Recensione: 'I Am Heath Ledger' è un tributo commovente ma superficiale documentario a un grande attore andato troppo presto

'Io sono Heath Ledger'



Non lasciarti ingannare dal titolo. Mentre è vero che io sono Heath Ledger ”; è costellato di riprese video domestiche riprese dal suo omonimo caro defunto, questo documentario un po 'agiografico non è un racconto in prima persona, non è un indirizzo diretto oltre la tomba. Offerto dallo stesso ragazzo che in precedenza ha affermato di essere Chris Farley, Bruce Lee e una manciata di altre leggende di Hollywood che sono morte al culmine della loro fama, il regista Derik Murray non è più Heath Ledger di quanto non fosse uno di quegli altri iconoclasti, ma - titolo nauseantamente presuntuoso a parte - la nuova puntata di il suo franchise di saggistica è un tenero e utile ricordo di una stella irrefrenabile la cui luce continua a brillare sulle persone che ha lasciato alle spalle.

Co-diretto da Adrian Buitenhuis, “; I Am Heath Ledger ”; è troppo amorevole un ritratto per cui essere confuso arte - non aspettarti un altro “; Amy ”; - ma l'approccio superficiale del film è sostenuto da un travolgente grado di sincerità. Da un lato, non c'è una parola negativa pronunciata su Ledger in questi 90 minuti. D'altra parte, il timore reverenziale lucido e persistente con cui gli amici e la famiglia del defunto attore si ricordano di lui rende straordinariamente facile credere che non lo facciano. avere qualcosa di negativo da dire su di lui; che i loro rancori erano meschini quanto la loro gratitudine rimane profonda. Si tratta di un documentario senza agenda se non quello di affermare che Heath Ledger era un essere umano straordinario e, a tal fine, fa una potente argomentazione convincente.

Per quanto tu sia già triste per la sua morte, stai per diventare molto più triste. Per quanto tu abbia apprezzato il suo lavoro e ti sia meravigliato del suo potenziale, stai per diventare ancora più convinto che stesse solo grattando in superficie.

è davvero la purga che accadrà

Registrato dalla musica sdolcinata di Bon Iver (una scelta che è sorprendentemente ben giustificata in un colpo di scena dell'ultimo minuto!), Il film si svolge come un elogio video di lungometraggi, meno il tipo di cosa che dovrebbe suonare nei cinema di quanto non sia il tipo di cose che dovrebbero suonare in loop al risveglio di qualcuno. “; Alcune persone sono appena più grandi di quanto la Terra abbia spazio, ”; qualcuno dice in alto, e quel sentimento cade sotto tutto ciò che segue.



A partire dai genitori e dalle sorelle di Ledger, Murray e Buitenhuis hanno messo insieme una raccolta molto forte di teste parlanti, che sembrano più che felici di ricordare il figlio o il fratello perduto. Ricordano un ragazzo gioioso e ben adattato di Perth, che amava da dove veniva ma desiderava ardentemente avere un assaggio del mondo oltre. Gli amici d'infanzia (che sono rimasti estremamente vicini a Ledger fino alla sua morte) ricordano lo spirito gung-ho con cui è saltato fino in fondo, ridendo di come la sua energia irrefrenabile e il suo aspetto sgargiante gli hanno reso così facile essere scoperto . ”; È difficile immaginare come chiunque avrebbe potuto guardare questo ragazzo e pensare che non avesse esso, e non sembra che nessuno abbia mai fatto.

LEGGI TUTTO: The Tribeca 2017 IndieWire Bible: ogni recensione, intervista e notizia dal festival

ryan papero grasso

Molte delle cose dei video domestici che Ledger si è girato da lui provengono da quei primi anni (tieni d'occhio un cameo di un battito di ciglia di una giovane Rose Byrne), e tutto è oro puro - tutto ciò dà l'impressione di essere un turbinio di energia creativa della Tasmania, sempre dipingendo o scattando foto o semplicemente facendo facce buffe alla macchina fotografica quando non c'era nient'altro da guardare. Gli piaceva registrarsi girando in tondo, come un top che non si basava su altro che sul proprio slancio. Il dottore non è interessato a rallentare e sprofondare nelle fessure della vita di Ledger, ma, a loro grande merito, Murray e Buitenhuis creano un chiaro scisma tra il sogno della natura di Ledger e la fredda mondanità della cultura che ha preso d'assalto.

Quando il film vuole che tu veda le cose attraverso gli occhi del soggetto, ottiene sempre l'effetto desiderato. I filtri forti e altre stilizzazioni astratte aiutano a creare uno spazio vitale vivido e la qualità non verniciata delle interviste con la testa parlante aiuta a garantire che non rompano l'incantesimo.

'Il Cavaliere Oscuro'

Quelle interviste alla testa, tuttavia, espongono la superficialità dell'indagine del film. Per quanto sia divertente avere artisti del calibro di Ben Mendelsohn e Ang Lee che si presentano per cantare gli elogi di Ledger - e commovente come lo è quando Ben Harper elimina la ninna nanna che ha scritto per la figlia di Ledger - c'è un chiaro riluttanza a sondare sotto il più ovvio dei sentimenti. Naomi Watts è una presenza benvenuta, ma non si fa menzione del fatto che siano usciti insieme. Michelle Williams, la madre del figlio di Ledger, è menzionata solo di sfuggita. Inutile dire che la sua riluttanza a partecipare a un progetto come questo è perfettamente comprensibile, ma Murray e Buitenhuis non riescono a compensare tali omissioni lampanti, strutturando il film attorno ai vari sforzi creativi di Ledger piuttosto che alle sue relazioni personali. Più il film continua, più sembra che la sua vita si riduca alla sua filmografia.

Tuttavia, è bello sentire le persone demistificare il mito fanatico troppo zelante secondo cui Ledger è stato impazzito dal processo di interpretazione del Joker. E c'è qualche verità sull'idea che Ledger fosse ampiamente definito dal suo lavoro. Il ragazzo era irrequieto in ogni senso della parola, la sua ossessione per il musicista Nick Drake galvanizzata dalla loro incapacità condivisa di spegnersi. “; Heath era la persona più viva, ”; uno dei suoi amici dice, forse pure vivo per vivere a lungo. O forse no. Ledger potrebbe essere morto giovane, ma - se non altro - questo toccante omaggio documentario non lascia dubbi sul fatto che alla fine ci sopravvivrà tutti.

Grado: B-

“I Am Heath Ledger” è stato presentato in anteprima nella sezione TV Tribeca del Tribeca Film Festival 2017. Verrà proiettato nelle sale mercoledì 3 maggio e andrà in onda su Spike TV il 17 maggio.

Ricevi le ultime notizie sul botteghino! Iscriviti alla nostra newsletter al botteghino qui.

episodio stagione 5 2


Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers