'ultima volta che ne abbiamo parlato all'incirca quattro anni fa?



'Sto ancora facendo le stesse cose. Sto realizzando diversi tipi di film, ma cerco ancora di avere una coscienza al riguardo ... '


Hal Hartley: Non per me personalmente. Sto ancora facendo le stesse cose. Sto realizzando diversi tipi di film, ma continuo a provare coscienza.

iW: È più difficile ottenere finanziamenti? Distribuzione?

Hartley: Va e viene. Il ciclo sembra essere di tre o quattro anni. È stretto e conservatore e poi si allenta. Ha a che fare con la tecnologia e l'economia. Ma per me è sempre la stessa cosa. L'unica volta che è stato facile è stato con 'Uomini semplici. 'Dopo' Trust ', che costa solo $ 650.000 e ha fatto un sacco di soldi per un film così marginale, è stato molto facile raccogliere $ 1 milione per' Uomini semplici '. Ma tu vai dentro e fuori moda. Penso che in questo momento stiamo cavalcando la cresta del film indipendente alla moda. Ma poi passa. E tu cresci. E crescere come artista richiede quasi di essere meno popolare. Se il tuo lavoro progredisce in virtù del perseguimento di una maggiore articolazione dei tuoi interessi, sei tenuto ad andare in direzioni che non sono dettate dalle esigenze del mercato. Quindi c'è sempre quella tensione. Penso di saperne di più ora. Ero molto ingenuo a un certo punto. Ho avuto la fortuna di avere un pubblico e i film hanno avuto un budget molto ragionevole. E poi non avevo tutte queste cose: un ufficio, una moglie. È stato facile; potresti fare un po 'di soldi e andare avanti. Ora hai bisogno di un po 'più di denaro.

iW: Quindi ci sono alcuni angoli di affari che mi piacerebbe togliermi di mezzo per quanto riguarda 'No Such Thing'. Il film ha impiegato molto tempo per uscire e c'era questa domanda di ritagli.

Hartley: C'era solo una domanda su un nuovo taglio. Francis [Ford Coppola] e io eravamo d'accordo sul fatto che avrebbe protetto il mio taglio fintanto che avrei lavorato con lui e preso i suoi appunti. E ho detto, va bene: avrò una conversazione con Francis Ford Coppola, è un regista, non una causa. Abbiamo discusso molto. Inizialmente, ha risposto alla sceneggiatura e ha riconosciuto che i miei film erano realizzati fuori dal mainstream, ma pensava che questo potesse essere mainstream. Ma era un grande gentiluomo. Ha protetto il mio taglio; Credo che le persone in studio abbiano avuto molti problemi con il film. Non credo che sapessero chi ero o che avessero visto i miei film e non credo che abbiano nemmeno letto la sceneggiatura. Erano piuttosto nervosi dopo Cannes. Prima erano d'accordo con il film, perché Francis era d'accordo con il film. Ma dopo Cannes, dove le critiche sono state piuttosto negative, le hanno scosse un po '. E sentirono che dovevano appoggiarsi un po 'a Francis per fare qualcosa al riguardo. Quindi ha provato.

iW: Come mai?

Hartley: Riorganizzato in modo diverso in base alle note dello studio. Ma non ha realizzato un film che sarebbe stato più accessibile. Fanno film in modo diverso. Le persone nel settore, fanno ricerche di mercato e osservano i dati demografici, quindi applicano tutti questi numeri al film e non ha reso il film che Francis e io pensavamo sarebbe diventato più popolare. Quindi, alla fine, ha fatto la lunga strada.

iW: E il film che ha suonato a Cannes è quello che suonerà nei cinema.

Hartley: Si. Mi piace il film. La mia unica sorpresa è stata che le persone della MGM sono state colte di sorpresa dal tipo di film che era. È stato esattamente il film che ho scritto.

iW: Come è nata inizialmente la partita tra te e Coppola?

Hartley: Circa sei anni fa, aveva appena scoperto i miei film e ha chiamato per incontrarsi per un caffè. A quel tempo, era molto chiaro che non si trattava di affari; voleva solo parlare. Non è successo, ma poi abbiamo parlato al telefono circa un anno dopo e ha detto: 'Se hai mai bisogno di informazioni o consigli, sentiti libero di chiamare'. Quindi, quando stavo per fare 'No Such Thing' per $ 1 milione con Fridrik Fridriksson in Islanda. . .

iW: E Fridricksson ha avuto l'idea di fare un certo numero di film mostruosi, quindi l'idea iniziale non era completamente tua. . .

Hartley: Sì, ma è come la maggior parte dei miei film. Molti di loro derivano da qualcuno che dice: 'Puoi fare un film blah blah blah?' E quindi applico i miei interessi a quella situazione. Quindi stavamo girando questo film mostruoso da 1 milione di dollari e abbiamo deciso di desiderare effetti speciali tanto seri quanto potevamo permetterci, così ho chiamato Francis e gli ho chiesto consiglio. E ci ha messo in contatto con suo figlio Romano che ci ha fatto conoscere Mark Rappaport [Creature Effects], che ha veramente capito il film. E con il passare delle settimane, Francis ha detto: 'Che cosa stai facendo con questo film? Devo realizzare questi 10 film per MGM e questo è esattamente quello che mi piacerebbe fare. '

iW: Gli effetti speciali del trucco del mostro hanno aumentato significativamente il budget?

Hartley: Sì. Penso che se fossimo rimasti fedeli alla realizzazione di un film da $ 1 milione, si sarebbe manifestato in modo diverso. È stata dura. Eravamo davvero contro il muro. Mark era disposto a farlo per $ 1 milione. Ma alla fine quando Francis è stato coinvolto, è arrivato a un film da $ 5 milioni e questo ha allentato le cose per Mark.

iW: Quindi, riguardo a questo mostro, sembra che ti dia l'opportunità di andare su tutto ciò che è sbagliato nella società. È il tuo portavoce perfetto per le critiche sociali.

Hartley: Sì, è così che lo vedo. Quando lo stavo scrivendo, ho pensato che fosse divertente e divertente. E ovviamente è una riflessione sul nostro modo di vivere che non è mortalmente grave. È satira. Ma dirigendolo, è sembrato davvero arrabbiato. E poi modificarlo, è stato terribilmente triste. Quindi hai questo divertente, arrabbiato, triste. È divertente come il film abbia rivelato cose diverse.

iW: C'è un livello di significato del film che è stato rivelato anche dopo l'11 settembre.

Hartley: Abbiamo una battuta qui: anche 'Tocco spinale'Assume un significato più profondo dopo l'11 settembre.

iW: Ma hai inizio con notizie su terroristi che bloccano i ponti di New York e i gas nervini nelle metropolitane?

Hartley: In modo disinvolto, volevo ricordarci a tutti che viviamo in un mondo intrinsecamente pericoloso. Lo rendiamo pericoloso e lo diamo per scontato. Tutto si intensifica. La nostra tolleranza per il terrore è sempre crescente. Una delle idee chiave nelle prime fasi della stesura della sceneggiatura era quella di sedersi in questo bar e guardare la televisione della morte - come questa settimana, i video atroci del mondo - e solo essere scioccati. Ero molto consapevole dell'effetto viscerale che ha avuto su tutti noi. Non riuscivamo nemmeno a sentirlo, ma dovevamo andare altrove.

iW: Molti dei tuoi film hanno questo impulso distruttivo viscerale. La granata, ad esempio, in 'Trust'. Pensi di tornare a quello per aumentare la posta in gioco emotiva?

Hartley: Si tratta di canoni sciolti. Il mostro è come molti dei miei protagonisti maschi. Non penso che sia un metodo per ottenere qualcosa. In un certo senso, fa parte dell'argomento, la vicinanza del pericolo a quelle situazioni di vita. Qual è un metodo, immagino, è giustapporre quegli elementi, una storia d'amore e una guerra.

iW: Naturalmente hai anche il genere horror con cui giocare. Probabilmente aiuta a strutturare la sceneggiatura dove pensi, beh, è ​​un film dell'orrore, quindi devo avere qualunque scena.



“Quando lo stavo scrivendo, ho pensato che fosse divertente e divertente. E ovviamente è una riflessione sul nostro modo di vivere che non è mortalmente grave. È satira. Ma dirigendolo, è stato davvero arrabbiato. '


Hartley: Sì, è iniziato in questo modo. Ho guardato tutti i diversi tipi di film horror. Nel 'Godzilla' e 'Mothra'Film, c'è sempre una giovane giornalista donna. Quello è stato il piacere di abbandonarti a questi archetipi e di cercare di farli funzionare.

iW: Uno dei punti principali del film è anche una critica ai media. Ne hai una parte in 'Henry Fool': come i media distorcono, come non puoi davvero fidarti dei media.

Hartley: Questo è davvero il problema: la fiducia incontrollata della gente nei confronti dei media. In questo caso, è più focalizzato sui media.

iW: Penso che sia interessante che tu abbia queste due attrici, Sarah Polley e Julie Christie, due donne che i media volevano trasformare in qualcosa che non erano.

Hartley: Sì, non ne parlano troppo. Siamo cresciuti tutti ammirando Julie. Quando stavo crescendo, sembrava proprio che volesse una vita privata. Ad un certo livello, questo è tutto. Nel film, c'è sicuramente il sospetto dei motivi dei media. Non è che le persone siano cattive; è solo che non pensano. Non tutto deve essere una notizia in prima pagina.

iW: Ti senti come se non potessi fare un film adesso senza queste grandi critiche sociali che entrano in gioco, perché non credo che i tuoi film precedenti ne abbiano avuto altrettanto. Cosa è cambiato?

Hartley: Penso che sto solo imparando di più sul mondo. Pensi alle cose in modo diverso quando hai 28 versi 42. Tuttavia, potrebbe essere più una palla di neve, se guardi 'Fiducia' e 'La verità incredibile', c'è una coscienza della società e uno scetticismo su quella società. Penso che il modo in cui è organizzata la satira sociale sia più gentile. Quando sono arrivato a 'No Such Thing', ci sono questi grandi, netti e ampi tratti di commento sociale reazionario. Questo film aveva bisogno di ampiezza.

iW: Per la sua qualità da favola?

Hartley: Perché sento che una storia può diventare davvero minacciosa se hai molte idee e le tratti tutte in modo molto sottile. Alcuni di loro devono solo essere ampi e leggeri.

iW: Quindi cosa hai fatto da 'No Such Thing'?

Hartley: Prepararsi a girare il mio prossimo film, che spero di girare in autunno. Sto insegnando a Università di Harvard un paio di giorni alla settimana, che affina molte cose che ho dimenticato come caricare una fotocamera da 16 mm e usare un esposimetro, ma anche articolare, dicendo ad alta voce perché nella fase della sceneggiatura qualcosa ti metterà nei guai quando sparare più tardi. È anche bello stare con persone di 20 anni più giovani. Ho anche avuto la premiere americana del mio spettacolo 'Presto' al Orange Country Philharmonic. Speriamo che possa essere fatto qui a New York il prossimo febbraio. Sto anche lavorando a un pezzo teatrale con un compositore, Louis Andriessen, che ho fatto il 'The New Math (s)'Con per il BBC. 'No Such Thing' era circondato da questi grandi piccoli progetti, come 'The New Math (s)' e 'chimono, 'Che ho fatto per la televisione tedesca.

iW: La musica è molto importante per il tuo lavoro. Hai composto per un certo numero di tuoi film recenti, tra cui 'No Such Thing'? In quale fase del processo inizi a sentire la musica?

Hartley: Sempre di più, prima di sparare. Molta musica per 'No Such Thing' è stata realizzata l'anno prima delle riprese. A causa della natura del mio lavoro, ho sviluppato un'abilità per fare affari per un'ora e poi fare un po 'di musica e poi fare qualcos'altro. Quindi, quando ho bloccato l'immagine, avevo ore di musica da ascoltare. L'ho dato agli attori da ascoltare durante la realizzazione del film. Non so quanto aiuti gli attori, ma per me tendo sempre a canticchiarmi.

iW: E qual è esattamente il tuo prossimo film?

Hartley: In un certo senso, è stato scritto contemporaneamente a 'No Such Thing'. È un film di fantascienza, molto nella tradizione di 'Fahrenheit 451' e 'Alphaville. 'Questo è il mio interesse principale: realizzare film che focalizzino nuovamente la nostra attenzione, il nostro tempo, il nostro luogo e la nostra esperienza condivisa, ma attraverso parabole e generi che ti danno la licenza per la costruzione poetica. Puoi dire di più; non devi preoccuparti di essere naturalista. E puoi dire molto più velocemente. Il prossimo film ha a che fare con la paura della mercificazione di noi stessi, volentieri. È anche molto sexy.

iW: Questo è uscito inizialmente con il progetto Uncensored con Good Machine?

Hartley: Sì, ma non sta ancora accadendo con loro. [Buona macchina] Ted [Speranza] e non sono mai arrivato al punto in cui potremmo entrare in questo, quindi mi piace la sceneggiatura e possiedo la sceneggiatura. Voglio solo assicurarmi che sia giusto. In questi giorni sono un dolore nel culo per i finanzieri. Sto molto attento. Dicono: 'Hai il controllo creativo, ma noi abbiamo il controllo sulle modalità di finanziamento e distribuzione'. Ma sai cosa, questa è una falsa distinzione. Tutto ciò che fai per raccogliere denaro influenzerà il tipo di film che realizzerai. E devi essere sensibile a quello.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers