INTERVISTA: orgoglio e pregiudizio; La storia d'amore di 'Southern Comfort' di Kate Davis

INTERVISTA: orgoglio e pregiudizio; La storia d'amore di 'Southern Comfort' di Kate Davis



di Erin Torneo / indieWIRE


stagione 4 grazia e frankie

Robert Eads (a sinistra) e Lola Cola
(a destra), argomenti di 'Southern Comfort' di Kate Davis.


(indieWIRE / 02.23.01) - Robert Eads erano molte cose per molte persone: un cowboy, un nonno, un bravo ragazzo del sud che voleva morire nella terra di sua proprietà e che sarebbe passato ai suoi figli. Era anche un transessuale morto troppo giovane di cancro alle ovaie, un uomo nato femmina, una madre e una figlia, vittima di discriminazione - e soggetto di Kate Davis'Commovente documentario'Comfort del sud', Che ha vinto il Gran Premio della giuria a Sundance poche settimane fa e recentemente ha suonato Berlino. Il film segue le ultime quattro stagioni della straordinaria vita di Ead, di cui si innamora Lola Cola, un vivace transessuale da maschio a femmina, e nel processo, esplora le questioni di famiglia, identità e la complicata relazione tra biologia e scelta che funge da nodo del dibattito transgender.

Alla festa per 'Hedwig e Angry Inch”Al Sundance 2001, regista e star di“ Inch ” John Cameron Mitchell, in trascinamento, ha dedicato il numero finale della band a Lola Cola. Il momento ha riaffermato la sensazione che questa comunità un tempo invisibile fosse finalmente emersa, in forme drammatiche e documentarie sbalorditive.

La cineasta Kate Davis, dal linguaggio discreto e modesto di persona, affronta il lato documentario con profonda sensibilità e peso emotivo. Nonostante la complessità delle lotte dei personaggi - dalla discriminazione nella comunità medica al rifiuto nelle loro famiglie alle paure di intolleranza violenta, Davis indietreggia e lascia che la storia si racconta. indieWIRE ha parlato con Davis sia prima che dopo il Sundance della sua relazione con Eade, della struttura drammatica, dell'intimità e delle lotte politiche della comunità transgender.

Il film, acquistato da HBO trasmesso alla fine di quest'anno, aperto a una proiezione esaurita al Forum del cinema a New York il 21 febbraio.

Indiewire: Come hai conosciuto Robert per la prima volta e imparato questa incredibile storia '>



'Sapeva che sarebbe morto anche dopo l'uscita del film - e questo gli ha fornito una certa sicurezza, quindi ha preso l'impegno'.


Kate Davis: Ho avuto la fortuna di poter fare un pezzo più direttamente politico per Reti televisive A & E sulla comunità transgender e la loro lotta per i diritti civili. Durante quel periodo sono andato a molte conferenze tenute in tutto il paese ogni anno. Uno di questi era una conferenza da F a M - conferenza da donna a maschio - nel Maryland, dove ho incontrato molti ragazzi. Ho trascorso alcuni giorni e ho sentito molte storie. Ma quando ho incontrato Robert, mi ha davvero afferrato - voglio dire, su molti livelli diversi. Stava morendo in quel momento, essendo già stato diagnosticato un cancro alle ovaie. E oltre due dozzine di medici lo hanno rifiutato per le cure, perché è transgender. Quindi ecco questo cowboy, che fumava la pipa di tabacco, che mi raccontava non solo dell'ingiustizia straziante che aveva dovuto affrontare, come essere un uomo del sud, e di dover entrare in un Ginecologo ufficio. Ma si è anche aperto su molti altri livelli, come raccontarmi di essere un genitore - di essere un uomo e di essere incinta - come si sentiva e come si sentivano i suoi figli. Ed emanava un tale calore e carisma.

iW: Quando hai deciso di girare un film su di lui?

Davis: Di ritorno sull'aereo stavo pensando: devo fare un film. E quando l'ho chiamato, ha detto: 'Sì, pensavo che avresti chiamato.' Aveva una sorta di sesto senso nel parlare tra di noi. Poi non ho avuto sue notizie da mesi durante l'estate. Penso che stesse di nuovo attraversando un periodo di malattia: la sua salute era come una montagna russa. Un giorno sarebbe corso in giro e, sapete, avrebbe pulito la sua pistola, o avrebbe preso la Jacuzzi e si sarebbe semplicemente aggirato nel bosco, e il giorno dopo sarebbe stato completamente disteso sulla schiena, dolorante. Ho pensato quindi, ad un certo punto durante quell'estate, dopo le riprese del test di Pasqua, che forse il film non sarebbe successo.

iW: A parte la fragilità della sua salute, Robert espresse qualche esitazione nel farsi filmare lotte private?

Davis: È sempre stato una persona molto riservata. E così è stato un po '- non direi esitante, ma stava facendo un vero salto di fiducia quando ha girato questo film. Voglio dire, era la prima volta che sarebbe stato completamente 'fuori' in pubblico. Sapeva che sarebbe morto anche dopo l'uscita del film - e questo gli ha fornito una certa sicurezza, quindi ha preso l'impegno. Ma penso che non sia stata una cosa del tutto facile da fare. E questo vale anche per tutti gli altri nel film. Ci vuole davvero molto coraggio per esporre la tua vita in qualsiasi documentario, ma in particolare se la tua mera esistenza è una questione che minaccia la vita e la morte, dato il tipo di odio radicato che esiste ancora per le persone transgender. Penso che sentisse che la sua vita sarebbe stata spazzata via sotto il tappeto, e qualcun altro si sarebbe ammalato e sarebbe morto, o non avrebbe ricevuto cure. E non voleva solo che riguardasse il pregiudizio, o la sua stessa morte. Voleva che riguardasse il suo spirito di vita.

iW: Come sono stati coinvolti gli altri personaggi? Sembrava che molti di loro non fossero del tutto 'fuori', quindi era sorprendente che accettassero di essere girati.

Davis: Quando ho incontrato il cast di personaggi, ho capito: questo è davvero più di Robert. Volevo includere un'intera comunità. Perché parte della loro vita è che spesso perdono le loro famiglie biologiche e creano il loro senso di famiglia. E Robert parla eloquentemente della sua famiglia scelta. Così Cass e Max poi sono diventati gli altri personaggi principali e si stava solo innamorando di Lola. Fortunatamente, l'ho intervistata in quel primo incontro. A quel punto, rimase esterrefatta e pensò che si sarebbe ripreso dal suo cancro. Max, il migliore amico di Robert, mi ha incoraggiato a continuare a perseguire Robert per girare il film.

iW: Sei venuto al progetto con in mente una struttura narrativa?

Davis: Un altro aspetto della sua vita si è svolto davanti alla telecamera, ogni volta che sono andato in Georgia - la sua relazione romantica si è sviluppata, si è preparato per andare in ospizio, e così via. E poi ho avuto una struttura per il film, in sostanza. Ma, in origine, in realtà non l'ho fatto. Ho filmato solo sei volte nel corso di un anno. Nella sala di montaggio, però, ho affrontato il tutto come solo una storia d'amore, con le questioni di genere tutto un sottotesto.

iW: Anche se molti dei personaggi esprimono la loro paura di essere 'fuori', sono sorprendentemente schietti, con la macchina fotografica, con domande sul loro corpo e sulle loro operazioni. Perché pensi che sia?

Davis: Ci sono un milione di altri fattori, ma attribuisco la loro franchezza a due cose. Uno è che il mio approccio alle persone quando faccio film tende ad essere basato sulla fiducia. Ho realizzato un film intitolato 'Girl Talk, 'Circa tre ragazze in fuga. È estremamente ravvicinato e una specie di nel loro mondo. È un tono che a volte viene impostato quando lavoro con le persone.

iW: È un processo consapevole?

Davis: È quasi. Sembra solo essere il mio stile. Non con ogni argomento, con ogni mezzo, ma quando sto davvero facendo il mio lavoro. Facendo funzionare la macchina fotografica da solo, con me o la mia compagna, Elizabeth, facendo del suono, abbiamo mantenuto un ambiente molto intimo, in parte consapevole. Ma dovrei anche dire che adoriamo davvero queste persone. Eravamo molto, molto vicini, molto rapidamente, con tutti loro. Il secondo fattore è che molte persone transgender che ho incontrato - per arrivare dove sono oggi, per essere ancora vivi, nonostante tutte le difficoltà - richiedono un certo livello di consapevolezza di sé. E molti di loro hanno sofferto e sono usciti dall'altra parte, attraverso l'introspezione. Quindi sono spesso molto più aperti e immediatamente intimi di molte persone. È come se non ci fosse spazio nella vita per stronzate banali, perché le loro vite sono così vissute sulla linea. È solo quello che sono.

iW: L'argomento per DV è in gran parte economico, ma mi chiedo nel tuo caso se DV sia stata anche una scelta deliberata. Le piccole videocamere DV sono meno invadenti, ovviamente e più intime.

Davis: Sì, la videocamera DV si è rivelata molto importante sotto molti aspetti. Era portatile, leggero e facile da fotografare per ore alla volta, a differenza delle fotocamere da 16 mm. E poiché era piccolo, era meno intimidatorio e quindi contribuiva al senso di intimità. Tante persone commentano che la telecamera in 'Southern Comfort' sembra essere 'trasparente'. Inoltre, i carichi orari significano che le scene potrebbero essere riprodotte in modo più naturale e completo.

iW: L'intimità nel film suggerisce la tua complicità: che tu, come regista, sei solo un'altra delle persone che hanno adorato Robert. Come hai conservato abbastanza distacco, per fare un lavoro come regista quando quel lavoro ha comportato la documentazione di qualcuno a cui tieni a morire?

Davis: Ognuno ha le sue parti difficili quando fanno film indipendenti. Spesso è la raccolta di fondi, o è un incubo tecnico che accade. Nel mio caso, stava perdendo Robert, perché mi ero affezionato a lui. Quindi sì, dovevo avere una sorta di coscienza divisa, dove a volte stavo solo andando dopo lo sparo. Ad esempio, quando è seduto lì dal barbiere, guardi quella faccia, ed è come un ritratto della morte stessa. E poi, altre volte, ho appena posato la macchina fotografica e gli ho dato un massaggio alla schiena, o gli ho dato delle medicine, e ho pianto con lui. Ci sono stati momenti drammatici che non ho potuto, eticamente, prendere la fotocamera per catturare. Sarebbe troppo freddo. Non è stato facile.

iW: In che modo Robert ha affrontato l'argomento del film quando la sua salute non andava a buon fine? Ha complicato la relazione che voi due avete sviluppato?

Davis: Eravamo nella stessa squadra. Robert sapeva che il film doveva essere realizzato. Sentiva che era davvero importante che la sua storia uscisse e che le persone imparassero che accadessero questi tipi di atrocità sociali e sistemiche. Le persone transgender possono ancora essere confuse come una dichiarazione morale da parte delle persone bigotte. Robert viveva nella terra del KKK e aveva sempre sognato di croci che ardevano sul suo prato. Quindi lui e io avevamo una comprensione reciproca. Non è solo che sono entrato come estraneo, per catturare immagini e scappare con loro. Ma stava lavorando con me per fare una dichiarazione più ampia, attraverso la sua storia personale.



“L'infinita ricchezza della realtà mi ha sempre sfidato e affascinato. Trovo che molta roba immaginaria cada, i limiti del documentario sono ben compensati dal complesso paesaggio di esseri viventi reali davanti alla telecamera. ”

film di incontro breve

iW: Sei riuscito a ottenere finanziamenti anticipati per il film?

Davis: Non avevo molti finanziamenti. È stata una storia difficile per le persone a pensare. La gente ha avuto un'esperienza così piccola anche immaginando cosa sia un uomo transgender. Fino ad ora è stato come una comunità invisibile e il recente successo di 'I ragazzi non piangono. 'Ma non si trattava in realtà della comunità in generale, ma piuttosto di un incidente molto isolato, Brandon Teena. Voglio dire, dici a qualcuno che c'è questo cowboy, ed è transgender. Si innamora di un maschio-femmina. E poi è proprio come: 'Eh? Cosa? 'Capovolge la realtà, così come la conosciamo.

iW: Perché ci sono così tanti film che trattano di identità sessuale in questo momento?

Davis: È molto difficile da dire. La sessualità è ovunque. Sono usciti importanti romanzi e libri di saggistica che hanno allungato la dotazione di ciò che può essere discusso pubblicamente. Abbiamo superato molti tabù. Dopo l'eterosessualità, il prossimo confine da attraversare sembrava essere l'omosessualità, e ora i gay sono molto più diffusi nei media. Ma un regno ancora non sfruttato, dopo, sono le persone che trascendono davvero le norme di ciò che consideriamo 'maschio' e 'femmina'. Questo è un nuovo territorio. E anche allora la maggior parte delle storie si sono concentrate sulle donne - donne transgender. Per alcuni dei motivi che ho citato. Penso che gli uomini siano davvero nascosti. Penso che molte persone non sappiano nemmeno che esistono.

iW: In che modo Lola e il cast hanno ricevuto il film?

Davis: È una cosa divertente che non mi sarei mai aspettato. Speravo, naturalmente, che tutti dicessero 'Yay!' E si radunassero attorno, perché si tratta di tutte le questioni che sono vicine e care al loro cuore, e adoravano tutti Robert. Lo hanno visto tutti e, sebbene il film gli sia piaciuto, hanno avuto problemi difficili con il loro aspetto - che si trattasse di capelli, peso, accento o altro.

iW: Aspetto perché è così centrale per le loro identità scelte, forse? C'è quasi la sensazione che il tuo stesso corpo ti tradisca.

Davis: Ovviamente. Quando sei una persona transgender, devi passare il doppio, se non il triplo, il tempo che la maggior parte di noi fa, essendo consapevole di come ti presenti: come appari, come parli, come cammini, come tieni sigaretta. Quindi vedersi saltare in aria su uno schermo è un'esperienza piuttosto intensa. Il modo in cui la maggior parte di noi, o, diciamo, le persone non transgender esprimono la nostra identità di genere, è un processo costante e senza pensieri.

iW: Ti sei mai sentito limitato dalla verità, dalla responsabilità di documentarista che cerca di esprimere la realtà?

Davis: Devo confessare che l'infinita ricchezza della realtà mi ha sempre sfidato e affascinato. Trovo che molte cose immaginarie cadano piatte o siano troppo unidimensionali. Quindi non posso dire che quando realizzo film documentari mi sento frustrato dalle limitazioni. No. Penso che i limiti del processo cinematografico nel documentario - che sono reali, e spesso sono un dolore al collo - sono ben compensati da una sorta di paesaggio complesso di esseri viventi reali davanti alla telecamera.

iW: Il privilegio di vedere le cose, incontrare comunità emarginate che cosa ti attrae a lavorare?

Davis: È una combinazione di cose. Penso che ci siano fondamenti politici sul perché faccio quello che faccio e perché scelgo questi argomenti. D'altra parte, non potrei mai essere un politico - non sono io, lo sai. Adoro lavorare con il cinema. Ad un livello puramente artistico, adoro la narrativa, la musica, il suono, il ritmo del montaggio - tutte queste cose che non sono direttamente correlate al messaggio del film, ma al cinema stesso. Quindi penso davvero che sia un mix. Non riesco a fare film senza rilevanza sociale. D'altra parte, probabilmente non sono ugualmente in grado di fare propaganda.

iW: Quando abbiamo parlato per la prima volta, eri appena stato accettato al Sundance. Ora hai vinto il Gran Premio della giuria. Com'è?

Davis: Vincere il Sundance era più di quanto si potesse contare nella vita. Ero elettrizzato, ma soprattutto per Robert. Mi sembrava davvero che i suoi sogni fossero stati realizzati. Che essendo disposto ad aprirsi al cinema, la sua storia potrebbe raggiungere molti ben al di fuori della comunità transgender e forse cambiare cuore e mente. In piedi sul podio, mi mancava, ma avevo la sensazione che se fosse lassù a guardare, sorrideva con un sorriso da cowboy tra i bocconcini della pipa.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers