Realtà e finzione si incontrano nel brillante 'American Splendor'



Realtà e finzione si incontrano nel brillante 'American Splendor'



di Peter Brunette



Robert Downey Junior Oscar

Paul Giamatti interpreta Harvey Pekar nella spettacolare voce di Cannes, 'American Splendor'. Per gentile concessione di Fine Line Features

'American Splendor', che ha già fatto un grande salto in Sundance all'inizio di quest'anno, ha vinto il premio della giuria, ha vinto Cannes dalla tempesta. Questo brillante mélange di documentari e film di finzione, in cui le tecniche autoriflessive brechtiane di 70 anni sono state rese rilevanti per un nuovo giorno, è chiaramente uno dei film più affascinanti e stimolanti che compaiono nel raccolto di quest'anno della produzione indipendente americana . Shari Springer Berman e Robert Pulcini, meglio conosciuto in precedenza per il suo avvincente documentario su un'amata istituzione di Hollywood, 'Off the Menu: The Last Days of Chasen’s,' hanno rischiato tutto su questo curioso ibrido e ne sono usciti vincitori.

e-mail sony trapelate

L'argomento sarà già ben noto a coloro che hanno familiarità con i fumetti della vita reale del misantropo, depressamente depresso Harvey Pekar, un amico del maestro fumettista Robert Crumb, il cui esempio per primo ha portato Pekar al successo (di un tipo molto qualificato , che è perfettamente appropriato nel suo caso). Pekar, nella vita reale un dispettoso flunky bloccato in un lavoro di impiegato archivistico insoddisfacente in un ospedale di Virginia, un giorno decide di affidare la sua patetica vita al formato dei fumetti, anche se è incapace, per quanto riguarda il disegno, di poco più di figure stilizzate . Come afferma in modo così eloquente, nell'auto-giustificazione, 'la vita ordinaria è roba piuttosto complessa'. Segue ancora più infelicità e frustrazione, più, grazie a Dio, un briciolo di appagamento e persino il trionfo alla fine.

Berman e Pulcini hanno optato per drammatizzare questa vita attraversata da una stella nella persona del talento supremo Paul Giamatti (che assume così facilmente questi ruoli da perdente, ad esempio in Todd Solondz recente 'Narrativa' - che è in pericolo di diventare un typecast) e Spero Davis, un solido indie regolare, che interpreta sua moglie Joyce. A livello narrativo, il loro bizzarro corteggiamento e la successiva vita insieme rappresentano qualcosa di mai visto prima. La verità, a quanto pare, è davvero molto più strana della finzione. Gli episodi successivi che descrivono dettagliatamente l'incontro di Pekar con il cancro e l'adozione definitiva da parte della coppia di una ragazza che è rimasta nelle loro cure si stanno muovendo, in un modo sommesso ma del tutto (e appropriatamente) convenzionale.

john cena america

Ciò che è estremamente affascinante di questo film, tuttavia, è che Berman e Pulcini non si accontentavano solo di drammatizzare questa vita frustrata, ma decisero anche di includere Harvey Pekar nella vita reale come commentatore delle proprie azioni. Ancora meglio, dal momento che la maggior parte degli amici e dei colleghi di Pekar è finita nei suoi fumetti, sono anche qui, di persona, a commentare gli attori che li interpretano nel film che stiamo guardando. I costanti confronti che facciamo tra le persone reali e gli attori diventano esercizi affascinanti a sé stanti. Particolarmente degno di nota è la gradita propensione dei registi a lasciare che dichiarazioni contraddittorie stiano fianco a fianco, senza dirci a quale dovremmo davvero credere.

La domanda che mi viene in mente è la seguente: perché Berman e Pulcini non potevano semplicemente attenersi a rendere drammaticamente la vita di Pekar nella solita maniera, attraverso gli attori>

Berman e Pulcini, non contenti di lasciare che la realtà e la finzione si trovino sui lati opposti del fiume, mutuamente fissandosi l'un l'altro, li hanno anche mescolati liberamente. Quindi ci sono scene, in quello che è ovviamente uno studio, in cui Giamatti guarda Pekar parlare della performance di Giamatti e altre scene in cui il set bianco vuoto che circonda Giamatti si riempie rapidamente di schizzi di fumetti, confondendo le nostre troppo facili distinzioni tra realtà e finzione.

Questo è un film che dimostra alcune vere abilità cinematografiche. Ancora meglio, e ancora più raramente, anche qualche pensiero profondo.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers