Recensione: Brad Pitt urla dalla pancia di un carro armato nel film drammatico 'Fury' della Seconda Guerra Mondiale

'Fury' è ambientato nell'aprile 1945, quando gli Alleati finiscono la Germania nazista, ma il periodo del film conta meno del suo umore, che spinge in avanti con l'intensità meccanica dei carri armati al centro della storia. Il drammatico e aggressivo dramma di Brad Pitt dello sceneggiatore e regista David Ayer gestisce alcune immagini evocative e ottiene un impatto viscerale mettendo in atto un'atmosfera infernale che non si arrende mai, ma Ayer prende la missione troppo alla lettera e finisce letteralmente perso nella nebbia della guerra.

meglio chiamare saul stagione 3 episodio 2 gratis

I fallimenti di 'Fury' arrivano presto, quando un colpo di apertura che trova un soldato nazista che cavalca un cavallo bianco attraverso i rottami fumanti dei carri armati americani. Dall'ombra, il sergente Don 'Wardaddy' Collier (Pitt) brandisce un coltello. La scena, come molti altri che la seguono, contiene una qualità grottesca, infernale, eppure sembra ancora vuota. È un'illustrazione severa e ben illuminata che la guerra è un inferno. Ma cos'altro c'è di nuovo '>

LEGGI DI PIÙ: 'Fury' con Brad Pitt chiude il London Film Festival in offerta per l'Oscar Contention


Nonostante i suoi 134 minuti di autonomia, 'Fury' non affronta mai questa domanda. Ritornando al suo carro armato - che porta il titolo del film sul suo cannone - l'approccio del non-prigioniero di Wardaddy viene rapidamente alla luce: la guerra potrebbe essere quasi completata, ma rimane nel bel mezzo di esso. Mentre il carro armato si fa avanti, si libra con i suoi soldati, tra cui Boyd 'Bible' Swan (un baffuto sciita LaBeouf), Trini 'Gordo' Garcia (Michael Peña), Grady 'Coon-Ass' Travis (Jon Bernthal) e Sergeant Miglia (Scott Eastwood). In una base vicina, Wardaddy ha il compito di rafforzare il suo nuovo pilota, lo scarno Norman 'Cobb' Ellison (Logan Lerman). All'inizio forzando crudelmente la giovane recluta a infliggere violenza ai prigionieri nazisti, Wardaddy in seguito ha pietà del peso leggero.

Le qualità espressionistiche del film si estendono ai suoi personaggi schiettamente disegnati: l'ambigua statura di Wardaddy, in quanto mostro imperialistico di combattimento e guerriero di principio, pone le basi per il neofita Ellison di imparare una lezione pesante in equivalenza morale mentre sperimenta la morte in prima persona . La traiettoria del film è tracciata mentre Ellison viene spazzata via in un mondo coperto di polvere di crudele mascolinità e dilagante spargimento di sangue. 'Fury' segna punti per aver tentato di rappresentare la Seconda Guerra Mondiale in termini sorprendentemente minimalisti, ma Ayer lotta per approfondire quelle intenzioni.


Nonostante la performance forte e prepotente di Pitt, la vera star di 'Fury' è il direttore della fotografia Roman Vasyonov. I suoi elementi visivi di colore grigio creano una qualità iperreale per la narrazione, che si sviluppa in gran parte su vasti paesaggi disseminati di relitti. Lo stile impressionistico è particolarmente efficace durante lo spettacolare finale, una resa dei conti che mette il carro armato contro centinaia di aggressori nazisti mentre le ombre dorate portano la trama nel regno dell'astrazione.

Ma gli straordinari effetti visivi non sviluppano mai un sostanziale takeaway, e nemmeno i personaggi: durante una sequenza prolungata a tavola che vede Pitt e Lerman trascorrere alcuni momenti più delicati con donne tedesche sopravvissute in una città bombardata, Ayer fa di tutto per dimostrare la sfida di trovare conforto nel mezzo di una situazione terribilmente brutta. La sequenza ha un potenziale, ma va avanti troppo a lungo, come se chiedesse di essere presa sul serio. E questo è il problema con 'Fury' nel suo insieme: ogni possibilità tematica è affrontata nei tratti più ampi.

Naturalmente, 'Fury' non mira al realismo, e Ayer non è mai stato un regista particolarmente interessato al naturalismo. I suoi film usano gli estremi dell'azione e della conversazione per trasmettere grandi idee con energia veloce e combattiva. Come nel film drammatico poliziesco 'End of Watch' e nel thriller della DEA 'Sabotage', il regista fa un considerevole tentativo di entrare nell'ecosistema di una professione sporca e spericolata. Ma la sua sceneggiatura astuta e sciatta non raggiunge mai il livello delle sue intenzioni. Invece, ritorna a dialoghi ovvi intesi a sottolineare la sensibilità di guerra calda in gioco. 'Questo è un carro armato americano', abbaia Wardaddy quando uno dei suoi compatrioti usa lo spagnolo. “Parliamo americano!” Così fa il film, che usa il suo grossolano e fragoroso esterno come scusa per l'assenza di praticamente qualsiasi altra cosa.


Sebbene apparentemente un pezzo d'insieme, 'Fury' offre poco in termini di esibizioni memorabili. La blanda performance di LaBeouf è messa in ombra dai suoi recenti spettacoli pubblici, mentre Peña e Bernthal suonano sottili stereotipi. Lerman è utile come unica figura comprensiva, sebbene la sua presenza piagnucolosa non offra nulla di nuovo. Questi sono personaggi archetipici che possono servire alla sua estetica ridotta, ma le loro connotazioni sono simbolicamente deboli.


In linea di principio, il film ha una parentela con Quentin Tarantino, abbellito in modo simile dal folle folla della Seconda Guerra Mondiale 'Bastardi senza gloria', che vede anche Pitt come un sergente combattivo. Ancora una volta, i principali soldati che riferiscono al personaggio sono ebrei. Ma mentre 'Fury' mostra i suoi uomini alimentati dalla rabbia, scambia l'ironia del film di Tarantino con banalità. 'Fatto molto killin ’; '>

La vista di corpi in fiamme e carri armati che schiacciano i soldati nelle buche non può fare a meno di gestire una terrificante specificità. Ma con il tempo, i ripetuti lampi di bruttezza diventano ridondanti. Inteso a scioccarci, 'Fury' ha un effetto mortale, fino a quando non diventa vittima della stessa brutalità che è stato progettato per accusare.

Grado: C

'Fury' aprirà a livello nazionale il 17 ottobre.

LEGGI TUTTO: Perché Brad Pitt-Starrer 'Fury' si sta spostando da novembre a ottobre (VIDEO)

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers