RECENSIONE | High Times negli anni '90: 'The Wackness' di Jonathan Levine

Questa recensione è stata originariamente pubblicata durante il Sundance Film Festival del 2008. Un regista che conta è qualcuno in grado di rinvigorire i generi con sperma e una giocosa mancanza di cautela. Quello è Jonathan Levine, che ha stupito il 2006 Festival Internazionale del Film di Toronto pubblico con il suo film horror cruento e furbo “Tutti i ragazzi adorano Mandy Lane. 'Il suo seguito è ancora migliore, il racconto di maturità ad alta energia'The Wackness, 'Un film amante del divertimento a cui il pubblico troverà impossibile resistere.



È l'estate del 1994 e il recente diplomato di scuola superiore Luke Shapiro (Josh Peck) sta per intraprendere un'avventura con il suo psichiatra di Manhattan Dr. Squires (Ben Kingsley). Luke è un uomo d'affari fatto da sé; vendere pentole da un carretto sotto le spoglie di un venditore di ghiaccio congelato. Scambia erba per sessioni con Squires ma le loro vite personali si intersecano quando la figliastra adolescente di Squire (Olivia Thirlby) lo introduce al romanticismo e alla fine al dolore. Il 1994 prende vita grazie ai dettagli del periodo perfetto delle immagini dei poster degli autobus che promuovono 'Forrest Gump, 'Alle goffe cuffie Walkman e alle continue chiacchiere Rudy Giuliani 'Ripulire New York'. Direttore della fotografia Petra Korner aiuta a far combaciare l'energia frenetica dell'eroe adolescente 'Wackness' con le riprese in costante movimento e Levine ricrea Manhattan del 1994 con un senso di sporco autentico e bello. Ancora più impressionante, ciò che rende “Wackness” qualcosa di nuovo per Levine; è il modo in cui scrive, dirige e gestisce gli attori. 'Wackness' è un piacere per gli occhi con grandi prestazioni al centro.

La bella Olivia Thirlby è una sorta di freccia dritta del film; la ragazza dei sogni di Luke ma qualcuno con le linee meno interessanti e poca crescita. Josh Peck rende il film importante come Luke, credibile, coinvolgente e pienamente capace di far contagiare il suo dolore. Peck si abbina bene anche a Ben Kingsley, che è una specie di Falstaff dei giorni nostri nell'avventura della maggiore età di Luke. Come Squires, i capelli grigi di Kingsley si arricciano sulle punte come un casco spaziale. Il suo pizzetto è un cliché psichiatrico comico. Kingsley è più grande della vita in 'Wackness;' esagerato e il film è migliore grazie alle sue teatrali one-man. Mary-Kate Olsen appare per la prima volta come un derviscio turbinante, un pulcino hippy coccolato che si fa strada a Central Park. Ma la sua scena migliore è una sessione di risate a squarciagola con Kingsley nella cabina telefonica del bar. Jane Adams sfrutta al massimo il suo cameo come uno dei clienti abituali di Luke. Famke Janssen è perfettamente acido come la moglie infelice di Squires. Certo, ci sono poche sorprese con 'Wackness' e offre la metà delle risate di 'Molto male'Ma rimane una gioia a sé stante.



I passi falsi creativi di Levine sono giovani, quindi sono facilmente perdonati. Una fantasia della metropolitana al rallentatore che coinvolge belle donne passeggeri si dissolve in una parodia di MTV. Una fantasia in cui il suo annuario del liceo prende vita non raggiunge mai l'obiettivo comico. La narrazione di Luke diventa rapidamente ridondante. Tuttavia, i difetti e tutto il resto, 'Wackness' rimane un racconto di spionaggio e di maturità con un lieto fine dove conta di più: la maturità di un adolescente in un uomo che si rispetti. La fiaba creativa di Levine sfrigolerà con il film numero tre? 'Wackness' dice il contrario.



La copertura di indieWIRE del Sundance Film Festival del 2008 è disponibile nella sezione speciale di iW Park City.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers