RECENSIONE | La ragazza non può farci niente: il 'Fish Tank' di Andrea Arnold

Anche dopo l'avvento della psicologia, del femminismo e della rivoluzione sessuale, il desiderio femminile rimane culturalmente sconcertante, un argomento da evitare o deliberatamente mistificato. Al di fuori dello schiaffo iper-ormonale, il desiderio degli adolescenti è altrettanto tabù. Inoltre, il desiderio delle adolescenti donne è così socialmente sgradevole che persino il discutibilmente casto 'Twilight' conta come un correttivo benvenuto. Inserisci 'Fish Tank' di Andrea Arnold, un film così impavido, onesto e saggio sulla nascente sessualità femminile che non è necessaria alcuna curva di valutazione. Si avvicina al sesso non come un aspetto della politica ma dell'esperienza, continua con altri impulsi, sconcertazioni, pericoli e gioie della vita.

Il primo lungometraggio combustibile di Arnold, “Red Road”, ha unito il realismo del lavello della cucina britannica con un espressionismo lunatico, un matrimonio che rivisita e intensifica con “Fish Tank”. I suoi due film sono tanto sobri quanto sensibili, e così in sintonia con le modalità disordinate di comportamenti che persino racconti di paura e crepacuore si accumulano con dignità. La tristezza concreta della vita urbana è sia lamentata che limitata con colore e grazia, l'angolo più piccolo e desolato ma capace di offrire fuga e piacere legato alla terra. I suoi personaggi potrebbero non trascendere il loro posto nel mondo, ma almeno gli è permesso di abitarne completamente.

In 'Fish Tank', una quindicenne di nome Mia (Katie Jarvis, una presenza completa e ipnotizzante) si aggira per un complesso di appartamenti inglese animato da frustrazione e rabbia. Durante una sequenza di apertura dell'Odissea balla da sola, abbaia contro un cellulare, lancia pietre contro una finestra, lancia una testa a testa di una ragazza e scambia bombe f e sbatte la porta con sua madre e sua sorella minore. La sequenza sembra un tocco troppo efficace, ma collega efficacemente lo spettatore nel mondo di Mia - e soprattutto, nel suo punto di vista. D'ora in poi la telecamera non segue semplicemente Mia in giro, frequenta, circonda e diventa lei. Entrambi registra ed esprime i suoi umori fluttuanti. Sia che stia provando le mosse della danza, sbirciando attraverso il collegamento a catena o che si accascia sul sedile posteriore di un'auto, la telecamera abbina i suoi mirini per guardare attivamente e soggettivamente. Quando l'ultima conquista della sua madre single, disgustosa e ubriaca, appare nella sua cucina una mattina, la telecamera lo osserva con occhiate furtive e spudorate. Anche Connor (Michael Fassbender, il sesso con un bastone qui) la nota e aiuta a caricare l'aria con vaghi sensi, ma la telecamera non si fissa sul suo stato di spoglia relativa (maglietta e mutandine) ma sul suo lungo busto muscoloso e culo inarcato da jeans bassi. È il momento eureka di Mia di esplodere il desiderio, spettacolare e inquietante come chiunque potrebbe sperare. Lei gli dice di scopare, il che ovviamente significa che è agganciata.



Eppure sarebbe ingiusto colorare il rapporto di Mia e Connor come solo sessuale, poiché ha anche tinte platoniche e familiari. Per quanto ne sappiamo, Connor è la prima persona che parla a Mia come se fosse un'adulta. Connor la onora con una conversazione civile, sincero interesse e sinceri complimenti. Viene a vedere se stessa come la vede lui: come una donna. Esiliata al piano di sopra mentre la mamma (Kierston Wareing, splendentemente sdolcinata ma costretta da un personaggio di una nota) ospita una festa in casa, Mia si addormenta nella stanza di sua madre ma si sveglia quando Connor la porta a letto. Fingendo di dormire, scruta verso il basso per guardarlo mentre si toglie le scarpe e i pantaloni, scoprendo il proprio corpo mentre fa lo stesso. Con il desiderio arriva il potere, ovviamente, ed è qualcosa che questo brivido inebriante, in precedenza invisibile, possiede. Il suo potere è altrettanto grande (e legalmente parlando, molto più grande), ma Arnold sta vicino a Mia, assistendo alle sue scelte e onorando l'erotismo del suo autocontrollo. Alle tensioni dolorose di Bobby Womack balla verso l'ignoto, desiderosa di possibilità ma ignara delle conseguenze.

Diverse note nell'atto finale del film sembrano un po 'fuori luogo - come una svolta estesa in un territorio thriller, un'offerta tardiva e letteralmente coreografica per la profondità familiare e un finale impersonalmente elegiaco - ma solo perché Arnold riesce così a stabilire e convincere la prospettiva di Mia che qualsiasi tipo di distanza da esso sembra un tradimento. Ciò che in qualsiasi altro film potrebbe essere un punto culminante - una tangente di rapimento fornisce diversi minuti di tensione senza fiato - impallidisce rispetto al resto dell'intimità casualmente profonda del film. Ma anche questi passi falsi seguono una certa logica, poiché quando Mia si spinge troppo oltre il cinema di Arnold, intenzionalmente rende Mia estranea a noi proprio mentre diventa estranea a se stessa. Non era pronta per i costi di essere una donna - per il dolore, i risentimenti, la codardia degli uomini. Ma all'improvviso c'è un domani, una vita oltre l'appartamento del consiglio e persino oltre Connor. E domani sarà pronta.

[Eric Hynes è uno scrittore dello staff di Reverse Shot e conduttore della serie di video di Reverse Shot Talkies. Ha anche scritto per Slate e Stop Smiling, tra le altre pubblicazioni.]

[Una recensione indieWIRE da Reverse Shot.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers