Kevin Willmott, 'L'unico buon indiano': western, rappresentanza e revisionismo

NOTA DELL'EDITORE: Fa parte di una serie di interviste, condotte via e-mail, creazione di profili di concorsi drammatici e documentari e registi di American Spectrum che proiettano film al Sundance Film Festival 2009.

Dal catalogo Sundance: “All'inizio, il giovane Nachwihiata vive un'esistenza pacifica con la sua famiglia agricola fino a quando una banda di predoni bianchi attacca la loro fattoria. Lo rimuovono con la forza e lo portano in un collegio cristiano bianco, dove i bambini nativi sono assimilati nella cultura dominante. Rinominato Charlie, si sfrega sotto la menzogna della sua nuova identità e, in breve tempo, scappa. Presto viene catturato dal cacciatore di taglie Sam Franklin, un indiano assimilato che ora aspira solo a radunare altri indiani per ottenere premi in denaro. La trama si infittisce quando Sam e Charlie sono inseguiti da uno sceriffo crudele e brizzolato, che vuole anche la generosità sul ragazzo scomparso. Come un vero guerriero, Charlie affronta ripetute prove del suo coraggio e consapevolezza di sé, scoprendo le dolorose contorsioni dell'identità e della disperazione a cui sono consegnate molte delle sue razze e i conflitti che persistono anche dopo le presunte guerre indiane ”.

christina hendricks modellistica

L'unico buon indiano
Spettro
Direttore: Kevin Willmott
Sceneggiatore: Tom Carmody
Produttori esecutivi: Hanay Geioqamah, J.T. O’Neal, Dan Wildcat
Produttori: Thomas Carmody, Rick Cowan, Matt Cullen, Greg Hurd, Scott Richardson, Kevin Willmott
Cinematografi: Matthew Jacobson, Jeremy Osbern
Redattori: Thad Nurski e Mark Von Schlemmer
Cast: Wes Studi, Winter Fox Frank, J. Kenneth Campbell
Stati Uniti, 2008, 113 minuti, colore



Ti preghiamo di presentarti …

Mi chiamo Kevin Willmott. Sono cresciuto a Junction City, nel Kansas. Sono professore associato di studi cinematografici presso l'Università del Kansas. Mi sono laureato al Marymount College del Kansas e mi sono laureato alla Tisch School of the Arts della New York University in sceneggiatura drammatica.

Dopo aver scritto sceneggiature per Oliver Stone, NBC e altri, ho iniziato a girare i miei film: 'Ninth Street', con Martin Sheen e Isaac Hayes; “CSA: Confederate States of America”, presentato in anteprima al Sundance nel 2004; 'Bunker Hill', con James McDaniel, Saeed Jaffrey e Laura Kirk, che è stato recentemente completato; e ora 'L'unico buon indiano'.

Mia moglie Becky e io abbiamo cinque figli e viviamo a Lawrence, nel Kansas.

Quali sono state le circostanze che ti hanno portato a diventare un regista?

Ho voluto fare il regista da quando ero un bambino. Sono andato a teatro letteralmente ogni fine settimana e sono stato molto influenzato dai film Blaxploitation degli anni '70. Sono stato particolarmente influenzato da Gordon Parks, cresciuto anche in Kansas.

Come hai imparato il 'mestiere' del cinema?

Sono andato alla Tisch School of the Arts della New York University, ma penso che sia stato il mio periodo come drammaturgo, recitazione e scrittura al college, e successivamente scrivere sceneggiature che mi hanno dato la fiducia necessaria per diventare un regista. Il mio obiettivo era sempre quello di fare il regista, ma non avevo soldi, quindi ho scritto opere teatrali e credo di aver imparato molto da quello. Quando scrivevo commedie, intendevo sempre produrre la commedia, quindi ho cercato di portare con me quel concetto nel cinema. Che una volta terminata la sceneggiatura, eri obbligato a trovare un modo per farla produrre. Non è mai stato destinato a rimanere solo in sviluppo.

Come o cosa ha spinto l'idea per il tuo film e come si è evoluto?

Ho lavorato con Tom Carmody in Bunker Hill, un film con James McDaniel e Saeed Jaffrey che abbiamo appena completato. Tom è venuto da me con l'idea e la sceneggiatura di 'L'unico buon indiano', e mi sono subito interessato. Dan Wildcat, professore alla Haskell Indian Nations University, mi aveva raccontato la storia della Indian Boarding School, quando abbiamo lavorato insieme al mio film precedente, 'CSA: Confederate States of America'.

Questa storia di un giovane studente che rischia tutto per tornare alla sua famiglia è davvero risuonata con me, e penso che fornisca un quadro forte per raccontare la vera storia della storia indiana americana in un modo che non è stato ancora offerto nel classico genere occidentale .

Per favore, approfondisci un po 'il tuo approccio alla realizzazione del film ...

Stavamo cercando di recuperare alcune immagini dagli occidentali che non sono state gentili con i nativi americani. Uno era 'The Searchers'. 'L'unico buon indiano' potrebbe essere visto come anti-Searchers. Invece degli indiani che rapiscono un bambino bianco, qui sono gli americani bianchi che rapiscono un bambino indiano e la storia ruota attorno alla sua ricerca per tornare a casa.

Inoltre, nel film ho usato molti punti di vista. Proprio come abbiamo fatto con CSA, stiamo cercando di raccontare la storia che sentiamo. L'uso del punto di vista, nel tentativo di raccontare la storia dagli occhi del ragazzo dei nativi americani, ci aiuta a sentire il conflitto e la lotta in cui è impegnato.

Il regista di 'The Only Good Indian' Kevin Willmott. Immagine per gentile concessione del Sundance Film Festival

Quali sono state alcune delle maggiori sfide che hai dovuto affrontare nello sviluppo del progetto '>

Wes Studi è sempre stata la nostra prima scelta per Sam Franklin. Volevamo che fosse un eroe contemporaneo, unendo il passato al presente. Oltre ad essere un grande attore, Wes è semplicemente fantastico. È giunto il momento per noi di avere un leader dei nativi americani, un eroe figo. Wes è quello.

Quindi, portare questo cast nel film è stato di grande aiuto per risolvere alcuni dei nostri problemi più difficili.

Quali sono alcuni dei tuoi film preferiti?

Le mie influenze cinematografiche includono dannatamente vicino a qualsiasi cosa di Woody Allen. Ho il piacere colpevole di alcuni dei vecchi western di John Ford e di qualsiasi cosa di Sergio Leoni, in particolare 'Il buono, il brutto e il cattivo'. Guarderò 'Chinatown' ogni volta che accadrà. Michael Roemer 'Nothing But A Man', Gordon Parks ’; 'The Learning Tree' e 'Shaft', Kubrick 'Dr.' Stranamore e alcuni dei film di Spike Lee sono altri favoriti. I film di Blaxploitation mi hanno fatto credere di essere un regista, perché ne ho visto uno ogni fine settimana della mia infanzia.

Come definisci il successo come regista e quali sono i tuoi obiettivi personali come regista?

Definisco il successo come essere in grado di raccontare le storie che conosco non saranno raccontate in nessun altro modo. Quelle persone che possono essere persone di colore, o essere povere o avere altre cose che le tengono all'esterno: più capisci le loro storie, più comprendi l'America. Mi piace la sfida di trasformare le loro storie in film.

migliori colpi di scena del film

Molte volte, la gente crede che queste difficili storie americane siano impossibili da raccontare in un modo che il pubblico abbraccerà. Sento che è la carica che abbiamo assunto in molti modi. Continuiamo a piegare i generi e recuperare le immagini in un modo che speriamo possa rendere divertenti queste storie complicate.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Abbiamo sviluppato un film su Wilt Chamberlain intitolato 'Wilt of Kansas' sui suoi anni alla KU. La storia parla di come Wilt sia stato, in molti modi, il primo atleta americano moderno e di come abbia affrontato e affrontato la segregazione nel Kansas degli anni '50.

Continuiamo a lavorare su molti altri progetti complessi e difficili che crediamo siano anche divertenti e che abbiano il potenziale per essere redditizi.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers