RECENSIONE | Il dilemma dell'archeologo: i 'pezzi fuggitivi' di Jeremy Podeswa

Nostalgico, profondamente sentito e piacevolmente astuto, “Pezzi fuggitivi'È qualcosa di un uccello raro al giorno d'oggi - un dramma storico transnazionale di grande budget che in realtà giustifica la sua portata e la materia con più che opulenza visiva. In apparenza, sembra il tipo di tariffa tradizionale per l'arte che sposa il romanticismo storico con un esotismo superficiale; con il suo senso sinuoso di spazio e tempo e il suo ricco coinvolgimento sensuale, Anne MichaelsIl romanzo ha tracciato dei paragoni con 'Il paziente inglese'E allo stesso modo l'adattamento di Podeswa trarrà paragoni con il film di Minghella. Ma quella che avrebbe potuto essere una storia d'amore eccessivamente sentimentale per le folle dei quartieri alti viene salvata dalla sua chiara intelligenza e dalla sua prontezza ad affrontare la storia e la rappresentazione dell'Olocausto in modi che non sono affatto facili.

'Fugitive Pieces' inizia con traumi e separazione: nata da una famiglia ebrea nella Polonia occupata, Jakob Beer scappa a malapena mentre i nazisti uccidono suo padre e rapiscono sua madre e sua sorella. Miracolosamente, fugge nello scavo archeologico di Athos Roussos, uno studioso in visita che lo adotta e lo porta di nascosto nella sua (anche occupata) isola greca e successivamente in Canada, dove Athos deve insegnare in un'università. Molto più tardi, come uno scrittore che rimbalza tra la Grecia e il Canada, Beer rimane ossessionato dal destino misterioso (ma probabilmente orribile) della sua famiglia e quindi tenta di ricostruire ciò che non conosce, per agire come archeologo di quegli eventi della sua vita che lui stesso ha fatto non testimone.

Pirouetting attraverso la vita di Beer, il film utilizza la voce fuori campo non come un punteggio espositivo, ma come un contrappunto poetico e, oserei dire, persino accademico a ciò che è sullo schermo. A dire il vero, il film offre paesaggi marini sbalorditivi e languidi invidiabile pomeriggi mediterranei - oscillando tra l'oscurità grigia e acquosa di Toronto e della Polonia e la luce biondo oro di Zante - ma li equilibra con una sorprendente serietà di storia e memoria , compagnia e amore. Il film ricorda il recente lavoro di Terrence Malick, anche se l'uso della narrazione voice over di Podeswa è leggermente più convenzionale, adottando un'aria confessionale e meno puramente evocativa. Questo per dire che 'Fugitive Pieces' è soddisfacente e profondamente coinvolgente dove potrebbe aver smesso di essere semplicemente florido.



Gran parte di ciò è dovuto al tono assicurato di Podeswa, che riesce a mettere in relazione il materiale originale di Anne Michaels in un modo che solo occasionalmente sembra libresco o espurgato. Tradurre il romanzo di debutto di un poeta affermato nel cinema non può essere un compito facile, ma il film riesce a prestare sufficiente attenzione ai suoi numerosi personaggi, come i vicini di Jakob, essi stessi sopravvissuti all'Olocausto che sembrano condannati a non sopravvivere all'amarezza della loro esperienza.

Mentre Athos Roussos, una figura paterna calda ma non meno conflittuale, l'incantevole Rade Serbedzija offre un bel 180 a sua volta come il grasso Milly di 'Eyes Wide Shut', e Michaela di Ayelet Zurer fornisce una sensualità materna che alla fine risveglia Jakob dal suo esilio scritturale (ma certamente abbastanza confuso). Ancora più importante, Stephen Dillane è scelto in modo intelligente come Jakob - il mix di intelligenza e vulnerabilità dell'attore sostiene una voce fuori campo che potrebbe facilmente diventare monotona o sgarbata. I suoi sguardi da ragazzo permettono di trascurare il suo altrimenti irreale collega irlandese e mantenere persino una scena di sesso in ritardo (completa di succulente albicocche e annusare le dita dei piedi) da sembrare troppo esagerata.

In un certo senso, il film è una storia dell'Olocausto senza l'Olocausto, come la 'Shoah' di Claude Lanzmann, sebbene ovviamente con un intento completamente diverso. Quello che Jakob, come Lanzmann, tenta di scoprire l'esperienza della sua famiglia indirettamente, attraverso documenti e testimonianze di altri, attraverso allucinazioni spettrali e ricordi ricostruiti. Ma il progetto di Jakob è destinato all'irresoluzione, e man mano che la sua vita e il suo lavoro progrediscono, diventa chiaro che non imparerà mai in modo soddisfacente il destino di sua madre e sua sorella. A differenza di molti film sull'esperienza dell'autore ('La campana subacquea e la farfalla' di Julian Schnabel è solo la più recente), il film di Podeswa dimostra efficacemente la meccanica emotiva della scrittura, come funziona il lavoro di Jakob per mitigare le cicatrici dei suoi primi tempi trauma e aiutarlo ad andare avanti. In questo modo, ciò che è più audace dei 'Pezzi fuggitivi' è che non solo spiega come ricordare l'Olocausto, ma anche come dimenticarlo, o almeno come invocare i suoi fantasmi senza diventarlo.

[Leo Goldsmith è un collaboratore frequente di Reverse Shot, nonché redattore di Non venire in un teatro vicino a te.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers