Recensione: 'Mary And Martha' con Hilary Swank nei panni di una commedia teatrale drammatica

“Lo sapevi che se prendi ogni singola persona uccisa in un atto terroristico in tutto il mondo negli ultimi vent'anni, e aggiungi a ciò tutte le vite perse in Medio Oriente dal 1967 - la Guerra dei 6 giorni - e aggiungi a che ogni singola vita americana persa in Vietnam, in Corea e in ogni singolo impegno americano da allora - Iraq, Afghanistan ... Se prendi tutte quelle vite e moltiplichi per due, questo è il numero di bambini che muoiono di malaria ogni singolo anno ,” James Woods intimi gravi in ​​'Maria e Marta. ”Il fatto che questo pubblico che educa il factoide venga durante uno dei momenti culminanti del film dovrebbe dirti tutto ciò che devi sapere sulle intenzioni e le scelte narrative in questo clunker sentimentale, mal giudicato, di una nota, che è ancora un altro passo falso di due- vincitore del premio Oscar Hilary Swank.



Nel film, interpreta la Mary del titolo, una donna quasi odiosamente ricca che vive in Virginia, sposata con Bruce Wayne Frank Grillo, un'imprenditrice, con la sua attività di progettazione (la casa in cui vivono sembra strappata dalle pagine di Architectural Digest) e la madre adorabile al figlio pre-adolescente in qualche modo ritirato, George (Lux Haney-Jardine). Perché è così distante? Si scopre che è vittima di bullismo a scuola, e quando i funzionari della scuola non fanno davvero nulla, e neanche il suo intervento (imbarazzante) non funziona, fa i bagagli a George e si dirige in Sudafrica per un soggiorno di sei mesi. Lì lo studierà a casa e lui sarà in grado di ritrovare la sua fiducia.

Nel frattempo, nel Regno Unito, Martha (Brenda Blethyn) osserva il suo unico figlio Joe (interpretato con grande carisma da Sam Claflin), un giovane ventenne che vuole vedere il mondo, si prepara mentre si dirige in Mozambico per fare volontariato e lavorare e trascorrere del tempo incontrando persone nuove persone. Joe si sta preparando a lasciare il nido, e mentre Martha continua a agitarsi su di lui proprio come farebbe se fosse un bambino, deve comunque salutarlo mentre parte per un'avventura. Ma come puoi già immaginare dal titolo, non passerà molto tempo prima che Martha incontri Mary, ma cosa li unirà?



La risposta a questa domanda è: morte e coincidenza. Innanzitutto, vediamo George morire un po 'in modo orribile, con una puntura di zanzara che si trasforma in malaria che si trasforma in convulsioni nel pronto soccorso con i medici incapaci di salvare la vita del figlio di Mary. Dopo il funerale, Mary torna in Sudafrica per cercare una chiusura e per caso si imbatte per caso in Martha su una spiaggia abbastanza casuale, e dopo letteralmente due minuti di conversazione, si rendono entrambi conto di aver perso i loro figli! Non c'è modo! Viene creato un legame istantaneo e indissolubile e prima che tu possa dire 'inventato' i due stanno facendo tutto il possibile per aiutare i meno privilegiati e aumentare la consapevolezza della malattia prevenibile che recita troppe vite, compresi i bambini. Intenzioni ammirevoli, vero?



Peccato per la sceneggiatura di Richard Curtis ( 'Cavallo di battaglia, ''Notting Hill, ''Amore attuale“) Colpisce ogni cliché già ben consumato del film messaggio (questo è praticamente un film informativo di beneficenza di 90 minuti), con Mary che rischia il suo matrimonio e le amicizie To Fight for A Cause. Ma forse il crimine più eclatante del film (diretto quasi in modo anonimo da Phillip Noyce) è che concentra la perdita e il dolore del film su due donne occidentali benestanti, invece che tra quelle che non hanno il lusso di mettere le loro vite in attesa di ritrovarsi e di capire cosa fare con un dolore così devastante. Il film rasenta l'offensiva diffidenza nei confronti delle stesse persone per le quali si suppone stia cercando di sensibilizzare. Almeno tre volte nel film, la cucina africana viene suggerita come immangiabile in uno scherzo strano e strano, ma soprattutto, non ci sono personaggi del continente di alcun peso o importanza reali.

Bongo Mbutuma interpreta l'autista di Mary nei suoi viaggi in Sudafrica, ma non c'è molto altro da definire oltre a quello che preferisce la musica country e occidentale Ladysmith Black Mambazo (qualcosa che quasi fa cadere Mary per lo stupore, perché, naturalmente, tutto il popolo africano dovrebbe ascoltare solo artisti africani, essendo l'implicazione). Nel frattempo, il breve interesse amoroso di Joe è poco più di una bella donna sul braccio prima che muoia dallo schermo (una decisione curiosa data la sua importanza nelle prime fasi del film, e una che forse suggerisce che sia rimasto del materiale sul taglio piano della stanza). Ma soprattutto, 'Mary and Martha' presenta un'Africa molto esotica, dove quasi tutto ciò che non è la norma nordamericana è positivamente Kooky. E non mancano neppure adorabili bambini da affrontare ... fino a quando una manciata di loro muore in una narrazione particolarmente grossolana e in manipolazioni emotive.

C'è davvero solo una grande scena in 'Mary and Martha', e non sorprende che coinvolga Martha (Blethyn è una grande attrice, sprecata a fondo con materiale come questo, anche se lei fa quello che può) e suo marito. Arrivando in Mozambico per portarla a casa dopo essere rimasta per aiutare nella scuola dove suo figlio insegnava prima che morisse, il marito di Martha Charles (Ian Redford) non capisce cosa ci faccia lì. Ma invece di un monologo sceneggiato che alla fine si ricollega alla lotta contro la malaria, ciò che emerge è una scena meravigliosa e straziante, con Martha che si rende conto che suo figlio era la colla che teneva insieme un matrimonio e una relazione che erano svaniti da tempo. Questo momento suggerisce un film diverso, e molto migliore, su due donne che perdono i figli all'inizio e alla fine della vita e su come riorienta la loro esistenza e relazioni. Ma questo non è il film che abbiamo ottenuto.

Invece, 'Mary and Martha' presenta nobili crociati i cui sforzi finiscono per riscattarsi. Il grande climax del film arriva in un'audizione del Comitato degli stanziamenti, in cui il governo decide su quanti aiuti daranno a varie cause di beneficenza. Come ci si potrebbe aspettare, ci sono molti monologhi, immagini di graziosi bambini africani, lacrime e il risultato finale? Mary salva il suo matrimonio e riaccende la sua relazione con il suo lontano padre (Woods), che ha chiesto un favore politico che le ha permesso di parlare in udienza. Martha ... beh, Martha riesce a rimanere in giro e continua a non tornare nel Regno Unito per affrontare la vita che si è lasciata alle spalle. E i bambini, le donne e gli uomini stanno ancora morendo? Ottengono la dignità di una carta del titolo di pre-credito che annuncia che la malaria può essere conclusa nella nostra vita se l'impegno è lì. [D]



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers