RECENSIONE | Life and Limb: 'Quid Pro Quo' di Carlos Brooks

Castrato due volte in 'Sin City, 'Pugnalato e picchiato a morte in'prepotente, 'Sparato in faccia in'Nella camera da letto', E più recentemente un adolescente emotivo maltrattato mentalmente in'Sleepwalkers, ' Nick Stahl si sta costantemente ritagliando una nicchia per se stesso come il capro espiatorio del cinema indipendente americano contemporaneo. Nel bene o nel male, Carlos Brooks'Funzione di debutto'What Happens in Vegas'Consente a Stahl di laurearsi con questo piccolo tipo di tipografia, rendendolo meno il destinatario passivo della violenza e più uno che resiste alle sue conseguenze. Un paraplegico Ira Glass-come il commentatore radiofonico pubblico, il timidamente Isaac Knott di Stahl è sopravvissuto a un disastro automobilistico infantile che ha causato la morte dei suoi genitori e l'uso delle gambe.

Come PWD (persona con disabilità), Knott naviga in un mondo AB (abile), che il film interpreta in modo allarmante antagonista. Questo è, apprendiamo, un mondo in cui i conducenti di cabine hack non si fermano per un uomo su sedia a rotelle (per paura di essere rapinato?) E in cui nessuna donna normale potrebbe deliberatamente entrare in un appuntamento al buio con un paraplegico. Ma è anche uno in cui i disabili su sedia a rotelle e coloro che li circondano parlano incessantemente della loro disabilità e poco altro prezioso - e in cui i perversi insidiosi, abili, ma comunque accattivanti tentano di trovare modi per rendersi incapaci di camminare.

Offuscato da un'e-mail anonima, Knott viene invischiato nel mondo sotterraneo dei 'wannabes' - quegli AB che gelosamente bramano la vita del PWD, per ragioni che sembrano complicate, ma che il film spesso caratterizza come un desiderio superficiale di siediti tutto il tempo. Presto Knott individua l'e-mail, Sophie, (interpretata da 'La partenza''S Vera Farmiga), che rivela rapidamente le proprie ambizioni di disabilità. 'Sono già paralizzato', dice Sophie a Isaac. 'Sono solo intrappolato nel corpo di una persona che cammina.' Tuttavia, il suo interesse per Isaac non è solo clinico, ma personale, e in breve tempo sta cercando di avvolgergli le zampe intorno a lui e cerca istruzioni sulla guida in sedia a rotelle e sull'etichetta PWD.



cosa vogliono le donne trailer

Uno dei principali dilemmi di 'Quid Pro Quo' è se si intende che sia una farsa o un thriller, e l'irregolarità del tono del film a volte mantiene il film abbastanza coinvolgente. L'urgenza di questa domanda si intensifica man mano che il film avanza, con la relazione di Sophie e Isaac che diventa più interdipendente e Isaac scopre un paio di quelle che sembrano essere 'scarpe magiche' che gli permettono di camminare. Lo spettatore è lasciato a chiedersi se Brooks avesse visto Melody Gilbert'Documentario'Totale, 'Sulle persone reali che cercano amputazioni mediche inutili e hanno cercato di farne una commedia. Ma in realtà, 'Quid Pro Quo' non è affatto divertente, ma solo occasionalmente sarcastico, la sua trama è un susseguirsi di speculazioni pop-psic cotte a metà e il suo dialogo un campionamento glib di sub-Diablo Cody incredibilità ('Pensi che io sia fottuto in testa.' 'No, penso che tu sia sbattuto in testa in testa.' 'Okay, stai paralizzando.').

meglio chiamare il riepilogo degli episodi di Saul

A loro merito, sia Farmiga che Stahl lavorano coraggiosamente all'interno dei vincoli della sceneggiatura (specialmente quest'ultimo, che è il narratore e il focus del film, ma il cui personaggio si sente stranamente sottoscritto). Per molti, la vista del vampiro Farmiga su una sedia a rotelle sarà un piacere raro, anche se forse uno di natura più depravata di quanto i registi vorrebbero credere. Sebbene il film accenni a argomenti delicati e psicologicamente complessi, sembra molto più interessato a racchiudere la sua storia in un modo carino e intelligente che approfondire un ricco territorio emotivo. Fortunatamente, questo significa anche che 'Quid Pro Quo' non è abbastanza profondo da essere offensivo.

[Leo Goldsmith è scrittore dello staff di Reverse Shot, nonché redattore di Non venire in un teatro vicino a te.]

Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers