Una storia d'amore naturale: Matthew Barney parla di 'Drawing Restraint 9'

Acclamato dal New York Times come 'il più importante artista americano della sua generazione' Matthew Barney ha creato una serie di film artistici recenti che offrono alcune delle immagini più sorprendenti viste oggi al cinema, spesso con se stesso in un ruolo da protagonista. Il recente 'Ciclo di Cremaster'Film, e ora'Vincolo del disegno 9, 'Sono film che esistono come parte di grandi opere artistiche che comprendono scultura, performance e video. Nel suo nuovo film, una collaborazione con Bjork, Barney e il suo partner fuori dallo schermo interpretano i ruoli di due ospiti che visitano l'enorme nave baleniera giapponese Nisshin Maru. A bordo della nave, mentre un equipaggio sul ponte lavora per creare una scultura fatta di vaselina, i visitatori partecipano a una serie di elaborati rituali in basso, culminando in un'intensa cerimonia nuziale. Le sequenze - guidate da una narrazione chiara (ma minima) (con quasi nessun dialogo) - sono impostate su una potente colonna sonora originale composta dal famoso artista musicale islandese.



Il film astratto e visivamente magnifico (una parte della serie 'Drawing Restraint' di Barney che affonda le sue radici al 21st Century Museum of Contemporary Art di Kanazawa, in Giappone) ha viaggiato per un numero limitato di festival cinematografici e farà parte del più ampio ' Drawing Restraint ”mostre in Corea, Europa e San Francisco.

A causa dei dettagli su come i film dell'artista Matthew Barney sono finanziati (da singoli investitori che possiedono copie dell'opera), il suo sorprendente nuovo film 'Vincolo del disegno 9'Sarà sempre e solo visto da un pubblico teatrale limitato e probabilmente non verrà mai pubblicato su DVD.



Inaugurato all'IFC Center di New York mercoledì 29 marzo, verrà proiettato in meno di 20 città questa primavera. Barney apparirà alle due proiezioni serali del film mercoledì a Manhattan, anche se un certo numero di spettacoli nella prima notte all'IFC Center sono già esauriti, secondo l'IFC.



indieWIRE si è seduto per una lunga discussione sul film al Toronto International Film Festival di settembre, dove 'Drawing Restraint 9' ha avuto la sua prima in Nord America. Di seguito sono riportati estratti estesi dell'intervista.

Indiewire: Sono un po 'titubante nel cercare di avere una discussione completa sul film perché sento di aver bisogno di vederlo un paio di volte in più, ma ... continuo a tornare a questa idea di rituale: che si tratti di avvolgere regali, rasatura di capelli, o la creazione di questa scultura in cima alla nave baleniera. Dopo aver visto il film ho continuato a pensare a tutti i rituali che sono rilevanti nella cultura giapponese e mi chiedo se possiamo iniziare discutendo se questo è stato un fattore nel modo in cui hai raccontato questa storia?

Matthew Barney: Sono stato invitato da un museo in Giappone a fare una mostra lì, e probabilmente è stato cinque anni fa. E mi è sembrato un posto in cui avrei potuto trovare cose a cui potrei relazionarmi abbastanza fortemente. D'altra parte, ho anche sentito che c'era una certa impossibilità di andare in un posto così diverso dalla tua stessa cultura ... Quindi ho iniziato a pensare al rapporto tra ospiti e ospiti. Io stesso sono stato ospite di questo corpo ospitante e ho pensato a come nella cultura giapponese esistano queste relazioni molto formalizzate tra ospiti e ospiti. C'è un'intera coreografia attorno a quella relazione e in qualche modo identificandomi come ospite, potrei iniziare a capire come potrei farlo, e come potrei andare lì e sentirmi onesto su ciò che stavo cercando di fare ... Probabilmente è quello che ha portato a questo tipo di attenzione sull'immagine della balena, o sulla tradizione baleniera, che è molto forte. Ha anche a che fare con questa immagine romantica di essere dentro una balena, che conosciamo da 'Moby Dick' e 'Pinocchio' e tutte queste altre narrazioni, che potrebbero organizzarsi all'interno di relazioni ospite / ospite ed era già in atto nel mio modo di Lavorando. Tutte queste cose insieme hanno iniziato a dare almeno una struttura o base per il pezzo.

Immagine gentilmente concessa da Matthew Barney. Copyright della fotografia di produzione 2005 Matthew Barney. Foto: Chris Winget.

iW: In che modo ciò si collega quindi agli altri otto aspetti della serie 'Drawing Restraint'. Non li conosco e capisco che assumono forme diverse: non sono cinematografici, si basano su restrizioni, disegni e immagino che le prestazioni '>

Ma penso in termini di quella nozione di relazione, penso che sia una relazione a quel livello, a un livello più esatto. Ho pensato che lavorare con Bjork avrebbe reso più facile raccontare una storia d'amore, cosa che volevo anche fare. Volevo che il pezzo funzionasse come una storia d'amore, ma credo che il nostro interesse a lavorare insieme su questo fosse probabilmente più legato al fatto che il suo argomento a cui entrambi possiamo davvero relazionarci - questa relazione con la natura.

polemiche su buoni presagi

iW: Non avevo ascoltato musica prima di vedere il film, ma so che è stato rilasciato prima che il film iniziasse a suonare nei festival. Mi chiedo se potresti spiegare il processo creativo [con] Bjork e come sia un'estensione di Drawing Restraint Nine ... come ha funzionato quella collaborazione. In che modo la sua creazione della musica ha influenzato la tua creazione del film o viceversa? È stato interamente collaborativo o hai lavorato separatamente e poi hai collaborato? Come ha funzionato quella dinamica tra voi due?

MB: Penso che ci siano diverse dinamiche all'interno del pezzo. Ci sono alcune scene in cui la narrazione e la musica sono state sviluppate simultaneamente, e ci sono alcune scene in cui la scena del taglio le è stata assegnata per la partitura e poi ci sono scene in cui lei ha scritto prima un pezzo e il pezzo è stato modificato. Penso che tutti questi siano interessanti.

Penso che quello che mi interessa di più sia quando le due cose sono sviluppate allo stesso tempo, il che certamente sembra naturale per questo modo di lavorare perché non c'è dialogo. In un certo senso dipende dalla musica, soprattutto quando ci sono testi nella musica.

iW: Quindi da dove viene l'idea del brano musicale iniziale - che è essenzialmente la forma di una lettera - o come hai sviluppato l'idea di una lettera che pone le basi per questa storia?

MB: Ho trovato una raccolta di lettere dai giapponesi al generale MacArthur durante l'occupazione e ne ho trovata una che aveva una specie di tono che sembrava appropriato, dato che visivamente stavamo vedendo un regalo incartato. Leggere lettere dai giapponesi al generale MacArthur, solo anni dopo che la bomba è stata lanciata, mi ha completamente confuso ... leggere queste lettere toccanti per lui, non riuscivo davvero a capirlo.

C'era [qualcosa] che ho letto in uno dei libri giapponesi sulla caccia alle balene che aveva a che fare con il [fatto] che una delle cose che MacArthur fece in Giappone era [suggerire] che prendessero le loro navi militari sopravvissute e le trasformassero in balene di fabbrica navi, che complicano ulteriormente questa visione occidentale della caccia alle balene giapponese. La lettera è stata manipolata e ho aggiunto il contenuto della caccia alle balene.

seth meyers matt lauer

iW: Stavo leggendo il testo della lettera nelle note di copertina del CD e stavo cercando di pensare a come la lettera è stata utilizzata come base su cui inizi a raccontare la storia, collegandola alle immagini della confezione del regalo ( nella scena iniziale). È una bellissima sequenza che precede la sequenza formale del credito in cui le immagini degli strumenti si uniscono per formare le parole 'Drawing Restraint Nine'. È una straordinaria anteprima di dove andrà la storia. Come è potuto succedere?

MB: È una relazione tra una specie di condizione preistorica e una condizione contemporanea. Il fossile preistorico è la fonte di petrolio e il modo in cui il petrolio alla fine sostituisce l'olio di balena come fonte primaria di energia, e come potrebbe sia stabilire che - il tipo di linguaggio formalizzato che il lavoro prenderebbe - e anche stabilire due surrogati per questi due personaggi.

Questo stile di avvolgimento viene utilizzato per occasioni gioiose, come Capodanno o un matrimonio. È un tipico impacco di nozze. I costumi che indossano nella cerimonia chiave sono per il matrimonio shintoista. Ovviamente è stato tradotto in pelliccia di mammifero, ma segue il design in un modo abbastanza semplice.

iW: Cambiando un po 'le marce, questo progetto 'Drawing Restraint' è un punto culminante, dove hai deciso di lavorare di nuovo in una forma cinematografica. Ma molte persone che non hanno l'esperienza di vedere tutto insieme - questa è la loro esperienza di 'disegno di contenimento' - le due ore e mezza (periodo di tempo) seduti in un teatro e guardandoli.

Puoi spiegarci un po 'come o quando hai deciso di usare il modo più tradizionale - se posso usare quella parola - cinematografico per trasmettere una storia, che raggiungerà il pubblico in un modo diverso rispetto a se andassero in Giappone e fossero vedere tutto insieme? O se fossero andati al Guggenheim e avessero visto tutto da 'Cremaster' invece di andare al Film Forum e vedere i singoli pezzi in un teatro ...?

MB: Penso che sia iniziato con 'Cremaster 4', quando il Film Forum di New York ha chiesto se potevano interpretarlo. Penso che abbiano visto questa proiezione che abbiamo realizzato nel punto in cui abbiamo installato noi stessi un proiettore e l'abbiamo mostrato in uno spazio: avrei voluto mostrarlo come un pezzo lineare. I pezzi che avevo realizzato in precedenza funzionavano più come loop o stanze multi-schermo. [Con] “Cremaster 4”, volevo che fosse visto dall'inizio alla fine - quando siamo stati invitati a mostrarlo al Film Forum, sembrava un buon ambiente per essere visto.

Ma ciò che è stato interessante - forse non tanto con '4', ma con il pezzo successivo - '1' e poi '5', questo altro pubblico ha iniziato ad entrare e vederli. Mi sono piuttosto emozionato per questo. E penso che abbia iniziato a influenzare il modo in cui i numeri '2' e '3' sono stati fatti ...

iW: Veramente?

MB: Sì, in quanto ho pensato come un testo o come un film da soli possono operare come film - per quanto eccentrici - ma possono funzionare e c'è un pubblico per questo.

Ma possono anche funzionare per me all'interno di questo altro sistema, in questo modo di realizzare sculture narrative, dove prima fai un testo e da quel testo fai oggetti. In un certo senso, questo è davvero tutto ciò che sono per me. Comincio con una storia e poi faccio scultura da quella storia, è solo che le storie diventano sempre più elaborate.

Ma penso che sia stato in parte guidato dal fatto che sono eccitato dal fatto che operano in entrambi i modi e quindi li ho spinti ad essere più cinematografici, perché il pezzo sembrava avere la volontà di farlo e la capacità di farlo quello.

Quindi, è abbastanza organico il modo in cui accade, il che è vero anche per il mio uso del video in primo luogo. Quando ho iniziato a usare il video, era davvero solo una videocamera portatile tenuta da un amico, che mi avrebbe registrato mentre facevo qualcosa nel mio studio. Era solo un documento semplice e lentamente quelle azioni sono diventate un po 'più orientate al personaggio, un po' più narrative, e ho iniziato a modificarle, poi lentamente sono diventate più filmiche ...

Ma lentamente ...



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers