Il ritorno dei film newyorkesi

Quasi un anno dopo aver chiuso i battenti, la New Yorker Films è tornata in attività.

Jose Lopez, vicepresidente di lunga data della New Yorker Films insieme al fondatore Dan Talbot, è il nuovo presidente della nuovo New Yorker Films sulla scia del nome e della biblioteca della società acquisiti dalla società californiana Aladdin Distribution LLC. Talbot non è più coinvolto nel business, ma ha dato la sua benedizione al riorganizzato newyorkese ed è favorevole al ritorno dell'azienda.

festival del cinema di bfi londra

'Sono buone notizie', ha detto Talbot Indiewire oggi, mentre mi preparo per andare al Festival Internazionale del Cinema di Berlino stasera. Rimarrà concentrato sui suoi cinema Lincoln Plaza.



'Ho iniziato come espositore e finirò come espositore', ha dichiarato Dan Talbot oggi. Lui e sua moglie Toby hanno celebrato i loro molti anni come espositori negli ultimi mesi con la recente pubblicazione di Toby Talbot, 'The New Yorker Theatre e Other Scenes from a Life at the Movies', un libro sulle loro vite insieme.

Nel frattempo, Jose Lopez sta assumendo il suo intero staff di nove, ha detto Indiewire questa mattina, mentre lavorava per chiudere un contratto di locazione per un nuovo ufficio. Ha localizzato uno spazio sulla East 23rd St. a Manhattan. La società riaprirà l'8 marzo.

Il * nuovo * New Yorker pubblicherà da sei a otto film teatralmente ogni anno, insieme a una divisione non teatrale e di home video, ha detto oggi Lopez. Non ha ancora fissato una lista, ma si aspetta di pubblicare da quattro a sei film nel primo anno e ha assunto Peter Marai come consulente per le acquisizioni della New Yorker Films.

Costituito alla fine dello scorso anno, il nuovo proprietario della New Yorker Films - Aladdin Distribution - è una divisione di David Raphel, Christopher Harbonville e della società finanziaria cinematografica di Hani Musleh, Aladdin Films. New Yorker ha una biblioteca di circa 400 film, salvati dai debiti in frantumi nei confronti di Technicolor che hanno costretto Talbot e Lopez a chiudere i battenti un anno fa. La notizia, nel mezzo della crescente crisi economica dell'anno scorso, è stata un duro colpo per la comunità cinematografica, data la leggendaria storia del New Yorker, che si è formata nel 1965 e ha portato innumerevoli classici del cinema in questo paese.

'La cosa più importante è riportare di nuovo il newyorkese', ha detto Jose Lopez Indiewire oggi 'continuerò a fare il lavoro che io e Dan abbiamo fatto per quarant'anni'.

ari aster cortometraggi

Lopez ha dichiarato di essere felice di avere il supporto del suo collega di lunga data Dan Talbot e ha ribadito il suo piano per rafforzare la biblioteca di specialità, lingue straniere e film classici della compagnia. Ha aggiunto che ha trascorso un anno a lavorare con Technicolor per trovare l'acquirente giusto per l'azienda.

'Non potevo permettere al New Yorker di sparire in quel modo', ha detto Lopez oggi, 'è un'azienda che ha significato tanto per così tante persone'.

Concludendo, Lopez ha aggiunto: 'Sono contento che la persistenza abbia dato i suoi frutti'.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers