RECENSIONE | Profondità nella bellezza: 'A Single Man' di Tom Ford

Diretto dall'ex direttore creativo di Gucci Tom Ford, “A Single Man” ha alcune delle qualità che ti aspetteresti dal primo film di uno stilista. A livello superficiale, quasi ogni fotogramma è altamente stilizzato al punto da non sembrare fuori posto stampato in Vogue Italia (potrebbe essere troppo visivamente esoterico per l'edizione nordamericana), ma lo stile è anche un tema più profondo. Da una prima voce fuori campo che spiega la funzione della moda come armatura, continuando attraverso le conversazioni su un personaggio di James Dean stile taglio di capelli e un nuovo alveare, che culmina in un'altra istruzione scritta su come vuole che la sua cravatta sia legata per la sua sepoltura, Ford fa di tutto per esplorare il ruolo che lo stile personale gioca nell'espressione e nella definizione dell'identità. Sarebbe la tentazione di scrivere 'A Single Man' come un trionfo di superficie se non ci fosse altro da raccomandarlo, ma come 'Mad Men', suo cugino culturale in ennui finemente progettato dei primi anni '60, il progetto di Ford continua a girare scrittura spiritosa e un paio di spettacoli abbastanza forti da dare profondità alla bellezza.

A partire da una sequenza di sogni sorprendentemente stupenda in cui George impeccabilmente adatto di Colin Firth si sdraia sulla neve per dare un bacio al suo amante morto Jim (Matthew Goode), 'A Single Man', quindi saltare a un solo giorno (venerdì, 30 novembre 1962 per la precisione) nella vita di George senza Jim. Un professore di inglese striato d'argento che vive in una casa di vetro in stile Neutra a Los Angeles, George attraversa questo giorno perché dobbiamo capire che ha attraversato la maggior parte negli otto mesi dall'incidente d'auto che ha ucciso il suo compagno di 16 anni: in uno stato d'animo contemplativo, attraversando i movimenti al lavoro e a cena con il suo bisognoso amico di lunga data Charlie (Julianne Moore), nel frattempo scivolando incontrollabilmente in dolorose reminiscenze del suo amore perduto. Tranne che in questo giorno, mette in valigia un revolver vicino al romanzo di Huxley nella sua valigia, e tra l'insegnamento e la caduta di lunghe conversazioni con Charlie, uno spaccone spagnolo e uno studente carino e insolitamente curioso, George prende accordi per la sua fine.

Nella sua scelta visiva più audace, Ford manipola la tavolozza del film per abbinare il tono emotivo in evoluzione. I flashback di George sono generalmente color pastello e il suo presente desaturato e neutro, ma in fugaci momenti di piacere - un flirt, un incontro con un bambino precocemente onesto, un'opportunità per apprezzare un tramonto o un cane ben educato o qualsiasi cosa di pura bellezza - il colore si riversa nell'immagine in vari gradi. Dapprima questa fioritura è quasi impercettibile ma apprezzata per i suoi piaceri sensoriali; alla fine, una volta che sarai in grado di anticipare la svolta dei quadranti di colore, la tecnica si sente un po 'sul naso. La direzione della scena finale del film è altrettanto prepotentemente nel martellare a casa il punto in cui possiamo controllare questo momento ma non il prossimo. A Single Man funziona meglio quando Ford lo stilista crea una scena e poi fa un passo indietro, permettendo a Firth e al cast di supporto di cadere in ritmi naturali di conversazione. Il premio come miglior attore di Firth a Venezia è stato meritato; probabilmente ancora meglio conosciuto negli Stati Uniti come Bridget Jones ’; ragazzo noioso, il suo lavoro qui è degno dell'attenzione all'Oscar.



Anche se alcuni spettatori hanno apparentemente etichettato il marchio come 'troppo gay'. per un pubblico generale, 'A Single Man' è in realtà piuttosto casto; c'è nudità e baci maschili, ma nessuna esplicita immagine sessuale. “A Single Man” è la virtù più limitante della sua politica sessuale sembrerebbe essere la sua ostinata abilità artistica; gli spettatori che sono totalmente cool con i temi gay possono ancora essere disattivati ​​da un ibrido di 105 minuti di commovente pittura e profumo commerciale. Sotto l'indulgenza visiva, l'argomento principale di 'A Single Man' è la lotta per aspettare una vita che non sembra più degna di essere vissuta, e chiunque gay o etero che abbia perso qualcuno che ami dovrebbe essere in grado di aggrapparsi a questo.

NOTA DELL'EDITORE: Questa recensione è stata originariamente pubblicata come parte della copertura indieWIRE del Toronto International Film Festival.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers