RECENSIONE | Knock Off: 'Roman de gare' di Claude Lelouch

Stand-art degli anni sessanta Claude Lelouch è, a quanto pare, vivo e vegeto e vive a Parigi. Ha anche diretto un nuovo film; il titolo, 'Romanzo di stazione', Incessantemente punito nel film, apparentemente si riferisce a quei thriller tascabili a buon mercato disponibili nelle stazioni ferroviarie, roba da ciarpame buona per una lettura delle vacanze. Un'occhiata alla mia cartella stampa insolitamente spessa mostra una Lelouch intervistata sulla difensiva del suo presunto status di regista 'popolare' o 'di massa' (tutto è relativo) - da qui la sua adozione di materiale X.

Patricia Highsmith annuisce a parte, 'Roman de gare' è una collezione uniformemente grezza e asinina di tropici best-seller. L'approccio di Lelouch è quello di liberare molteplici ambizioni ambigue nella speranza che si sovrappongano simultaneamente al film con suspense. Il film si apre con un romanziere misterioso di successo (Fanny Ardant) alla griglia di detective in associazione con la morte del suo ghostwriter. Backtrack to a Dark and Stormy Night; la radio annuncia che un serial killer pederast è in libertà, attirando i bambini con trucchi magici. Taglia su: Pierre (Dominique Pinon) che perseguita una stazione di servizio autostradale, dove sta cercando di prendere Huguette (Audrey Dana), una giovane donna devastata che è stata appena abbandonata dal suo fidanzato mentre tornava a casa per incontrare i suoi genitori.

All'inizio resistente - naturalmente, come Pinon, ricordato al meglio negli Stati Uniti da Jean-Pierre JeunetI film, ha la faccia schiacciata di un pesce di acque profonde - Huguette alla fine acconsente alla sua offerta di un passaggio. È il killer fuggito? Il futuro ghostwriter? Qualcos'altro del tutto? Indipendentemente da ciò, chiunque abbia visto un film predirà correttamente che Pierre finisce per posare come il fidanzato assente per la famiglia rustica di Huguette (vivono una di quelle fantasie fetish della vita rurale, invariata dalla posizione di Petain a Verdun). Quindi il secondo presagio: 'La volpe è libera nel pollaio', il potenziale assassino ha invitato in intimità vulnerabili.



L'idea, suppongo, è che la bruttezza di Pinon potrebbe anche essere letta come accattivante o sinistra, anche se il film non sviluppa mai un vero senso di minaccia. Per molto più a lungo di quanto abbia il diritto di essere, 'Roman de gare' è un film molto guardabile, anche coinvolgente. Tutto questo grazie a Mme. Dana, un neofita dello schermo francese. È difficile dire quanto sia un'attrice, ma è straordinariamente attraente - i suoi lineamenti sono piacevolmente barbarici, la sua voce cruda e asciutta - e Lelouch ha il senso di concederle ampio tempo ravvicinato sullo schermo centrale.

L'inevitabile caduta si verifica quando Huguette si ritira, e il film difende la sua attenzione ad avvolgersi pesantemente nel suo raccolto di aringhe rosse, aprendo il campo a una popolazione di noiosi personaggi secondari e doppie croci che producono un effetto cumulativo più noioso che sorprendente. Parafrasando il vecchio 'affanno'Slogan, l'unica cosa più noiosa dei primi 10 minuti di' Roman de gare 'è l'ultima mezz'ora.

[Nick Pinkerton è uno scrittore del personale di Reverse Shot, un collaboratore di Stop Smiling e un critico regolare per la Village Voice.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers