RECENSIONE: La fiaba gay 'Lupi di Kromer' ha un morso divertente

RECENSIONE: La favola gay 'Lupi di Kromer' ha un morso divertente



di Mark Holcomb


(indieWIRE / 10.20.00) - Sto per uscire su un arto e dirlo Will Gould'S 'I lupi di Kromer'(Apertura oggi da Funzionalità di prima esecuzione a San Francisco Teatro Lumiere) è il miglior film adattato dalla tesi di un ex economista sui lupi mannari gay che uscirà quest'anno. (Prova a sostenerlo intorno al dispositivo di raffreddamento dell'acqua.) In ogni caso, il debutto di Gould è una fiaba vivace e leggera, che indaga delicatamente la paura e la sfiducia che circondano l'omosessualità maschile nella società inglese educata.

nuovi spettacoli nel 2016

Basato su un'opera teatrale (e, inspiegabilmente, una tesi di dottorato) dello sceneggiatore e cruncher numerico Charles Lambert, questo festival che piace alla folla riguarda una coppia di giovani 'lupi' itineranti - l'esperto Gabriel (James Layton) e Seth bagnato dietro le orecchie (Lee Williams) - che si aggirano nella periferia del piccolo Kromer, cenano con le pecore occasionali e rendono i cittadini molto nervosi. Non sono così tanto le abitudini alimentari di questo duo insipido che tengono svegli i locali di notte, in particolare il padre sospettosamente avverso del lupo, padre David (Kevin Moore) - ma il fatto che si immaginino apertamente e sfacciatamente l'un l'altro. Per quanto siano legittimi quanto gli abitanti del villaggio su questa questione, tuttavia, mancano gli avvenimenti davvero insidiosi in città: due domestici domestici predatori, Fanny (Rita Davies) e Doreen (Margaret Towner), stanno lentamente avvelenando la loro padrona, la signora Drax (Rosemary Dunham) per ereditare la sua fortuna.

Quando la famiglia della signora Drax viene convocata dal suo presunto letto di morte dalla città, Fanny e Doreen sospendono la trama. Mentre si danno da fare per escogitare un piano B, Seth rompe con Gabriel per un'infedeltà. Il nipote della signora Drax Kester (Matthew Dean), nel frattempo, discute contro la fervida campagna anti-lupo di padre David mentre sua sorella Polly (Leila Lloyd-Evelyn), seduce il Seth temporaneamente respinto; Gabriel fa il broncio a una festa sulla spiaggia del lupo durante la notte segnata da un ritmo pulsante della discoteca.

Fanny colpisce l'idea di incolpare la malattia di Mrs. Drax sui lupi 'malati', che manda i Kromeriani in campagna dopo che Gabriel e Seth sono ancora lontani. La folla arrabbiata di serie introduce l'iconografia del film horror nel mix delle fiabe forse un po 'troppo tardi, e Laura RivetLa cinematografia pragmatica non riesce a rievocare le ricche tonalità degli anni '60 Martello i film 'Wolves' imitano chiaramente. 'Wolves' si conclude con un post scriptum letteralmente celestiale impostato sulle tensioni di 'Spirito nel cielo'(Una canzone che sta rapidamente diventando la stecca del kitsch degli anni '70 più abusata nella storia del film).

Sebbene sorprendentemente originale nel concetto, 'The Wolves of Kromer' è decisamente un affare incostante. Nonostante le prestazioni generalmente buone dei nuovi arrivati ​​Layton e della promettente Williams, così come i veterani come Davies (che porta una snervante, ma non inappropriata) somiglianza con Boris Karloff), il nuovo arrivato Gould non può superare una piattezza di tono. Ha più successo nel tradurre il senso dell'umorismo crudo e deliziosamente malvagio di Lambert in immagini strabilianti; i lupi, per esempio, sono un gruppo sgangherato, vestito di pellicce a figura intera complete di code. Gould riesce anche a infondere calore e simpatia anche al malvagio apertamente Fanny e Father David, che non è cosa da poco considerando il modo semplicistico di Lambert con la caratterizzazione.

Come film queer, 'Wolves' è uno o due passaggi fantasiosi sopra il dramma della sitcom che in genere inonda i festival degli Stati Uniti. Eppure la sua metafora centrale - i gay come 'specie' separata ostracizzata e incompresa - nella migliore delle ipotesi è traballante. I veri lupi, dopo tutto, sono predatori delle pari opportunità: mangeranno praticamente qualsiasi cosa. Questo inevitabilmente richiama alla mente la convinzione a vuoto che gli omosessuali attivamente predino gli indifesi e i non iniziati, un'idea che Lambert sembra intenzionata a dissipare (e che è quasi portata a termine nel film quando il pre-adolescente Kester, che inizialmente difende il lupi, cambia idea dopo essere stato minacciato da Gabriel). La metafora di Lambert è ancor più gravemente indebolita dal fatto che l'unico sesso che vediamo o sentiamo nel film si svolge tra Polly e Seth; lo snob occasionale tra i due uomini è furtivo, senza passione e di solito mostrato a lungo. Di conseguenza, 'The Wolves of Kromer' a volte sembra un film curiosamente non gay.

Con le sue basi filosofiche eseguite a casaccio, 'I lupi di Kromer' non si ingelosisce mai come allegoria; i suoi Deep Thoughts non sono abbastanza ben sviluppati per portare il film. Ma questo non ferma in alcun modo il divertimento: il suo fascino semplice e il suo umanesimo stimabile rendono i 'Lupi' una fiaba piacevolmente deviante, sebbene con un morso.

[Mark Holcomb è uno scrittore freelance che vive a New York.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers