Recensione: 'Il gioco dell'imitazione' divertente e ben realizzato con Benedict Cumberbatch e Keira Knightley

Nel 1941, il brillante matematico di Cambridge Alan Turing fu assunto dai militari britannici per infrangere un famigerato e apparentemente indecifrabile codice nazista chiamato Enigma. Alla guida di un gruppo di crittanalisti disadattati, logici e diversi tipi di meraviglie, Turing ha diretto l'operazione di decodificatori per decifrare Enigma e vincere la guerra. Ma per Turing, questa vittoria ha avuto un costo terribile.



Ambientato in due periodi — 1951, dopo che Enigma è stato spezzato da molto tempo, e 1941, quando l'irascibile e arrogante Turing ha fatto domanda per il lavoro di rottura del codice (la sua personalità asociale Asperger e quasi lo ha fatto rimbalzare fuori dall'intervista) - Graham MooreLa sceneggiatura esperta naviga abilmente tra le due impostazioni e dà anche a quest'ultimo periodo un tocco di mistero, inviando il dramma sospensivo, che si svolge nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, fuori per le gare.

Dopo un'apertura sconnessa di dialoghi fuori campo inutili e fuori campo, 'The Imitation Game' rdquo; decolla con una traiettoria abile. Il thriller non perde tempo a spiegare le sue poste e poi a sollevarle contemporaneamente, creando i conflitti interpersonali del difficile e singolare Turing e dei suoi migliori colleghi socializzati.



Ma coinvolgente come 'The Imitation Game'. può essere, non è anche senza i suoi cliché. Turing è brillante, ma così strano e inaccessibile che diventa chiaro che per realizzare questa missione top-secret di massima importanza, avrà bisogno della collaborazione del suo team di tag-tag, e loro avranno bisogno di lui. Co-protagonista Mark Strong, Charles Dance (“;Game of Thrones”;), Alan Leech (“;Abbazia di Downton”;) e Rory Kinnear, questo cast di supporto è affidabile, ma i loro personaggi spesso si nutrono di banalità archetipiche. Una frase ripetuta riguardante il potere dell'immaginazione sembra come se fosse stata strappata dal generatore di Oscar di benessere della Weinstein Company e possibilmente appropriata da “;Alla ricerca di Neverland. ”;



Diretto con efficienza clericale dal regista norvegese Morten Tyldum ( 'cacciatori di teste“) Non sorprende che il timoniere si sia tagliato gli anni in TV scandinava. Rende l'immagine che è classicamente competente, ma anche anonima, persino omogenea.

Detto questo, Cumberbatch rende il film facile da guardare con la sua personalità aspra e disumana che sicuramente deve aver virato da qualche parte vicino allo spettro dell'autismo. Knightley, anch'essa membro del team, è abbastanza brava con ciò che le è stato dato, ma è in qualche modo sussidiaria alla narrazione come molti ruoli femminili sfortunatamente sono in questi giorni. E sebbene sia certamente conservatore, non è così sterilizzato e insipido come avrebbe potuto essere e l'omosessualità di Turing, per la quale è perseguitato dopo la guerra - apparendo per la prima volta come se fosse affrontato solo in sottotesto - diventa un elemento centrale della trama più in profondità nel film.

l'alleanza aliena fa schifo

In effetti, per due atti, 'Il gioco d'imitazione'. si sente competente, ma non si collega mai abbastanza profondamente oltre la corsa contro il tempo che è la spinta narrativa del film - più a lungo i rompitori del codice non riescono a risolvere l'Enigma, più si perdono le vite degli alleati e dei propri cari. Ma una volta che il puzzle di Enigma è stato risolto, il film prende vita e diventa molto più ricco ed eticamente coinvolgente. Le implicazioni morali di nascondere la loro vittoria - la Germania non può mai sapere che il codice è stato infranto - è agghiacciante. La squadra di Turing e M16 non possono rivelare la svolta ai militari in quanto lo abuseranno, la Germania cambierà il loro codice e tutto andrà perso ancora una volta. La decisione monumentalmente difficile deve essere presa per scegliere quali vite possono essere salvate e quali no, affinché gli inglesi non rivelino la loro mano.

goldie hawn on ride in

Questi segreti e bugie clandestini aggiungono una nuvola moralmente oscura all'immagine e nessun personaggio rimane illeso. Come spiega Turing, il loro gioco è un 'calcolo intriso di sangue'. La natura insidiosa e subdola della controspionaggio non ha neanche un passaggio, e c'è un disagio nauseabondo che ogni personaggio deve sopportare, vivendo con la conoscenza e le spese l'innovazione ha funzionato. Inoltre, all'indomani dell'avanzamento dell'Enigma, 'The Imitation Game' rdquo; finalmente ha il tempo di concentrarsi completamente su Turing, il suo doloroso segreto, il suo passato e la sua storia.

Tuttavia, la gestione della sessualità riservata di Turing, il suo tormento da bambino e il pedaggio emotivo represso che ne deriva viene toccato con cautela e, come gran parte del film, i cineasti stanno attenti a non interrompere l'atmosfera inglese.

“; The Imitation Game ”; è infine una storia commovente e agrodolce degli uomini e delle donne coraggiosi strumentali nel vincere La seconda guerra mondiale con il loro dispositivo rivoluzionario, uno che renderebbe Turing una sorta di padrino all'inizio dell'intelligenza artificiale e dell'informatica teorica. E il film non dimentica mai il costo del sacrificio di Turing e la tragedia di un eroe di guerra nazionale sottoposto al bigottismo. “; The Imitation Game ”; è quindi un dramma di suspense ben fatto e una storia edificante di perseveranza, ma lungo la strada colpisce molte note familiari.

Irregolare, ma a volte ancora risonante, il film ovviamente ci ricorda non solo il danno longtail di segreti e bugie, ma il costo personale straziante sopportato da Alan Turing. Ed è alcuni di questi piccoli momenti in cui il film sembra toccante e non solo capace di assorbire. Piacevole e entusiasmante, il terzo atto finale vincente del film renderà sicuramente il film un contendente solido nella stagione dei premi. “; The Imitation Game ”; è divertente e ben fatto, ma non si può ancora fare a meno di desiderare che il dramma abbia avuto un po 'più di nervosismo e nervosismo. [B]

Questa è una ristampa della nostra recensione del Telluride Film Festival 2014.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers