RECENSIONE | Immagina che: 'The Fall' di Tarsem Singh

Drammaturgo John Guare deve aver avuto un regista indiano Tarsem singh (o come spesso è semplicemente noto, Tarsem) quando ha scritto della crescente esteriorizzazione del termine 'immaginativo': 'Perché' immaginazione 'è diventata sinonimo di stile?' Singh realizza film che ispirano una serie di aggettivi similmente abusati : “Sontuoso”, “surreale”, “strabiliante”, “allucinatorio”. È specializzato in audaci composizioni, gira in luoghi esotici, adatta i suoi attori a costumi unici che appaiono simultaneamente futuristici e vecchio stile, e in due sole caratteristiche , compresi i nuovi e quindici anni in corso 'La caduta, 'Ha mostrato una predilezione per le storie sul' potere dell'immaginazione '.



Sfortunatamente, mancando della capacità di creare storie coerenti guidate da personaggi coinvolgenti, Singh compensa la sua tavolozza visiva caratteristica e perde una presa su entrambi nel processo, un difetto fatale che può essere ricondotto al suo unico altro lavoro non pubblicitario, il poetico video vacuo per R.E.M.'S 'Perdendo la mia fede' e il 'Il silenzio degli innocenti“-As-Dali-butt-off“La cellula. ”È il classico caso di un cineasta nato a fare il regista.

migliori documentari biografici

Basato sul film bulgaro del 1981 “Yo Ho Ho'E scritto da Singh con E Gilroy e Nico Soultanakis, 'The Fall' si svolge a Los Angeles nel 1915 ('Once Upon a Time', ovviamente) e stelle Lee Pace nel ruolo di Roy Walker, uno stuntman che finisce in ospedale dopo essere caduto da cavallo sul set. Rilassato e incapace di sopportare la vista della sua ragazza infermiera (Justine Waddelllasciandolo per una bella stella, Roy decide di suicidarsi convincendo l'immigrato rumeno Alexandria (5 anni)Catinca Untaru), anche in ospedale che si sta riprendendo da una caduta, per rubargli una bottiglia di morfina in modo che possa prendere una dose fatale.



La fa amicizia raccontando una fantastica fiaba in cui interpreta il bandito nero, Alessandria sua figlia, l'infermiera una principessa, la stella il malvagio governatore Odious e un gruppo di ragtag che sostiene gli stranieri (gli indiani, gli italiani) dall'ospedale i fedeli seguaci del bandito nero, tra cui un Charles Darwin ricoperto di pavone e aiutato dalle scimmie (Leo Bill), ognuno con le proprie lamentele personali contro il cattivo.



Liberamente prendendo la sua struttura e il suo epico libro di fiabe stravaganti da 'Il mago di Oz' e 'La sposa principessa, '' The Fall 'spinge via un po 'di' immaginazione 'dai sontuosi costumi e dalle due dozzine di paesi usati come ambientazioni: templi esotici, elefanti che nuotano, una città di edifici di pietra blu, dervisci rotanti, un enorme lenzuolo che cola sangue nel nel mezzo di un deserto. Aggiungi toni religiosi ('Stai cercando di salvare la mia anima?', Chiede Roy ad Alessandria), un ricco simbolismo (denti, farfalle, bambole), un pegno autoreferenziale alla magia del cinema puramente visivo (il film si conclude con un montaggio di silenzioso -era slapstick classici), e hai un intero film.

Allora perché 'The Fall' finisce per sentirsi così vuoto? A Singh dovrebbe essere dato il merito dove è dovuto: ha seguito la sua visione con un'impresa monumentale e ha anche migliorato l'orrore a testa vuota di 'The Cell' realizzando un film di natura divertente e seria. Ma questo lavoro d'amore non si riunisce perché la sua storia - così essenziale in un film sulla narrazione, dopo tutto - semplicemente non c'è. I personaggi sul lato della realtà dell'arcobaleno sono completamente monodimensionali, il che porta Singh a prendere decisioni terribili come apparentemente lasciando spazio a Untaru per l'improvvisazione (la sua griglia contorta e adorabile).

x-men apocalypse olivia munn

Sul lato fantasy, la sua direzione artistica esagerata e le combinazioni di colori - il sangue rosso è ROSSO; le posizioni desolate sono DESOLATE - crescono punendo nella loro scala immodesta e in eccesso melodrammatico, costringendo la storia spesso sciatta raccontata a mettere un sedile posteriore alla grandiosità visiva del regista. Non sono abbastanza ingeneroso da dire che alcuni spettatori potrebbero sbagliarsi per essere commossi da 'The Fall', e forse la mia disapprovazione è una semplice questione di gusti per il modesto sull'ostentato; ma non posso fare a meno di confrontarlo con Hou Hsiao-hsien'Più recente'Volo del palloncino rosso', Un film che crea in modo così delicato e delicato un mondo di incanto dagli elementi grezzi della vita quotidiana che dimostra che la meraviglia può essere raggiunta senza confondere lo spettatore con la sottomissione.

[Michael Joshua Rowin è uno scrittore dello staff di Reverse Shot. Scrive anche per la rivista L, Stop Smiling, e gestisce il blog Hopeless Abandon.]



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers