RECENSIONE: La vita è di nuovo bella: 'Pane e tulipani' raffermo in Italia

RECENSIONE: La vita è di nuovo bella: il pane e i tulipani raffermo dell'Italia



di Scott Foundas


(indieWIRE / 07.26.01) - Una donna italiana, Rosalba (Licia Maglietta), in vacanza con la sua famiglia, viene lasciato indietro a una fermata di sosta e, invece di ricongiungersi con suo marito e i suoi due figli, decide di fare l'autostop a casa. Lungo la strada, viene distrutta a Venezia e, inspiegabilmente, decide di restare per un po ', prendendo residenza con un maitre islandese (Bruno Ganz) e lo sbarco di un lavoro come assistente di un vecchio fiorista ingenuo (Felice Andreasi). Questo è il presunto divertente set-up di Silvio Soldini'S 'Pane e Tulipani, 'Un film che adotta, con angosciante conforto, ciò che è diventato una sorta di formula cinematografica provata e vera: la donna di mezza età, sposata, che in qualche modo è così presa dalla sua vita quotidiana che deve iniziare un fumetto / romantica avventura di scoperta di sé.

È questo ciò che 'Thelma & Louise'Ha battuto? L'idea che ogni volta che vediamo una donna di circa 40 anni, con marito e figli al seguito, dovremmo immediatamente supporre che la donna sia infelice e la sua famiglia ingrata del suo sostegno altruistico? Certamente, questa è l'impressione che 'Bread and Tulips' dà, a malapena una pausa per presentarci alla donna o al marito o ai suoi figli prima di recidere bruscamente i loro legami. E ciò che è davvero fastidioso in tutto ciò è la compiacenza con cui Soldini si trascina avanti, fiducioso di aver colpito il foraggio ideale per la fantasia blithe e il romanticismo evasivo.

Questo potrebbe funzionare per alcuni: il pubblico con cui ho proiettato il film,
composto principalmente da donne di mezza età e anziane, applaudito alla conclusione.

Ma a questi occhi, c'è poco qui che è autenticamente comico o romantico, e c'è poco da lodare in un film che recita in modo così improbabile secondo uno schema indolente e preconcetto. Se c'è un punto luminoso qui, è l'apparizione del nome di Bruno Ganz nei titoli di apertura del film - carattere bianco su uno sfondo nero innocente prima di sapere a cosa ci riserviamo.

E quando appare Ganz, nei panni di Fernando, il maitre, è curvo e abbattuto dal tempo e dall'insoddisfazione. È una fisionomia distintiva, qualcosa che un grande attore può realizzare anche quando gli vengono date crocchette con cui lavorare. Il film chiede a Ganz di svolgere una serie di compiti singolarmente non gratificanti: interpretare timidi, freddi, burberi; agire suicida; e ospitare un profondo 'segreto' che, ovviamente, spiega il suo comportamento 'eccentrico'. Tutto ciò viene trasmesso da Soldini attraverso una serie di pantomime didattiche orribilmente messe in scena (Fernando disconnette un cappio di corda dal soffitto della sua camera da letto; Fernando si intrufola per passare il tempo con una strana donna e un ragazzo) che rappresentano la maggior parte di Ganz Più o meno 25 minuti di tempo sullo schermo (nonostante la fatturazione principale condivisa). Tuttavia, Ganz mantiene la sua dignità. Il film no.

Naturalmente, Rosalba e Fernando si innamorano lentamente l'uno dell'altro. Ma se il protagonista romantico maschile in un film è sullo schermo solo per un quarto del tempo di esecuzione, cosa fare? Bene, per Soldini, la soluzione è quella di entrare in un disordinato detective in stile ispettore Clouseau (Giuseppe Battiston), che in realtà è un idraulico, inviato dal marito di Rosalba per rintracciare la sua posizione. E mentre desideriamo ardentemente che il film si concentri maggiormente su ciò che motiva Rosalba e sul motivo per cui sembra non curarsi abbastanza della sua famiglia per dare loro una sola telefonata, una quantità eccessiva di tempo viene quindi dedicata a pratiche schiaffeggianti che coinvolgono la ricerca del detective per una camera d'albergo a Venezia, il suo rapporto con sua madre assillante e la sua storia d'amore in fiore con uno dei vicini di Rosalba. In verità, potrebbe essere il personaggio che conosciamo meglio entro la fine del film.

Nei suoi penultimo momento, 'Bread and Tulips' alla fine concede a Rosalba un sobrio momento di realizzazione, e lei ritorna a casa, anche se a questo punto tale gravità sembra uscire dal campo di sinistra. Tuttavia, non passa molto tempo prima che la grezza tecnica di Soldini non riesca più a resistere all'impulso di andare verso un finale 'felice' a tutti i costi, dandoci una scena finale così singolarmente incredibile da infondere il concetto di 'legare le cose in un pacchetto ordinato'
con ritrovata banalità.

Eppure 'Bread and Tulips' è già un grande successo nella sua nativa Italia, con 9 Oscar italiani al suo attivo. E in un momento in cui solo alcune immagini in lingua straniera sono abbastanza fortunate da sbarcare nella distribuzione americana, è stata acquisita da Immagini a prima vista (sebbene non, sorprendentemente, dai muscoli del mercato Miramax, che ha bloccato quasi ogni altro frammento di schmaltz italiano in vista). Ciò significa che 'Bread and Tulips' probabilmente incontrerà solo una frazione del successo di 'Il Postino, ''La vita è bella' e 'Malena, 'Che suppongo sia appropriato, dal momento che è di gran lunga il peggiore del lotto. Ma questa recente serie di popolari importazioni italiane sono tutti fratelli nel loro mascherato sforzo di gravi circostanze con effetti spensierati.

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers