Il ritorno del Padre prodigo; Andrey Zvyagintsev parla di 'The Return'



Il ritorno del Padre prodigo; Andrey Zvyagintsev parla di 'The Return'



di Erica Abeel



Una scena di 'The Return' di Andrey Zvyagintsev. Immagine gentilmente concessa dal Sundance Film Festival.

'Il ritorno,' un primo lungometraggio di origine siberiana Andrey Zvyagintsev, ha suscitato entusiasmo lungo il circuito del festival e ha conquistato una serie di premi. Un thriller allegorico con echi di Andrei Tarkovsky, il film ha preso il Leone d'oro a Venezia, insieme al miglior primo film; Scoperta dell'anno dal European Film Academy Awards; ed è stato nominato come miglior film straniero al Golden Globes. Il trionfo a Venezia - il primo per un film russo di debutto da quando Tarkovsky vinse il Leone d'oro nel 1962 - costrinse anche i russi ad applaudire Zvyagintsev, che è un estraneo nel suo paese.

Sulla sua superficie 'The Return' è uno sguardo intimo alla ribellione contro l'autorità patriarcale - eppure quella descrizione fa ben poco per evocare il suo meta-significato, che sarà caldamente dibattuto dai cinefili. Vanja e Andrey, due giovani fratelli, corrono a casa dopo uno scontro con i bambini del vicinato per scoprire che il padre è tornato dopo un'assenza di 12 anni. Con la benevola benedizione della madre, sono partiti con il padre tattico, che hanno conosciuto solo da una foto sbiadita, su quella che credono sarà una vacanza di pesca. Un bullo imperscrutabile, il padre incorre nella crescente sfida di Vanja: e se fosse un assassino?>

Con la sua qualità controllata di presagio e la tavolozza del crepuscolo perenne, 'The Return' non è solo una meraviglia estetica, ma segna anche un doppio 'ritorno'. Un padre ritorna letteralmente ai suoi figli. E il film richiama anche una tensione religiosa e mistica pre-rivoluzionaria nel pensiero russo, da Dostoevskij al filosofo Berdyaev. Nello stesso spirito, 'The Return' si rifiuta di elevare e istruire, secondo le direttive del comunismo. Non il primo, ovviamente, a farlo, tuttavia Zvyagintsev produce immagini e azioni sullo schermo che sembrano sostituirsi a un'iper-realtà. Spogliato di qualsiasi origine sociale o cronologica, il padre è un simbolo universale del 'padre prodigo'. Viene dal nulla e non è diretto verso il nulla.

Tutte queste cose intriganti, tuttavia, non hanno reso la slitta regolare quando indieWIRE si è seduto con il regista negli uffici di kino, il suo distributore. Apparentemente raffinato e dall'aspetto ascetico - o forse calante dal jet lag - il 39enne autore non parla inglese, quindi un traduttore, intriso di oscurità slava, era a portata di mano - così come la moglie adorabile e rapace del regista . Zviagintsev usa molto linguaggio per dire - con grande cortesia - Nessun commento. 'Ho promesso che non avrei parlato di quello che vedo io stesso nel mio film', dice nelle note di stampa. 'Voglio lasciare lo spettatore uno a uno con il film - senza che il commento del regista si frapponga.' Abbastanza giusto. Tuttavia, intervistare Zvyagintsev è come cercare di liberare un segreto dalla Sfinge.

Indiewire: Come sei arrivato al cinema?

Andrey Zvyagintsev: Sapevo, a partire dalla decima elementare, che volevo fare teatro e un attore. Ho frequentato la scuola di recitazione in Siberia, ma non c'era futuro lì - ed ero consumato dall'ambizione. Quindi mi sono iscritto al Dipartimento di recitazione della Scuola di teatro statale di Mosca. Poi sono andato in teatro sperimentale, esibendomi in laboratori teatrali.

iW: Quando sei passato dal teatro al cinema?

Zvyagintsev: Il 1993 è stato un brutto anno in Russia dopo la Perestrojka e ho avuto difficoltà a trovare lavoro. Così ho preso un lavoro per girare una pubblicità per un negozio di mobili. Ho imparato l'arte in quel modo, ho capito il processo di tiro. Sono stato spazzato via da “l’Avventura,” e rimpinzato dei film degli anni '60, 'Rocco e i suoi fratelli' e Rohmer.

settembre 2016 film

iW: Come hai fatto il salto dagli spot pubblicitari a una funzione?

Zvyagintsev: Sono stato scoperto da Dimitri Lesnevsky, il mio produttore, che è uno dei co-fondatori della rete russa Ren-TV. Penso a lui come al mio padrino. Mi ha assunto per dirigere tre episodi di una serie TV russa, 'Black Room'.

Successivamente mi ha chiesto di realizzare un film da una sceneggiatura di 'Il ritorno', che ho trasformato. Era un film di genere, un thriller. Volevo dare al pubblico il passare del tempo, quindi ho aggiunto la divisione in sette giorni. Nella sceneggiatura originale, la scatola del padre era un oggetto ambito dai banditi e il pubblico finì per apprenderne il contenuto! I dispositivi di trama hanno avuto la precedenza sul puro dramma. Lesnevksy mi ha lasciato fare come mi piaceva la sceneggiatura.

iW: Qual era il tuo budget?

Zvyagintsev: $ 500.000. Abbiamo girato in 35mm, ma abbiamo usato il video per le scene subacquee.

iW: Come hai trovato i due ragazzi?

Zvyagintsev: Ho tenuto dei test sullo schermo per sei mesi a San Pietroburgo e Mosca. Ero preoccupato per il ragazzo che interpretava Andrey. Aveva avuto un incidente d'auto e aveva un deficit di attenzione, quindi ho rischiato di lanciarlo. Per il padre ho trovato un attore strano, che si era trattenuto perché si vergognava di esibirsi sul palco. Questo ci ha avvicinato di più. Ero stato sopraffatto da un sentimento simile ed era per questo che non avevo una carriera a teatro.

iW: Il ragazzo che ha interpretato Andrey è annegato in un tragico incidente il 25 giugno, proprio prima della prima proiezione del film. Trovi qualcosa di inquietante in questo?

Zvyagintsev: Il 25 giugno 2002 è stata anche la data di inizio delle riprese. Quindi quello sembra essere un numero magico. Abbiamo inviato inviti via e-mail per vedere il taglio finale, ma il ragazzo era andato in campagna. Si tuffò da una barca sul lago e non fu mai più visto. Per me è stata una tragedia orribile, senza pensare a nessun presagio.

iW: Qual è stata l'ispirazione per il film?

Zvyagintsev: Tutto ciò che ha alimentato la mia energia e la mia immaginazione è qualcosa di cui non sono incline a parlare. Dirò questo: riesci a immaginare come si è sentito qualcuno che stava aspettando l'opportunità di fare un film per 10 anni?

iW: Il padre è il vero padre? Sembrava minaccioso e spaventoso.

Zvyagintsev: Pensi che in qualche modo scompaia dall'immagine? O che non è mai stato lì? Cosa intendi?

iW: A volte sembra un impostore, che intende fare del male ai ragazzi. Non credo che un vero padre abbandonerebbe suo figlio lungo la strada in un temporale.

Zvyagintsev: Forse ti sbagli. Forse ci sono padri che lo farebbero. Nel Tim Roth'S 'La zona di guerra' il padre violenta sua figlia. Quel padre è un vero mostro.

iW: Punto preso. Perché il padre è tornato?

Zvyagintsev: Se te lo dicessi, ti darebbe un indizio sul film?

iW: Potrebbe darmi un senso più chiaro.

Zvyagintsev: Temo che non ci siano indizi. O lo percepisci o no. Ci sono cose senza risposte e nessuno può spiegarle. O li sentiamo e li percepiamo, oppure no. A volte ci arrendiamo e proseguiamo. È normale. Non posso fare molto per aiutare i membri del pubblico che non capiscono certe cose nel film. Sarebbe come dire ad un'altra persona ciò che quella persona sta già vedendo da sola.

hulu harlots review

L'arte non è una sorta di linea guida per la comprensione. È una cosa a sé. La cosa più importante per me è l'immagine, non il pensiero.

iW: Eppure sei stato citato dicendo che 'il film è uno sguardo mitologico della vita umana'. Potresti approfondirlo?

Zvyagintsev: È come se guardi questo film dal punto di vista della vita quotidiana, è un errore, perché è molto più ampio e il mistero del film non ti svelerà. [Alla mia espressione frustrata] Non si dovrebbe parlare apertamente di significati sacri e importanti perché non appena iniziamo a chiacchierare su di loro, tutto ciò che è magico e sacrale evapora immediatamente. Si dovrebbe suggerire ciò che è di reale importanza. Questo è quello che ho cercato di fare nel mio film.

iW: Tuttavia, se dovessi fornire una breve descrizione del tuo film -

Zvyagintsev: Direi che si tratta dell'incarnazione metafisica del movimento dell'anima dalla Madre al Padre.

iW: [aieee!] Quali tecniche hai usato per generare suspense?

Zvyagintsev: È un po 'prematuro parlare di tecniche, dato che questo è il mio primo film. Ho proceduto per intuizione. Molti amici di cui mi fido mi hanno suggerito di aprire la scatola del padre, rivelando cosa c'era dentro. La mia intuizione non era quella di farlo. Ho sentito che dovrebbe essere lasciato com'era.

iW: Esiste attualmente una fiorente industria cinematografica russa?

Zvyagintsev: È difficile per me parlare, perché non sono nel mainstream. Non sono andato a scuola di cinema, ero a teatro. C'è Alexei tedesco, un maestro, famoso sia in Russia che fuori. E Otar ioselliani dalla Georgia, ma lavora principalmente in Francia.

iW: I recensori hanno raccolto echi di Tarkovsky in 'Il ritorno'. In che modo ti ha influenzato?

Zvyagintsev: Nel suo atteggiamento verso il ritmo e il flusso del tempo. Un ritmo da sogno. Bresson rispetto a film e cinematografia. Spettacoli cinematografici. La cinematografia ti infonde qualcosa. Tarkovsky sa come instillare. Il film diverte con diverse angolazioni, mosse veloci, come una pubblicità. Ma ai registi piace [Wim] Wenders permettersi di osservare un soggetto a lungo senza cambiare angolazione, e permettersi di farlo insieme a loro. Disegnano un pubblico in una cornice contemplandolo da soli, senza fretta.

iW: Come spieghi il successo del festival di 'The Return'?

Zvyagintsev: Se potessi rispondere, saprei cosa fare del mio prossimo film. E mi sentirei [ridendo] come una puttana. Non devo sapere il motivo. Non c'è ricetta.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers